Pagina 4 di 4 primaprima ... 2 3 4
Visualizzazione dei risultati da 31 a 37 su 37

Discussione: PILLOLA: step necessari per aprire un server in casa propria

  1. #31
    Il server casalingo è una cosa figa, alcune cose le aggiungerei e alcune cose le toglierei come problemi.

    Aggiungerei che un computer acceso 24 ore su 24 in ambiente non filtrato si riempie di polvere internamente che è una cosa da far schifo il dissipatore diventa un ammasso nero, l'alimentatore pure e si brucia.

    Per l'elettricità è semplice invece, si va su ebay o dove vi pare e si compra un gruppo elettrogeno a benzina non a gasolio che son piu piccoli da due kilowatt, che con 100 200 euro ce la si cava benzina esclusa, poi comprare un ups magari dell'apc che faccia da tampone, e costruirsi un piccolo sistemino con un relè, sempre che il gruppo elettrogeno non lo abbia già incorporato (sicuramente no), che stacchi il computer dall'alimentazione principale in caso di assenza di tensione via relè e dia il comando al gruppo posto sul terrazzino, o in casa se è di quelli silenziati di partire, non serve tirare la corda, solitamente hanno un motorino di avviamento, dipende dai modelli
    Con questo sistema potete tener su anche 4, 5 6 server attaccando pure un monitor a tutti.

  2. #32
    Utente di HTML.it L'avatar di Igreo
    Registrato dal
    Jun 2004
    Messaggi
    1,107
    Cosa significa avere un ambiente filtrato?

    Grazie!

  3. #33
    Moderatore di Altri Server + Database L'avatar di SUPERMIKY
    Registrato dal
    Jun 2001
    Messaggi
    1,715
    Originariamente inviato da ciberdany
    Aggiungerei che un computer acceso 24 ore su 24 in ambiente non filtrato si riempie di polvere internamente che è una cosa da far schifo il dissipatore diventa un ammasso nero, l'alimentatore pure e si brucia.
    infatti si parlava di server, non di "computer".
    e non ho mai visto un alimentatore bruciarsi per polvere...

    Originariamente inviato da ciberdany
    Per l'elettricità è semplice invece, si va su ebay o dove vi pare e si compra un gruppo elettrogeno a benzina non a gasolio che son piu piccoli da due kilowatt, che con 100 200 euro ce la si cava benzina esclusa, poi comprare un ups magari dell'apc che faccia da tampone, e costruirsi un piccolo sistemino con un relè, sempre che il gruppo elettrogeno non lo abbia già incorporato (sicuramente no), che stacchi il computer dall'alimentazione principale in caso di assenza di tensione via relè e dia il comando al gruppo posto sul terrazzino, o in casa se è di quelli silenziati di partire, non serve tirare la corda, solitamente hanno un motorino di avviamento, dipende dai modelli
    Con questo sistema potete tener su anche 4, 5 6 server attaccando pure un monitor a tutti.
    non vedo come e dove possa c'entrare il suggerimento di un gruppo elettrogeno a benzina, chiaramente oltre lo scopo di un server domestico.

    per cortesia, questa è una discussione che vuole essere punto di riferimento per tutti coloro che altrimenti aprirebbero mille topic identici. non è un bar dove ognuno dice la sua sui server, così per sentito dire.

    grazie.
    vCard | CV | Social networks
    No, in privato non ti aiuto.

  4. #34
    Utente di HTML.it L'avatar di Igreo
    Registrato dal
    Jun 2004
    Messaggi
    1,107
    Cosa significa avere un ambiente filtrato?
    UP!

  5. #35
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Jul 2005
    Messaggi
    642
    ciao,
    il titolo di questo post è interessante, ma a me servono indicazioni pratiche su come faccio a configurare windows server 2003 per uscire su internet?
    come configurare l'ip statico ,dove , come confgurare il dns ecc...

    riguardo poi al discorso della convenienza o meno secondo me la parola casalingo è forviante, perchè per casalingo si intende anche una startup che vuole inizare a creare la sua web farm non si puo' mica inizare subito con un generatore atomico di corrente 10000 giga di banda ecc..
    si perche' ricordiamoci che la banda si puo cumulare facendo arrivare la fornitura su piu linee e da piu operatori
    Paolo Spinoglio
    Milano

  6. #36
    Moderatore di Altri Server + Database L'avatar di SUPERMIKY
    Registrato dal
    Jun 2001
    Messaggi
    1,715
    Originariamente inviato da cipcip
    ciao,
    il titolo di questo post è interessante, ma a me servono indicazioni pratiche su come faccio a configurare windows server 2003 per uscire su internet?
    come configurare l'ip statico ,dove , come confgurare il dns ecc...

    riguardo poi al discorso della convenienza o meno secondo me la parola casalingo è forviante, perchè per casalingo si intende anche una startup che vuole inizare a creare la sua web farm non si puo' mica inizare subito con un generatore atomico di corrente 10000 giga di banda ecc..
    si perche' ricordiamoci che la banda si puo cumulare facendo arrivare la fornitura su piu linee e da piu operatori
    come scritto in testa al post, non è intenzione né scopo del post fornire le informazioni per la configurazione di ogni singolo ambiente.

    tantomeno si vuole fornire la prassi per lo startup di una webfarm (cosa che avviene con fondi e strumenti completamente diversi da quelli descritti nell'how-to): è ben specificato che la "pillola" si rivolge ad un pubblico amatoriale o comunque che non punta certo ad un ambiente di produzione seguendo questa guida.

    buona settimana
    Supermiky
    vCard | CV | Social networks
    No, in privato non ti aiuto.

  7. #37
    Ciao a tutti.
    Ho aperto erroneamente il Topic 'registrazione nuovo URL', non essendomi accorto di queste pillole, per cui chiedo a SuperMiky di eliminarlo, visto che non mi risponderà nessuno.
    Ho letto attentamente, questa sezione e ho sfruttato quello che ho potuto per crearmi un www server di 'prova', con questi strumenti:

    - pc obsoleto ma di potenza sufficiente allo scopo
    - linea fibra, con IP privato
    - LightTPD-1.4.20-1 + PHP
    - router wi-fi Linksys, con servizio dns

    Ho utilizzato un provider DNS indicato da Lynksys, per far assegnare il nome host a 2 indirizzi, quello privato del bocchettone fastweb, e un'altro proposto dal provider (non sò dove l'abbia preso!! ), e tutti e due i nomi host raggiungono il mio sito prova; ma, come avevo previsto , fuori dalla rete fastweb non sono visibili, probabilmente per il fatto che non ho un IP PUBBLICO
    Ora a chi volesse rispondermi:
    - non è proprio possibile aggirare il problema dell'IP?
    - il fatto che con davanti il famoso www. tutti e due i nomi host non siano visibili, neanche dal mio server, è dovuto anch'esso all'IP, o piuttosto a un'errata config del server, o di qualcosa d'altro?

    grazie a chiunque voglia chiarirmi le idee

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2017 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.