Pagina 9 di 14 primaprima ... 7 8 9 10 11 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 81 a 90 su 131
  1. #81
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Originariamente inviato da lookha
    è quello che dico io!
    Fino ad oggi sono solo speculazioni, illazioni.
    Anche se son logiche e ben argomentate, non ci sono prove definitive e la versione ufficiale è quella che viene accettata in modo più diffuso.
    Ma è sempre e comunque un'ipotesi e in quanto tale è ancor oggi soggetta a studi. E questo bisognerebbe dirlo, per onore alla verità storica, agli studenti italiani.
    agli studenti diresti cosa?
    Che Colombo per il mondo era genovese, ma per qualcuno ancora ci sono dei dubbi? Ma dai?
    Una verità è una verità storica fino a che non viene smentita, non fino a che c'è gente che dubita della sua esattezza.

    Originariamente inviato da lookha
    Per quel che riguarda le conoscenze tecnologiche, bah , ti ricordo che non c'è mai stato bisogno di aver la popolazione di un paese altamente specializzata in tecnologia, è sufficente aver i soldi e alcune persone con conoscenze. E la Spagna si basava sulle conoscenze che aveva in comune con il Portogallo (è normale che ci fosse una certa permeabilità, anche tra paesi rivali) e Jean Bethencourt, un normando al servizio della corte castigliana che durante il 1400 aiutó a conquistare le Canarie.
    Poi ricordo che il Portogallo aveva già navigato fino alle Azzorre e le aveva colonizzate nel 1439, e Colombo visse molto tempo proprio in Portogallo.
    Pertanto, non solo non mi sembra cosí difficile capire che la Spagna, seppur a maggioranza agricola (come del resto la gran maggioranza dei paesi europei) potesse avere persone che sapevano bene come arrivare dall'altra parte dell'Atlantico, ma continuo a non vedere come le conoscenze scientifiche della Spagna abbiano un nesso con l'italianità di Colombo...
    Le conoscenze tecnologiche sono fondamentali quando si parla di esplorazioni. Mi pare evidente che, ad esempio, l'Italia non sarebbe stata in grado di progettare e realizzare una missione sulla luna. Se non consideriamo questo aspetto tra 200 anni qualche professore arriverà a sostenere che Neil Armtrong era italiano e suo fratello Louis un apprezzato cantante che si esibì a Sanremo con la canzone napoletana "mi va di canciare".
    Qualunque imbecille può inventare e imporre tasse. (Maffeo Pantaleoni)

  2. #82
    Utente di HTML.it L'avatar di lookha
    Registrato dal
    Nov 2003
    Messaggi
    15
    Originariamente inviato da webus
    agli studenti diresti cosa?
    Che Colombo per il mondo era genovese, ma per qualcuno ancora ci sono dei dubbi? Ma dai?
    Si.
    Direi, guarda te, la verità: che non ci sono prove sicure ma che l'ipotesi piú probabile e accettata è che Colombo era genovese.
    Tu parli di "verità storica", ma io tutta questa verità non la vedo, solo vedo un'ipotesi accettata per una maggioranza, non una verità storica. È ben diverso.

  3. #83
    la verità è semplice, e mi stupisco di come nessuno ci abbia mai pensato, colombo, lo dice il nome, era colombiano e spacciava coca con la scusa dei viaggi

  4. #84
    Utente di HTML.it L'avatar di tognazzi
    Registrato dal
    Jan 2007
    Messaggi
    1,491
    Originariamente inviato da webus
    Il Tratado de Tordesillas è posteriore alla scoperta dell'America, mi pare quindi ovvio che a quel tempo avessero i mezzi tecnici di cui parlavo.
    Sulla produzione delle carte nautiche è vero che il Portogallo era molto avanti, ma erano sostanzialmente realizzate grazia alla navigazione sotto costa.
    In Spagna invece non risulta ci fosse ancora una scuola di navigazione oceanica come in Portogallo.
    l'Italia a quel tempo era la massima potenza economica mondiale se considerata come somma degli staterelli che la componevano. aveva i migliori cartografi, i migliori costruttori di navi, i migliori navigatori, ecc. e soprattutto aveva la forza del numero, nel senso che altre nazioni avevano alcuni esperti dotati delle stesse competenze ma non in modo così diffuso e comune.
    ma anche la spagna, il portogallo, la francia, l'inghilterra e l'olanda avevano le capacità tecniche per raggiungere l'america, e lo prova il fatto che immediatamente dopo la scoperta di colombo mandarono in america spedizioni simili alle sue (a volte guidate da altri italiani come vespucci e caboto)

  5. #85
    Originariamente inviato da lookha
    comprane una
    se scoppia la bolla magari sì
    The more the state 'plans' the more difficult planning becomes for the individual.
    Sto nella Pampa

  6. #86
    Originariamente inviato da webus
    1- Il Tratado de Tordesillas è posteriore alla scoperta dell'America, mi pare quindi ovvio che a quel tempo avessero i mezzi tecnici di cui parlavo.

    2 - Sulla produzione delle carte nautiche è vero che il Portogallo era molto avanti, ma erano sostanzialmente realizzate grazia alla navigazione sotto costa.

    ...
    Intendevo il periodo.

    1 - 7 Giugno 1794 (1 1/2 dopo la "scoperta" di Clombo)

    2- Non esattamente. Erano bene a conoscenza della navigazione oceanica, astronomica molti anni prima. La navigazione basandosi sull alatitudine (detterminata dall'osservazione dell'altezza della stella Polare o del sole a mezogiorno) è iniziata per parte dei portoghesi intorno al 1480. Questo tipo di navigazione è stata facilitata anche dovuto al grande studio fatto del regime dei venti dell'Altlantico (1439) e all'invenzione da parte dei portoghesi delle "caravelas" le navi di grande portata (indice che tale tipo di navigazione non era casuale).
    Prima di Colombo, i portoghesi avevano già esplorato il nord dell'Atlantico raccogliendo importanti informazioni che più tardi sono state di grande aiuto alla "impresa" di Colombo.

  7. #87
    Utente di HTML.it L'avatar di lookha
    Registrato dal
    Nov 2003
    Messaggi
    15
    Originariamente inviato da webus
    Le conoscenze tecnologiche sono fondamentali quando si parla di esplorazioni. Mi pare evidente che, ad esempio, l'Italia non sarebbe stata in grado di progettare e realizzare una missione sulla luna. Se non consideriamo questo aspetto tra 200 anni qualche professore arriverà a sostenere che Neil Armtrong era italiano e suo fratello Louis un apprezzato cantante che si esibì a Sanremo con la canzone napoletana "mi va di canciare".
    Il Portogallo inventò la Caracca e la Caravella, nella prima metà del 1400.
    E gli spagnoli son quelli che costruirono le caravelle di Colombo (a Cadice, in Galizia o in Cantabria, non ricordo). Pertanto le conoscenze già le avevano.
    Sebbene ci fossero molti contadini in Spagna.

  8. #88
    Utente di HTML.it L'avatar di lookha
    Registrato dal
    Nov 2003
    Messaggi
    15
    Originariamente inviato da vificunero
    se scoppia la bolla magari sì
    dovrebbero fare una faccina con la classica "toccatina"

  9. #89
    Colombo era di nascita genovese poi naturalizzato portoghese, tant'è che sposò una principessa portoghese e visse gran parte della sua vita in Portogallo.

    La Spagna, per quanto ne so io, non è proprio contemplata.

  10. #90
    Utente di HTML.it L'avatar di sustia
    Registrato dal
    Oct 2000
    Messaggi
    1,514
    Originariamente inviato da Giulietta&R.
    Colombo era di nascita genovese poi naturalizzato portoghese, tant'è che sposò una principessa portoghese e visse gran parte della sua vita in Portogallo.

    La Spagna, per quanto ne so io, non è proprio contemplata.
    Se ti sentono puoi scordarti di entrare ancora nel Paese

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.