Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4
  1. #1
    Utente di HTML.it L'avatar di Dwarf
    Registrato dal
    Mar 2002
    Messaggi
    1,907

    Anche la sanità privata non scherza

    BARI - Un ginecologo avrebbe scambiato la gravidanza di una sua paziente per appendicite e per una forma di endometriosi: la donna invece era incinta. Solo quando la ventiquattrenne arrivò al quinto mese, il ginecologo, eseguendo un'ecografia, si accorse della gravidanza e consigliò alla giovane di abortire a causa delle cure mediche prescritte, che avrebbero potuto danneggiare la vitalità del feto.

    I fatti - secondo quanto pubblicano oggi alcuni quotidiani locali - risalgono al periodo compreso fra ottobre 2006 e marzo 2007. L'indagine, ancora alle prime fasi, è coordinata dal pm Angela Morea che ha iscritto nel registro degli indagati per lesioni colpose gravi il ginecologo, in servizio in una clinica privata di Bari.

    - La chiesa è vicina, il bar è lontano, la strada è ghiacciata. Camminerò con attenzione
    (Vecchio proverbio russo)

  2. #2
    Utente di HTML.it L'avatar di indre
    Registrato dal
    Jan 2002
    Messaggi
    2,763

    re

    se avessi scritto BARI nel titolo però...

    cmq spero che sto medico venga radiato..
    non gli fanno mai una cippa di cazzo.
    When I was young I used to pray for a bike. Then I realized that God doesn't work that way. So I stole a bike and prayed for forgiveness.

  3. #3
    Farle fare prima le analisi per vedere se era in gravidanza, no, eh?
    Bah.

  4. #4
    Utente bannato
    Registrato dal
    Mar 2002
    Messaggi
    1,349
    18.000 euro hanno domandato al padre della mia ragazza per un'operazione alla carotide.

    visita durata 4 minuti di cui 3 a constatare quanto stronzo fosse quel medico

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.