Pagina 1 di 3 1 2 3 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 23
  1. #1
    Ovvero anche dal blocco dei camion possiamo trarre un prezioso insegnamento.

    In Italia si trasportana l'ottanta per cento delle merci su gomma. Questo viene usato come arma di ricatto dai trasportatori, ma non è altro che una patologia del sistema.

    In questi giorni, in prossimità dei blocchi e presso i benzinai si vede il delirio. Ma altrove, sulle strade? In questi giorni, in cui i camion si sono tolti dalle scatole, sulle statali si circola magnificamente. Tra l'altro spesso non usano nemmeno le tangenziali; a Milano, per esempio, per spostarsi dalla A1 alla A7, e viceversa, invece di usare la tangenziale ovest, intasano la Melegnano Binasco.

    Questa è la dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che in un paese civile le merci devono circolare su gomma solo quando non si può fare altrimenti; il resto dei trasporti deve essere tolto dalle strade. Quindi, si facciano le infrastrutture necessarie per il trasporto su rotaia, senza dare troppo peso a comitati locali che dissentono a priori, e si facciano regole più stringenti per il trasporto di merci su gomma.

    Va, comunque, sviluppato anche il trasporto pubblico di persone.

  2. #2
    Giusto.
    Metti anche che si rovesci in autostrada il bus delle spogliarelliste svedesi e siamo aposto.

  3. #3
    Utente bannato
    Registrato dal
    Jan 2004
    Messaggi
    124

    Re: Non tutto il male viene per nuocere.

    Originariamente inviato da Miles Messervy
    Questa è la dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che in un paese civile le merci devono circolare su gomma solo quando non si può fare altrimenti; il resto dei trasporti deve essere tolto dalle strade. Quindi, si facciano le infrastrutture necessarie per il trasporto su rotaia, senza dare troppo peso a comitati locali che dissentono a priori, e si facciano regole più stringenti per il trasporto di merci su gomma.

    Va, comunque, sviluppato anche il trasporto pubblico di persone.
    scusa miles, ma da parte dei partiti iniziare a parlare ORA di questo sarebbe tanto necessario quanto IPOCRITA, FALSO e IMBECILLE come chi ci governa da sempre.

    dove stavano fino al'altro ieri?

    ci si sveglia oggi per capire che non si può andare avanti mettendo tutto su strada?

    ci si sveglia oggi sapendo che il gasolio costa l'ira di dio?

    ci si sveglia solo oggi?

    come al solito, in italia, SI.

    e questo mi fa incazzare molto più dei blocchi e dell'andare a piedi.

    ma durasse fino a febbraio.

  4. #4

    Re: Re: Non tutto il male viene per nuocere.

    Originariamente inviato da aeterna
    ma durasse fino a febbraio.
    incredibile, sono daccordo
    bisogna proprio essere dei coglioni per votare questo cdx

    http://www.storiedinapoli.it/

  5. #5
    Utente di HTML.it L'avatar di lnessuno
    Registrato dal
    Feb 2002
    Messaggi
    2,853
    Originariamente inviato da Miles Messervy
    Ovvero anche dal blocco dei camion possiamo trarre un prezioso insegnamento.

    In Italia si trasportana l'ottanta per cento delle merci su gomma. Questo viene usato come arma di ricatto dai trasportatori, ma non è altro che una patologia del sistema.

    In questi giorni, in prossimità dei blocchi e presso i benzinai si vede il delirio. Ma altrove, sulle strade? In questi giorni, in cui i camion si sono tolti dalle scatole, sulle statali si circola magnificamente. Tra l'altro spesso non usano nemmeno le tangenziali; a Milano, per esempio, per spostarsi dalla A1 alla A7, e viceversa, invece di usare la tangenziale ovest, intasano la Melegnano Binasco.

    Questa è la dimostrazione, se ce ne fosse ancora bisogno, che in un paese civile le merci devono circolare su gomma solo quando non si può fare altrimenti; il resto dei trasporti deve essere tolto dalle strade. Quindi, si facciano le infrastrutture necessarie per il trasporto su rotaia, senza dare troppo peso a comitati locali che dissentono a priori, e si facciano regole più stringenti per il trasporto di merci su gomma.

    Va, comunque, sviluppato anche il trasporto pubblico di persone.

    devo avere la febbre e sono totalmente d'accordo con te

  6. #6
    Originariamente inviato da aeterna
    dove stavano fino al'altro ieri?
    A badare ai vari no global, no TAV, no qualsiasicosa.

    Ma d'altra parte fiché chi fa più casino (vedi i taxisti, i camionisti, i notavisti)...

    Comunque, se ce ne fosse ancora bisogno non l'ho scritto a caso: è da anni che ci si è accorti che non si può andare avanti con tutti questi mezzi pesanti in circolazione.

  7. #7
    Originariamente inviato da Miles Messervy
    A badare ai vari no global, no TAV, no qualsiasicosa.

    Ma d'altra parte fiché chi fa più casino (vedi i taxisti, i camionisti, i notavisti)...
    Tu credi davvero che il problema l'abbia creato questo governo? E' un problema da sempre dell'italia, certo si inizasse a fare qualcosa non sarebbe troppo tardi
    il tempo si fa i fatti suoi

  8. #8
    Originariamente inviato da JackBabylon
    Tu credi davvero che il problema l'abbia creato questo governo?
    Ho forse scritto questo? Anzi, dietro a questo blocco dei camion potrebbe anche esserci l'opposizione (come probabilmente c'era dietro alle proteste romane dei tassisti) se è vero che tra gli organizzatori c'è un deputato di Forza Italia.

    Sicuramente questo governo, come gli altri, è in balìa degli interessi corporativi, perché nel nostro poco democratico sistema le minoranze riescono a tenere in scacco la maggioranza, quindi non si riescono a fare liberalizzazioni e riforme. Ma è necessario non aspettare il prossimo governo: bisogna che i governi si riapproprino il più presto possibile del decisionismo senza continuare a contrattare anche per le merendine da mettere nei distributori automatici dei ministeri. Bisogna che ci si svegli tutti immediatamente.

  9. #9
    secondo teodoro buontempo ( ) la colpa è della Fiat

  10. #10
    Utente di HTML.it L'avatar di wsim
    Registrato dal
    May 2002
    Messaggi
    931
    Vorrei ricordare che questo governo (ministro Bianchi) ha deciso di ridurre i finanziamenti all'autotrasporto su gomma che ogni anno da diverso tempo (sarà più di una decina d'anni) i governi erogavano alle imprese di autotrasporto.

    E' ovvio che uno dei motivi della protesta (anche se se ne parla poco) è anche questo.
    me ne sono andato, ma posso sempre riapparire con la grazia e la leggerezza di un B-52 carico di bombe.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.