Pagina 2 di 7 primaprima 1 2 3 4 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 11 a 20 su 62
  1. #11
    Moderatore di foto/videocamere digitali ed elettronica hi-tech L'avatar di sparwari
    Registrato dal
    Jun 2004
    Messaggi
    7,671
    ma non era l'art. 18 che fa scappare gli investitori stranieri?

    eh? marcegaglia?
    1... 2... 3... prova

  2. #12
    Utente di HTML.it L'avatar di lnessuno
    Registrato dal
    Feb 2002
    Messaggi
    2,738
    Originariamente inviato da sparwari
    ma non era l'art. 18 che fa scappare gli investitori stranieri?

    eh? marcegaglia?
    In effetti mi chiedo quale motivo possano avere per venire ad investire in un paese come il nostro... fra leggi assurde per il lavoro e costo del lavoro (che è ben diverso da quanto prende, netto, un dipendente) a livelli da record dell'universo...

    Si saranno fatti i loro calcoli, presumo

  3. #13
    Originariamente inviato da sparwari
    ma non era l'art. 18 che fa scappare gli investitori stranieri?

    eh? marcegaglia?
    E' ANCHE quello, ma non SOLO...

  4. #14
    Utente di HTML.it L'avatar di kuarl
    Registrato dal
    Oct 2001
    Messaggi
    1,095
    Originariamente inviato da sparwari
    ma non era l'art. 18 che fa scappare gli investitori stranieri?

    eh? marcegaglia?
    mica hanno aperto una fabbrica. Hanno scelto solo dei fornitori italiani fra le aziende esistenti. Loro non hanno assunto nessuno e se le cose un domani andranno male torneranno a rifornirsi in Cina come prima senza licenziare nessuno, perché non hanno assunto nessuno.

  5. #15
    Utente di HTML.it L'avatar di mroghy
    Registrato dal
    Dec 2005
    residenza
    Nato a VE, vivo in prov. di UD
    Messaggi
    949
    Originariamente inviato da kuarl
    mica hanno aperto una fabbrica. Hanno scelto solo dei fornitori italiani fra le aziende esistenti. Loro non hanno assunto nessuno e se le cose un domani andranno male torneranno a rifornirsi in Cina come prima senza licenziare nessuno, perché non hanno assunto nessuno.
    Secondo me continuano a rifornirsi da cinesi, ma senza materialmente andare il Cina.
    Google mente sulla sua popolarità. Leggendo quel che scrivono gli altri, credo di essere l'unico ad usarlo ed a trovare quello che cerco.
    Il 60% di tutte le mie risposte è un copia-incolla dal primo risultato di Google.

  6. #16
    Moderatore di Server Apache L'avatar di marketto
    Registrato dal
    Sep 2001
    Messaggi
    5,858
    Originariamente inviato da BORSE84 R-OH
    dovrebbero (sono in trattativa, ma si dovrebbe fare) aprire un punto vendita qui dalle mie parti a treviso, comuni/sindaci/benpensanti si stanno schierando contro "perché qua perché la" e intanto le famiglie locali sono senza lavoro...
    Originariamente inviato da fcaldera
    a Casale sul Sile
    Personalmente sarei per localizzare una zona industriale/artigianale attualmente non utilizzata ma già edificata, dove demolire e costruire senza consumare ulteriore territorio.
    think simple think ringo

  7. #17
    Originariamente inviato da quaestio
    volevano anche aprire (fonte radio24) una fabbrica nel pisano. dopo 6 anni che aspettavano invano i permessi si sono rotti i cojones e hanno rinunciato.
    volevano aprire un punto vendita, non una fabbrica, che io sappia
    Non parlare di dolore finchè non hai visto le lacrime dei guerrieri

  8. #18
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Nov 2004
    Messaggi
    223
    C'era un intervento interessante sul corriere di ieri di Stefano Liebman , prof ordinario di diritto del lavoro alla Bocconi di Milano, di cui non riesco a trovare il link, che parlava appunto di art 18, investitori stranieri, presunta rigidità del mercato del lavoro e reazioni isteriche degli imprenditori....

    I dati della Oecd collocano il nostro paese fra quelli nei quali il licenziamento individuale è più facile: in una scala numerica da zero ( livello minimo di protezione) a 5 ( massima protezione) l'Italia è a 1,69, accanto all'Irlanda e molto al di sotto di Francia (2,6) e Germania (2,85).....

    Troppe balle, secondo il bocconiano, sono state scritte sull'eccessiva rigidità del nostro mercato del lavoro...

    Se lo scrive anche lui.....

  9. #19
    Utente di HTML.it L'avatar di kuarl
    Registrato dal
    Oct 2001
    Messaggi
    1,095
    Originariamente inviato da olly2
    C'era un intervento interessante sul corriere di ieri di Stefano Liebman , prof ordinario di diritto del lavoro alla Bocconi di Milano, di cui non riesco a trovare il link, che parlava appunto di art 18, investitori stranieri, presunta rigidità del mercato del lavoro e reazioni isteriche degli imprenditori....

    I dati della Oecd collocano il nostro paese fra quelli nei quali il licenziamento individuale è più facile: in una scala numerica da zero ( livello minimo di protezione) a 5 ( massima protezione) l'Italia è a 1,69, accanto all'Irlanda e molto al di sotto di Francia (2,6) e Germania (2,85).....

    Troppe balle, secondo il bocconiano, sono state scritte sull'eccessiva rigidità del nostro mercato del lavoro...

    Se lo scrive anche lui.....
    vidi un discorso simile a servizio pubblico. C'era un indice aggregato che mostrava come la nostra rigidità non fosse troppo distante dai nostri coinquilini europei. Quello che quell'indice non dice è la sua composizione, e cioè che la maggior parte dei lavoratori dipendenti italiani o sono precari o sono dipendenti di piccole e medie imprese e quindi non protetti dall'articolo 18.

    Non per voler nuovamente sottolineare l'ovvio ma l'articolo 18 tutela solo i lavoratori delle grandi aziende, ed è una barriera in ingresso molto grande proprio per queste aziende. Non è un caso che il tessuto produttivo italiano sia fatto tutto di piccole e medie imprese. La riforma ha l'obiettivo di allargare l'articolo 18 a tutti, ma allo stesso tempo renderlo più flessibile per non strozzare le piccole e medie imprese e per fare la corte alle grandi aziende straniere per investire in Italia.

  10. #20
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Nov 2004
    Messaggi
    223
    In Germania il limite è 10 dipendenti se non ricordo male...

    continua scrivendo che nessuna rilevazione empirica sia mai riuscita a dimostrare l'esistenza di alcun addensamento di imprese che, avvicinandosi alla soglia numerica che dà accesso alla famigerata reintegrazione, evitino di crescere per questo...

    e come se nel paese della burocrazia eccessiva, della criminalità diffusa e della corruzione dilagante, come ampiamente detto e scritto, gli investitori stranieri si astenessero da ogni investimento produttivo per paura di non poter licenziare un dipendente se manca la giustificazione.....

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.