Pagina 2 di 2 primaprima 1 2
Visualizzazione dei risultati da 11 a 18 su 18
  1. #11
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Mar 2013
    Messaggi
    290
    Quote Originariamente inviata da Linkato Visualizza il messaggio
    Dovresti fare un corso di lettura veloce, come me... quando hai molti documenti da esaminare è un must.
    interessante come corso

    ps ammetto però che non mi sono nemmeno sforzato in questo caso perchè non ne avevo interesse...

  2. #12
    Utente di HTML.it L'avatar di Kahm
    Registrato dal
    Dec 2004
    residenza
    Rome
    Messaggi
    3,418
    Quote Originariamente inviata da gik25 Visualizza il messaggio
    Ok, già mi avete dato dei buoni consigli: accorciare l'articolo, elencare i contro del vivere in austria.

    Per Kahm.. che amarezza infatti.. forse svegliare gli italiani non è la frase più adatta. Voglio che il mio sia un articolo tra tanti che offre delle risorse e degli spunti di riflessione che possa spingere chi lo legge a farsi qualche domanda che lo porti verso un percorso costruttivo.
    guarda, il problema degli italiani è che la maggior parte non viaggia
    chi ha viaggiato sa bene quanto l'erba del vicino è piu verde, ed anche il motivo

    quando io rientrai in Italia anni fa, ed una mia amica gettò per terra il pacchetto
    delle sigarette,per poco non gli staccavo la testa e la gettavo a terra.
    -mancanza di controlli
    -mancanza di pene certe
    -mancanza di responsabili dei primi due punti
    è normale che poi ognuno fa quello che gli pare , in quanto tutti sanno che non
    ci sono controlli, e nel caso ci fossero, le leggi sono tutte fuffa e con un buon
    avvocato ti toglie dalla situazione

    quello che dico io, è che potresti aggiungere un paragrafo nel far capire all'italiano
    cosa si perde, e si comporta in modo diverso cosa potrebbe avere.
    la cosa è molto difficile da attuare, in quatno in italia (unico paese al mondo) in cui
    se fai il furbo te la cavi meglio di chi segue le regole
    NN vi diro mai chi sono in realta,
    tutti i miei 3D sono orfani, non insistete per farmi rispondere ai 3D aperti da me

  3. #13
    Quote Originariamente inviata da valia Visualizza il messaggio
    e ti consiglio anche di parlare concretamente dei vantaggi: io che sono donna, ho tutele se ho dei figli? hanno tutele i padri?
    la sanità come funziona? Ok, niente liste di attese, benissimo se pubblica, poco meno se cmq pago molto oltre il ticket che paghiamo qui.

    ps tu cosi non porti ad un percorso costruttivo, perché nonostante tutto l'italiano medio ha i soldi per il calcio e per le ferie, finché quelli bene o male ci sono, un invito ad essere costruttivi non puoi nemmeno pensarlo.
    A questo aggiungi il livello medio culturale e il NON VOLER leggere attentamente libri, giornali, riviste che anche se di parte, ti servono da finestra sul mondo, se vuoi (e se ci prendi gusto) ti cerchi altre fonti
    Concordo appieno su tutto. Però io punto al ragazzino che ero io 10 anni fa. Che non aveva idea della ragione per cui avrebbe dovuto informarsi. Che credeva che potesse fidarsi dello stato e delegare tutto a lui.

    10 anni fa ero un bambino cresciuto nella bambagia rattristato dal come andasse il mondo, ma ancora convinto che il mondo fosse civile.. col cavolo!

  4. #14
    Quote Originariamente inviata da Kahm Visualizza il messaggio
    guarda, il problema degli italiani è che la maggior parte non viaggia
    chi ha viaggiato sa bene quanto l'erba del vicino è piu verde, ed anche il motivo

    quando io rientrai in Italia anni fa, ed una mia amica gettò per terra il pacchetto
    delle sigarette,per poco non gli staccavo la testa e la gettavo a terra.
    -mancanza di controlli
    -mancanza di pene certe
    -mancanza di responsabili dei primi due punti
    è normale che poi ognuno fa quello che gli pare , in quanto tutti sanno che non
    ci sono controlli, e nel caso ci fossero, le leggi sono tutte fuffa e con un buon
    avvocato ti toglie dalla situazione

    quello che dico io, è che potresti aggiungere un paragrafo nel far capire all'italiano
    cosa si perde, e si comporta in modo diverso cosa potrebbe avere.
    la cosa è molto difficile da attuare, in quatno in italia (unico paese al mondo) in cui
    se fai il furbo te la cavi meglio di chi segue le regole
    Anche con te concordo in pieno..

    Forse potrei cambiare il primo pezzo scrivendo:
    "Mi presento, sono uno dei tanti italiani emigrati all'estero per trovare un contratto di lavoro decente. Con una laurea sudata, dopo 5 anni di contratto a progetto, stanco di rinunce e di nessuna prospettiva di crescita, mi sono avventurato in Austria.

    A distanza di un anno posso tirare già le prime somme, non senza un po' di amarezza. L'Italia - con tutti i suoi problemi - è la terza economia dell'unione europea. Un dato che mi lascia perplesso quando, esaminando le statistiche, ma anche nella vita quotidiana ad Innsbruck, sono costretto ad ammettere che qui le cose funzionano.

    La città di Innsbruck organizza di continuo piccoli eventi, c'è una forte attenzione per il turismo. Ci sono aiuti consistenti alle famiglie e usufruendo della pubblica amministrazione non ho mai dovuto fare file. A dire la verità non ci sono file neppure dal medico, neppure per le visite e gli esami specialistici.

    La città è curatissima sotto il profilo estetico. La pulizia è esemplare. Qui l'educazione degli automobilisti è tale che ogni volta torno in italia mi sembra di dover fronteggiare un'ondata di automobilisti rissosi e maleducati. Il costo della sanità? L'assicurazione sanitaria è obbligatoria e compresa nelle tasse, come in italia, con la sola differenza, che qui funziona a meraviglia.

    Il lavoro? Qui l'articolo 18 non esiste. è possibile licenziare chiunque senza neppure specificare una ragione. Ma i salari sono molto più alti di quelli italiani, ci si può tutelare stipulando assicurazioni contro la perdita del lavoro. E soprattutto, mentre la disoccupazione giovanile ha superato il 40% qui siamo all'8,9%.

    Certo, l'italia deve fare i conti con la mentalità dei suoi cittadini. Elencare gli errori dei politici è lo sport nazionale, ma resta il fatto che, se è vero che l'Italia è un paese dove la mancanza di controlli e pene certe, la stragrande parte di noi si è sempre limitata a delegare a qualcun altro la tutela dei propri interessi."

  5. #15
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Feb 2007
    Messaggi
    4,161
    Quote Originariamente inviata da gik25 Visualizza il messaggio
    Concordo appieno su tutto. Però io punto al ragazzino che ero io 10 anni fa. Che non aveva idea della ragione per cui avrebbe dovuto informarsi. Che credeva che potesse fidarsi dello stato e delegare tutto a lui.

    10 anni fa ero un bambino cresciuto nella bambagia rattristato dal come andasse il mondo, ma ancora convinto che il mondo fosse civile.. col cavolo!
    e ancora non lo attiri, perché non c'è niente che stimoli il ragazzino in quello che scrivi.

    Mi parli di salari alti, non esistono art. 18, ma dimentichi la facilità con cui si trova lavoro anche a 50 anni.

    A lavoro quanto è richiesto? atteggiamento?
    quali forme ti aiuto ti da la pubblica amministrazione? Paghi le tasse e poi? Si va dal medico anche se non serve oppure si va dal medico se necessario?
    Apprezzo molto il commento di un mio amico passato in Francia "ti fai il maz**, paghi un botto di tasse, ma quanto meno guadagni e ti resta per vivere. Hai asili in azienda per le neo-mamme per non farle uscire dal mercato del lavoro, supporto per la maternità, ma la madre non deve assentarsi più del necessario perché si che si inc*** e ti mandano via con referenze negative."
    Ultima modifica di valia; 08-10-2014 a 15:30
    RTFM Read That F*** Manual!!!

  6. #16
    Guest
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Espoo, Finland
    Messaggi
    289
    Quote Originariamente inviata da Kahm Visualizza il messaggio
    ATTENZIONE
    thread pericolosamente infiammabile al flame
    Per me è stato un piacere leggerla

  7. #17
    Utente di HTML.it L'avatar di lnessuno
    Registrato dal
    Feb 2002
    Messaggi
    2,739
    Quote Originariamente inviata da Little Hawk Visualizza il messaggio
    Per me è stato un piacere leggerla
    Perché non vivi in Italia probabilmente

    A me ha procurato un senso di piacere solo dopo aver realizzato che fra qualche mese me ne andrò anche io Dovrò tornare per un po' di tempo, a fine 2015, ma spero per poco

  8. #18
    Guest
    Registrato dal
    Jun 2012
    residenza
    Espoo, Finland
    Messaggi
    289
    Quote Originariamente inviata da mydb Visualizza il messaggio
    si puo avere un riassunto? non avro mai la forza di leggerla tutta





    Quote Originariamente inviata da lnessuno Visualizza il messaggio
    Perché non vivi in Italia probabilmente

    A me ha procurato un senso di piacere solo dopo aver realizzato che fra qualche mese me ne andrò anche io Dovrò tornare per un po' di tempo, a fine 2015, ma spero per poco
    Dove te ne vai?

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.