Pagina 2 di 3 primaprima 1 2 3 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 11 a 20 su 25
  1. #11
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Quote Originariamente inviata da URANIO Visualizza il messaggio
    No, non è così.
    Sì, è così.
    La faziosità estrema può letteralmente dare dipendenza. (Jonathan Haidt)

  2. #12
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    Sì, è così.
    andiamo avanti a slogan o riusciamo a produrre qualcosa di più concreto? Una legge, una sentenza, un regolamento...

  3. #13
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Quote Originariamente inviata da optime Visualizza il messaggio
    andiamo avanti a slogan o riusciamo a produrre qualcosa di più concreto? Una legge, una sentenza, un regolamento...
    È successo a un mio collega: causa vinta in tribunale.
    Ma se gli slogan non ti piacciono sentiti libero di postare tu una qualche sentenza diversa, o legge o regolamento.

    Una sentenza non significa automaticamente che accade per tutti i casi simili, ma è un precedente che ha valore. Tu che hai?
    La faziosità estrema può letteralmente dare dipendenza. (Jonathan Haidt)

  4. #14
    Moderatore di XHTML e HTML L'avatar di Vincent.Zeno
    Registrato dal
    May 2003
    residenza
    Emilia-Romagna (tortellini und cappelletti land!)
    Messaggi
    19,160
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    È successo a un mio collega: causa vinta in tribunale.
    Una sentenza non significa automaticamente che accade per tutti i casi simili, ma è un precedente che ha valore.
    sarebbe interessante saperne di più...
    ricordo vagamente qualcosa a riguardo (non la sentenza): c'è differenza tra lavorare con strumenti propri in autonomia e lavorare presso "il cliente" con strumenti del cliente.

    se tu potessi rintracciare la sentenza potremmo leggerne le motivazioni e i riferimenti normativi.

  5. #15
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    È successo a un mio collega: causa vinta in tribunale.
    Ma se gli slogan non ti piacciono sentiti libero di postare tu una qualche sentenza diversa, o legge o regolamento.

    Una sentenza non significa automaticamente che accade per tutti i casi simili, ma è un precedente che ha valore. Tu che hai?
    non inalberarti, io semplicemente chiedevo

    sarebbe interessante leggere la sentenza: mi pare strano che il SEMPLICE uso di un PC proprio dia la paternità dell'opera... magari nei "mezzi propri" c'erano anche librerie sviluppate in proprio, definizioni di nuovi algoritmi ecc ecc.

    facce sape'

  6. #16
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Quote Originariamente inviata da optime Visualizza il messaggio
    non inalberarti, io semplicemente chiedevo

    sarebbe interessante leggere la sentenza: mi pare strano che il SEMPLICE uso di un PC proprio dia la paternità dell'opera... magari nei "mezzi propri" c'erano anche librerie sviluppate in proprio, definizioni di nuovi algoritmi ecc ecc.

    facce sape'
    La paternità di un opera di ingegno è sempre innata e inalienabile. Sempre.

    I diritti d'uso o della sua modifica sono invece un altro discorso. Il caso del mio amico/collega si rifà ad oltre 15 anni fa, non so come potrei recuperare tale sentenza e pure lo sapessi non lo farei per comprensibili ragioni di privacy.

    Quello che ricordo bene però è che questo amico mi assicurò che fu proprio il dettaglio che il softaware fu sviluppato su SUO PC a fargli vincere la causa.

    Posso anche aggiungere un altro caso: un mio cliente ha continuato per diversi anni, ovvero per tutto il tempo che lo ha usato, a pagare un compenso mensile per l'utilizzo del mio software. E questo nonostante non gli avessi mai nemmeno ventilato obblighi di legge o cause legali. Dettaglio forse non trascurabile: questo mio cliente lavora nel settore legale.

    Ribadisco: è un dettaglio poco noto ma che può cambiarti la vita.
    La faziosità estrema può letteralmente dare dipendenza. (Jonathan Haidt)

  7. #17
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    La paternità di un opera di ingegno è sempre innata e inalienabile. Sempre.

    I diritti d'uso o della sua modifica sono invece un altro discorso. Il caso del mio amico/collega si rifà ad oltre 15 anni fa, non so come potrei recuperare tale sentenza e pure lo sapessi non lo farei per comprensibili ragioni di privacy.

    Quello che ricordo bene però è che questo amico mi assicurò che fu proprio il dettaglio che il softaware fu sviluppato su SUO PC a fargli vincere la causa.

    ...

    Ribadisco: è un dettaglio poco noto ma che può cambiarti la vita.
    senza leggere la sentenza è impossibile capire -- resto dell'idea che sia stato un dettaglio che si è AGGIUNTO a altre condizioni

    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    Posso anche aggiungere un altro caso: un mio cliente ha continuato per diversi anni, ovvero per tutto il tempo che lo ha usato, a pagare un compenso mensile per l'utilizzo del mio software. E questo nonostante non gli avessi mai nemmeno ventilato obblighi di legge o cause legali. Dettaglio forse non trascurabile: questo mio cliente lavora nel settore legale.
    Detta così non aggiunge nulla al ragionamento: lavoro anche io da quasi 40 anni nel settore del software per studi legali, queste cose sono regolate da contratti. Ci dai qualche elemento in più?

  8. #18
    Moderatore di Windows e software L'avatar di URANIO
    Registrato dal
    Dec 1999
    residenza
    Casalpusterlengo (LO)
    Messaggi
    1,031
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    Posso anche aggiungere un altro caso: un mio cliente ha continuato per diversi anni, ovvero per tutto il tempo che lo ha usato, a pagare un compenso mensile per l'utilizzo del mio software. E questo nonostante non gli avessi mai nemmeno ventilato obblighi di legge o cause legali. Dettaglio forse non trascurabile: questo mio cliente lavora nel settore legale.

    Ribadisco: è un dettaglio poco noto ma che può cambiarti la vita.
    Spe, capiamoci, una cosa è
    1)Il cliente mi paga per sviluppare un software che fa quello che vuole lui.
    2)Una cosa differente è il cliente mi paga per sviluppare una parte del software, quindi contribuire allo sviluppo, secondo le sue regole.

    Nel primo caso tu hai sviluppato un software per lui, non può quindi venderlo ad esempio.
    Senza eventuali clausole potrei prendere il software e venderlo io ad altri clienti.

    Nel secondo caso invece io vendo le mie ore di programmazione di cui il cliente può disporre come vuole.

  9. #19
    Tutto dipende dal contratto con cui si è ingaggiati (e se non c'è contratto allora chiudiamo qui la discussione ): anche se "Il cliente mi paga per sviluppare un software che fa quello che vuole lui" ed è previsto dal contratto, lui (il cliente) può farci quello che vuole, anche rivenderlo. Ho lavorato per clienti che mi davano le specifiche, sviluppavo sul mio PC a casa mia, ma il software era loro, ci facevano quello che volevano (compreso rivenderlo) e i sorgenti erano i loro. Tutto perfettamente lecito.

  10. #20
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Quote Originariamente inviata da URANIO Visualizza il messaggio
    Spe, capiamoci, una cosa è
    1)Il cliente mi paga per sviluppare un software che fa quello che vuole lui.
    2)Una cosa differente è il cliente mi paga per sviluppare una parte del software, quindi contribuire allo sviluppo, secondo le sue regole.

    Nel primo caso tu hai sviluppato un software per lui, non può quindi venderlo ad esempio.
    Senza eventuali clausole potrei prendere il software e venderlo io ad altri clienti.

    Nel secondo caso invece io vendo le mie ore di programmazione di cui il cliente può disporre come vuole.
    Tu davvero riesci a distinguere i casi 1 e 2?
    A me non è mai capitato che, scrivendo un nuovo programma, non ci siano - continuamente - scambi di idee e modifiche tra me e il cliente.
    Ergo: i due casi sono la stessa cosa e, tornando al quesito che optime contestava: non esistono vere differenze a parte lo strumento sul quale è sviluppato.
    La faziosità estrema può letteralmente dare dipendenza. (Jonathan Haidt)

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.