Pagina 3 di 3 primaprima 1 2 3
Visualizzazione dei risultati da 21 a 25 su 25
  1. #21
    Utente di HTML.it L'avatar di webus
    Registrato dal
    Oct 2005
    Messaggi
    21
    Quote Originariamente inviata da optime Visualizza il messaggio
    Tutto dipende dal contratto con cui si è ingaggiati (e se non c'è contratto allora chiudiamo qui la discussione ): anche se "Il cliente mi paga per sviluppare un software che fa quello che vuole lui" ed è previsto dal contratto, lui (il cliente) può farci quello che vuole, anche rivenderlo. Ho lavorato per clienti che mi davano le specifiche, sviluppavo sul mio PC a casa mia, ma il software era loro, ci facevano quello che volevano (compreso rivenderlo) e i sorgenti erano i loro. Tutto perfettamente lecito.
    Beh, nel caso del cliente di cui ti dicevo sopra, non è mai esistito tra noi un contratto. E ti parlo di quasi vent'anni di collaborazione.

    Detto questo: la mia esperienza contraddice quanto sostieni, un contratto e delle specifiche non bastano a stabilire la proprietà intellettuale dell'opera.
    La faziosità estrema può letteralmente dare dipendenza. (Jonathan Haidt)

  2. #22
    Moderatore di XHTML e HTML L'avatar di Vincent.Zeno
    Registrato dal
    May 2003
    residenza
    Emilia-Romagna (tortellini und cappelletti land!)
    Messaggi
    19,161
    a parte il fatto che 'sto povero cristo di neolaureato non credo abbai ancora capito cosa poter chiedere al cliente...

    questo discorso (sul "dove si lavora") mi fa venire in mente alcuni lavori "a progetto" dove il programmatore, seppur con PI, doveva lavorare presso il cliente con tanto di scrivania e pc del cliente; e a lui non era concesso usare strumenti propri. che c'entri qualcosa col discorso fatto sulla paternità e diritti d'uso?
    prima che lo chiediate: no, non c'era motivo logico perché il programmatore dovesse essere presente in azienda.

  3. #23
    Quote Originariamente inviata da webus Visualizza il messaggio
    Beh, nel caso del cliente di cui ti dicevo sopra, non è mai esistito tra noi un contratto.
    chissà com'è, l'avevo sospettato rispondo quotandomi

    Quote Originariamente inviata da optime Visualizza il messaggio
    ... (e se non c'è contratto allora chiudiamo qui la discussione ) ...
    magari problema21 ha voglia di riportare la discussione nei binari originali

  4. #24
    Scusatemi ma per qualche motivo non ho ricevuto nessuna notifica mail quindi pensavo che non mi avesse risposto nessuno. Oggi ho controllato manualmente visto che la faccenda è ancora in ballo e ho letto tutte le vostre risposte..
    provo a dare qualche info in più
    Quote Originariamente inviata da Kahm Visualizza il messaggio
    domanda incorretta, aggiungi ulteriori dettagli per aiutarci a definire la tua situazione
    -hai P.iva o fai il lavoro a nero?
    non ho p.iva, pensavo a ritenuta d'acconto per collaborazione occasionale. la cosa non è ancora stata definita, hanno incominciato a parlare di stage, ma mi pare che non sia la cosa più appropriata
    -continuando come sopra, hai un ufficio? paghi affitto? hai operai?
    nessuno di questi
    -hai licenza dei software che usi?
    -nel caso NO, ti offriranno loro le licenze software e tutto il resto?
    non utilizzerò licenze
    -hai esperienza in AI?
    -se si, quanta esperienza hai?
    -il lavoro è complicato? nel senso richiede conoscenze particolari che solo TU possiedi e NON un qualsiasi ragazzino alle prime armi?
    ho esperienza di studio nel settore (non soltanto teorica, ma comunque acquisita in contesti universitari/ricerca), non esperienza professionale. richiede conoscenze particolari. la fattibilità del progetto non è garantita a priori.
    -hai una scadenza?
    ancora non se ne è parlato, probabilmente si tratterà di una scadenza soft
    -devi fornire una garanzia che tutti funzioni in modo che loro non abbiano problemi (cose loro insomma)
    non credo, non è stato detto esplicitamente
    -i 30gg sono calcolati in base ad 8 ore lavorative?
    no, sono calcolati in base al tempo che ragionevolmente posso avere a disposizione durante la giornata [sono studente di magistrale, quindi ho impegni universitari indipendenti da me]
    -devi lavorare in sede da loro o puoi farlo a casa tua?
    -nel caso SI, la loro sede è distante da casa tua?
    20km, ma da quello che ho capito la quasi totalità del lavoro dovrei poterla fare a casa
    -ti metteranno sotto stress? qui è difficiile da spiegare, tipo boss puntigliosi o requisiti che cambiano magicamente o troppi galli a cantare
    eh diciamo che essendo i referenti del lavoro profani del settore tendono ad aspettarsi cose fantastiche solo perchè si parla di AI, quindi sarà difficile/impossibile incontrare le aspettative
    -potrai avere lavori futuri dopo questo, oppure è un lavoro occasionale e poi a mai piu arrivederci?
    a sentire loro si, sarebbero interessati a lavorare su più processi produttivi, quindi sembra una cosa con degli sviluppi nel tempo



    a chi mi dice che dovrei considerare in realtà il valore dello strumento creato aggiungo che:
    1) non posso valutarlo a priori, potrebbe essere decente oppure molto utile
    2) non avendo altre esperienze di lavoro non riesco a stimare il valore commerciale associato a un certo livello di utilità, quindi ho pensato che misurarlo con il tempo necessario per produrlo sarebbe stata una buona idea...
    Ultima modifica di problema21; 15-09-2019 a 13:33

  5. #25
    visto quanto sopra, ripeto che la tariffa oraria (non bassa, visto che parliamo di AI) è la cosa migliore

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2019 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.