Pagina 1 di 2 1 2 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 13
  1. #1
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Sep 2018
    Messaggi
    6

    Delucidazioni su Partita Iva.

    Salve a tutti!!! Approfitto della vostra gentilezza e della vostra competenza per chiedere delle delucidazioni a proposito della Partita Iva. Presumo che molti di voi operino nel mondo del software avvalendosi della Partita Iva. Io sono un lavoratore dipendente e avrei intenzione di continuare a mantenere tale status, però cercando di integrare i guadagni lavorando come libero professionista nell’ambito del software. Dalle ricerche che ho svolto parrebbe che aprendo una Partita Iva come libero professionista abbia come obbligo il pagamento delle tasse sui profitti e il pagamento del 25% del fatturato nella gestione separata dell’INPS. Una tale condizione mi sembra conveniente perché, nel caso io non abbia alcuna entrata, non dovrò pagare praticamente pagare nulla. Vorrei domandare se qualcuno di voi può gentilmente confermare questa mia interpretazione. Un grazie a tutti!!!

  2. #2
    Utente di HTML.it L'avatar di Misterxxx
    Registrato dal
    Oct 2003
    Messaggi
    3,655
    se non ci sono agevolazioni come startup, inps richiede un contributo minimale
    inoltre considera anche "costi accessori" tipici delle p.iva
    Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginare. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione e ho visto i raggi B, balenare nel buio vicino le porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti ... andranno ... perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. (Roy Batty).

  3. #3
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Sep 2018
    Messaggi
    6
    Quote Originariamente inviata da Misterxxx Visualizza il messaggio
    se non ci sono agevolazioni come startup, inps richiede un contributo minimale
    inoltre considera anche "costi accessori" tipici delle p.iva
    Scusami Misterxxx, ti chiederei se gentilmente potessi indicarmi quali sono le spese accessorie. Grazie mille

  4. #4
    Utente di HTML.it L'avatar di Misterxxx
    Registrato dal
    Oct 2003
    Messaggi
    3,655
    commercialista, eventuali spese di iscrizione albo professionale se prevista, costo apertura p.iva, costo strumenti elettronici obbligatori (pec, conservazione registro corrispettivi se non tramite AE) ... quello che mi viene in mente su 2 piedi, ma secondo l'attività magari ce ne sono altri
    Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginare. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione e ho visto i raggi B, balenare nel buio vicino le porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti ... andranno ... perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. (Roy Batty).

  5. #5
    Utente di HTML.it L'avatar di lnessuno
    Registrato dal
    Feb 2002
    Messaggi
    2,741
    Con regime forfettario e gestione separata paghi il 15% di forfettario ed il 25% di cassa previdenziale in gestione separata, come hai detto. A grandi linee è così, poi nei fatti si paga qualcosina meno. Non ci sono minimali per la gestione separata.
    Come alternativa ci sono altre casse previdenziali, per es. la cassa artigiani, che costa qualcosina meno (mi pare 19%) ma ha un minimale relativamente alto (si spendono ~1000€ a trimestre, come minimale)

    Nello sviluppo software non ci sono albi o iscrizioni varie, che io sappia

    La contabilità è molto semplificata (nei fatti l'unica cosa che devi fare sono le fatture e pagare gli F24)
    Servirà sicuramente la pec (qualche euro l'anno), e dovrai iscriverti a qualche servizio per l'invio delle fatture elettroniche (qualche euro al mese)

    Mi pare non ci sia altro...

  6. #6
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Sep 2018
    Messaggi
    6
    Vi ringrazio molto per i consigli che mi state dando.

  7. #7
    Utente di HTML.it L'avatar di Kahm
    Registrato dal
    Dec 2004
    residenza
    Rome
    Messaggi
    3,460
    Quote Originariamente inviata da pirro99 Visualizza il messaggio
    Salve a tutti!!! Approfitto della vostra gentilezza e della vostra competenza per chiedere delle delucidazioni a proposito della Partita Iva. Presumo che molti di voi operino nel mondo del software avvalendosi della Partita Iva. Io sono un lavoratore dipendente e avrei intenzione di continuare a mantenere tale status, però cercando di integrare i guadagni lavorando come libero professionista nell’ambito del software. Dalle ricerche che ho svolto parrebbe che aprendo una Partita Iva come libero professionista abbia come obbligo il pagamento delle tasse sui profitti e il pagamento del 25% del fatturato nella gestione separata dell’INPS. Una tale condizione mi sembra conveniente perché, nel caso io non abbia alcuna entrata, non dovrò pagare praticamente pagare nulla. Vorrei domandare se qualcuno di voi può gentilmente confermare questa mia interpretazione. Un grazie a tutti!!!
    Ha mio parere se ai piccoli progeti , ti conviene una ritenuta di acconto
    poui rilasciare per uno masimo di 3mila euri l'hanno
    NN vi diro mai chi sono in realta,
    tutti i miei 3D sono orfani, non insistete per farmi rispondere ai 3D aperti da me

  8. #8
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Apr 2007
    Messaggi
    749
    Quote Originariamente inviata da lnessuno Visualizza il messaggio
    Con regime forfettario e gestione separata paghi il 15% di forfettario ed il 25% di cassa previdenziale in gestione separata, come hai detto. A grandi linee è così, poi nei fatti si paga qualcosina meno. Non ci sono minimali per la gestione separata.
    Come alternativa ci sono altre casse previdenziali, per es. la cassa artigiani, che costa qualcosina meno (mi pare 19%) ma ha un minimale relativamente alto (si spendono ~1000€ a trimestre, come minimale)

    Nello sviluppo software non ci sono albi o iscrizioni varie, che io sappia

    La contabilità è molto semplificata (nei fatti l'unica cosa che devi fare sono le fatture e pagare gli F24)
    Servirà sicuramente la pec (qualche euro l'anno), e dovrai iscriverti a qualche servizio per l'invio delle fatture elettroniche (qualche euro al mese)

    Mi pare non ci sia altro...
    Col forfettario non è obbligatoria la fatturazione elettronica e nemmeno la PEC.

  9. #9
    Utente di HTML.it L'avatar di Misterxxx
    Registrato dal
    Oct 2003
    Messaggi
    3,655
    Quote Originariamente inviata da Roby140569 Visualizza il messaggio
    Col forfettario non è obbligatoria la fatturazione elettronica e nemmeno la PEC.
    Per la FE, ancora per poco, pare...
    La PEC ormai è obbligatoria per tutti.
    Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginare. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione e ho visto i raggi B, balenare nel buio vicino le porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti ... andranno ... perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire. (Roy Batty).

  10. #10
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Apr 2007
    Messaggi
    749
    Quote Originariamente inviata da Misterxxx Visualizza il messaggio
    Per la FE, ancora per poco, pare...
    La PEC ormai è obbligatoria per tutti.
    Allo stato attuale, la PEC per i lavoratori autonomi con regime forfettario non è obbligatoria e neanche la fatturazione elettronica.
    Per il futuro, si vedrà.

    Se poi uno chiede un consiglio, io gli suggerirei di avere una PEC e usare la fatturazione elettronica anche col forfettario.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2021 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.