Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8

Discussione: Iraq e riscatti.

  1. #1

    Iraq e riscatti.

    http://www.repubblica.it/2005/c/sezi...bre/ombre.html

    E' giusto pagare questi riscatti secondo voi?
    E' giusto sapendo che in Italia se c'è un rapimento vengono bloccati i beni dei parenti per evitare che si paghino riscatti (strategia che indubbiamente ha dato i suoi frutti in Italia)?
    The more the state 'plans' the more difficult planning becomes for the individual.
    Sto nella Pampa

  2. #2
    Utente bannato
    Registrato dal
    Feb 2000
    Messaggi
    2,006
    mah...a me viene da ridere ricordando un'ometto che disse "nessun riscatto è stato pagato. ho dato il via io personalmente all'operazione dei militari che ha liberato i 3 ostaggi italiani "

  3. #3
    Ma cos'è?

    I soldi meritano più attenzione delle persone?

  4. #4

  5. #5
    è giusto che si faccia quanto umanamente possibile per salvare una vita, senza rischiarne altre...
    Non andare, vai. non restare, stai. non parlare, parlami di te...
    .oO Anticlericale Oo.

  6. #6
    [supersaibal]Originariamente inviato da MasterLibe
    Le circostanze dei sequestri meritano poca pubblicità; altrimenti alimentano la macchina criminale. Quello che si cerca, nel caso dell'Iraq, non sono solo soldi, ma soprattutto visibilità. [/supersaibal]
    Che si cerchi visibilità, soprattutto nel caso dell'ultimo rapimento, non mi pare del tutto vero soprattutto se pagano cifre consistenti ai rapitori.
    Non potrebbe anche esserci una precisa strategia di scelta delle persone da rapire per suscitare maggiore interesse e apprensione? Le due operatrici umanitarie, la giornalista che critica la guerra e l'occupazione.
    In Italia la legge sul blocco dei beni è stata fatta per arginare il numero elevato di rapimenti: si può dire che questo fenomeno criminale sia stato eliminato. E all'inizio è stata dura perchè ci sono stati rapimenti cruenti, agenti di sicurezza morti durante i tentativi di liberazione. Il campo d'indagine non mi sembra molto differente da quello dell'Iraq dove c'è una certa esperienza ormai e dove, questo caso l'ha dimostrato, i servizi segreti si muovono piuttosto bene.
    The more the state 'plans' the more difficult planning becomes for the individual.
    Sto nella Pampa

  7. #7
    Utente di HTML.it
    Registrato dal
    Mar 2005
    Messaggi
    15
    In Iraq siamo conosciuti (dai terroristi/sequestratori) perchè paghiamo...e profumatamente

  8. #8
    [supersaibal]Originariamente inviato da leg_pad
    In Iraq siamo conosciuti (dai terroristi/sequestratori) perchè paghiamo...e profumatamente [/supersaibal]
    una tuta mimetica 50$

    una 9mm 350$

    un pass per i territori occupati 100$

    sparare ad un italiano non ha prezzo..

    per tutto il resto c'è marines card...
    Non andare, vai. non restare, stai. non parlare, parlami di te...
    .oO Anticlericale Oo.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Powered by vBulletin® Version 4.2.1
Copyright © 2020 vBulletin Solutions, Inc. All rights reserved.