PDA

Visualizza la versione completa : Decreto Bersani e professionisti del web


l'evangelista
12-07-2006, 09:04
C'erano gia un paio di 3d sul decreto Bersani, ma da quanto ho visto si è parlato piu che altro di taxi e notai.

Da quanto ne sapete cosa cambia per chi lavora, con partita iva, nel web?

Stavo leggendo che "Le persone fisiche che esercitano arti e professioni" sono tenute adesso ad avere due conti correnti bancari separati, uno personale ed uno per la propria attività: vale anche per le ditte individuali?

Sempre nello stesso articolo del decreto, i compensi vanno riscossi esclusivamente con "assegni non trasferibili o bonifici": vuol dire che se capita un pazzoide (1 volta in 2 anni mi è successo..) che vuole pagare in contanti gli devo dire di fare un bonifico?

Infine, i 'controlli per l'attribuzione del numero di partita iva': vuol dire che se una persona vuole mettersi in proprio è soggetta a verifiche preventive? In che consistono? :master:

poi magari ne parlo con il mio commercialista ma in fase di denuncia dei redditi non mi sembra il caso :fagiano:

DesertStorm
12-07-2006, 10:15
ho letto anch'io... dimentichi l'obbligo di tenere la lista clienti e fornitori e una lista particolare per i clienti sopra i 10.000 euro per la nuova normativa antiriciclaggio :D

l'evangelista
12-07-2006, 10:38
Originariamente inviato da DesertStorm
ho letto anch'io... dimentichi l'obbligo di tenere la lista clienti e fornitori e una lista particolare per i clienti sopra i 10.000 euro per la nuova normativa antiriciclaggio :D clienti/fornitori anche per i liberi professionisti o per le ditte individuali?

magnus
12-07-2006, 10:41
Questo può interessare?

http://www.altalex.com/index.php?idstr=32&idnot=33860

Haro
12-07-2006, 11:15
però si parla in questi termini di:

«libero professionista»: il soggetto iscritto ai relativi collegi, ordini, albi ed elenchi come individuato all'articolo 2, comma 1, lettere s) e t) del decreto legislativo n. 56 del 20 febbraio 2004, anche quando svolge l'attivita' professionale in forma societaria o associativa;


e queste sono le lettere s) e t), comma 1, art. 2 del decreto legislativo n. 56 del 20 febbraio 2004:

s) ai soggetti iscritti nell'albo dei ragionieri e dei periti commerciali, nel registro dei revisori contabili, nell'albo dei dottori commercialisti e nell'albo dei consulenti del lavoro;
t) ai notai e agli avvocati quando, in nome o per conto di propri clienti, compiono qualsiasi operazione di natura finanziaria o immobiliare e quando assistono i propri clienti nella progettazione o nella realizzazione di operazioni riguardanti:

1) il trasferimento a qualsiasi titolo di beni immobili o attività economiche;
2) la gestione di denaro, strumenti finanziari o altri beni;
3) l'apertura o la gestione di conti bancari, libretti di deposito e conti di titoli;
4) l'organizzazione degli apporti necessari alla costituzione, alla gestione o all'amministrazione di società;
5) la costituzione, la gestione o l'amministrazione di società, enti, trust o strutture analoghe.



quindi credo cambi niente per noi... :)

Loading