PDA

Visualizza la versione completa : Sull'Afghanistan e relativo voto parlamentare


agiaco
20-07-2006, 08:57
Come sapete ieri la Camera a larga maggioranza ha approvato il decreto di rifinanziamento alla missione e, con i voti solo della maggioranza, una mozione di indirizzo che prevede in futuro il superamento della missione stessa. Hanno votati no 4 dissidenti di PRC ed uno, Cacciari, ha polemicamente lanciato sul tavolo il suo tesserino, è uscito, non ha votato, e si è dimesso da deputato.
Al Senato i dissidenti sono però decisivi per la tenuta della maggioranza; se si mette la fiducia il governo rischia di andare a casa, se non la mette il decreto rischia di passare coi voti determinanti dell'opposizione, il che è pure peggio.
Io sono di Rifondazione e appartengo alla maggioranza del partito, ma non condivido l'anatema lanciato dal segretario contro i dissidenti. E' vero che il partito ha dato indicazione di votare si, è vero che votare no significa tradire il amndato del partito con tutte le eventuali conseguenze ma su questo punto, sulla guerra o sulla pace, credo che debba prevalere la coscienza.
Nonostante le indicazioni della maggioranza io se fosse parlamentare avrei votato NO.

wsim
20-07-2006, 09:05
Io credo debba prevalere il pragmatismo, e credo che certe reazioni del mondo pacifista siano anche frutto di quell'ignoranza di base per la quale il 60% degli italiani non distingue tra situazione in Iraq (dove siamo lì sostanzialmente perchè l'ha voluto Berlusconi in appoggio all'alleato americano) e situazione in Afghanistan (dove siamo lì dietro mandato ONU, Nato e UE

(quel 60% risulta da un sondaggio del Corsera di pochi giorni fa).

agiaco
20-07-2006, 09:06
Originariamente inviato da wsim
Io credo debba prevalere il pragmatismo, e credo che certe reazioni del mondo pacifista siano anche frutto di quell'ignoranza di base per la quale il 60% degli italiani non distingue tra situazione in Iraq (dove siamo lì sostanzialmente perchè l'ha voluto Berlusconi in appoggio all'alleato americano) e situazione in Afghanistan (dove siamo lì dietro mandato ONU, Nato e UE

(quel 60% risulta da un sondaggio del Corsera di pochi giorni fa).

Ma penso che i parlamentari dissenzienti lo sappiano però

gioggio
20-07-2006, 09:10
Originariamente inviato da wsim
Io credo debba prevalere il pragmatismo, e credo che

stalin fosse uno stronzo ma i sotterranei della lubjanka c'avevano un loro perchè... :madai!?:

netghost
20-07-2006, 09:11
idealismo vs realismo...

personalmente avrei votato sì, ma credo che questo governo, nonostante tutto ha una paura fottuta di andare a casa che per non perdere la fiducia calerà le braghe a destra e a manca per qualunque starnuto e questo perché a sx tutti vogliono le poltrone e soprattutto perché sanno che se dovessero andare subito a rivotare farebbero la figura dei cioccolatai che si scannano tra loro per qualunque cosa...

ad ogni modo c'è chi aspetta i morti a valle... :argo:

wsim
20-07-2006, 09:12
Originariamente inviato da agiaco
Ma penso che i parlamentari dissenzienti lo sappiano però

Me lo auguro, e mi auguro soprattutto che si chiedano se è più importante il proprio personale distinguo piuttosto che sostenere l'azione di un governo che ha già dimostrato di voler cambiare rotta in politica estera.

jsmoran
20-07-2006, 09:24
Originariamente inviato da agiaco
Ma penso che i parlamentari dissenzienti lo sappiano però E allora non dovevano candidarsi, il programma è stato deciso e concordato PRIMA delle elezioni. Se si hanno dei principi inderogabili si hanno sempre, non solo dopo che sei stato eletto. Troppo comodo tirare fuori i casi di coscienza solo al momento buono. Quale sarebbe stata la linea in politica estera del governo si sapeva.

sustia
20-07-2006, 11:14
Agiaco: a volte questi dissidenti rompono proprio le palle.

Quando si sono presentati in lista, non lo conoscevano il programma del governo?
Ma io dico, solo per non dare modo a netghost di scrivere cazzate dovrebbero evitare di prestare il fianco alle polemiche.

netghost
20-07-2006, 11:34
Originariamente inviato da sustia
Agiaco: a volte questi dissidenti rompono proprio le palle.

Quando si sono presentati in lista, non lo conoscevano il programma del governo?
Ma io dico, solo per non dare modo a netghost di scrivere cazzate dovrebbero evitare di prestare il fianco alle polemiche. :ciapet: :yuppi: :fagiano:

marruz
20-07-2006, 11:34
Originariamente inviato da wsim
Me lo auguro, e mi auguro soprattutto che si chiedano se è più importante il proprio personale distinguo piuttosto che sostenere l'azione di un governo che ha già dimostrato di voler cambiare rotta in politica estera.


dimostrato... :stordita:

diciamo che tentenna nel fare cazzate laddove berlusconi e soci avrebbero fatto cazzate vantandosene a reti unificate. :fagiano:

Loading