PDA

Visualizza la versione completa : è giunta l'ora di tagliarlo!


makemorenoise
08-08-2006, 13:40
i miei vicini, che oltre essere dei comunisti, sono pure ignoranti come le capre, nel loro giardino fanno un po' quello che gli pare piantanto alberi fregandosene delle distanze.

recentemente si è riaperta una questione per un albero che è stato piantato a ridosso del muro di cinta e che per metà invade il mio giardino riempendolo di foglie che tocca a me pulire.

dato che non si degnano di potare la parte di rami che entra da me, mi stavo chiedendo come potergli far sradicare l'albero facendo valere i miei diritti.

da quello che so io l'albero in quella posizione è abusivo, però mi servirebbe l'articolo del CC a cui fare riferimento perchè vorrei provare a parlarci prima di andare a fare ufficiale richiesta.

chi mi aiuta? avete avuto casi simili? a chi vi siete rivolti?

grazie.

chemako
08-08-2006, 13:41
mi sa che hai il diritto di tagliare i rami che entrano nella tua proprietà, non ne sono sicuro però, informati prima :fagiano:

Alema
08-08-2006, 13:42
Dato che sono comunista e mi hanno fatto tagliare Pini di 40 anni perchè le radici invadevano l'orto della vicina non ti posso aiutare...

Room237
08-08-2006, 13:43
mi sembra sia un metro e mezzo il limite...
cmq in teoria per le foglie, basterebbe parlargli e dirgli che se le vengano a pulire...
Io ho la siepe che fa da confine con i vicini, è mia e quando la taglio poi vado di la a prendere le ramaglie...

seifer is back
08-08-2006, 13:44
UN albero, che perde le foglie UNA volta l'anno?

minchia che disgrazia..

Drean
08-08-2006, 13:45
Prova a guardare gli articoli del codice civile dal 873 al 907;

qui

http://www.jus.unitn.it/CARDOZO/Obiter_dictum/codciv/Lib3.htm

taddeus
08-08-2006, 13:47
Originariamente inviato da chemako
mi sa che hai il diritto di tagliare i rami che entrano nella tua proprietà, non ne sono sicuro però, informati prima :fagiano:
Confermo.

vaso di pandora
08-08-2006, 13:48
Originariamente inviato da makemorenoise
i miei vicini, che oltre essere dei comunisti, sono pure ignoranti come le capre, nel loro giardino fanno un po' quello che gli pare piantanto alberi fregandosene delle distanze.

recentemente si è riaperta una questione per un albero che è stato piantato a ridosso del muro di cinta e che per metà invade il mio giardino riempendolo di foglie che tocca a me pulire.

dato che non si degnano di potare la parte di rami che entra da me, mi stavo chiedendo come potergli far sradicare l'albero facendo valere i miei diritti.

da quello che so io l'albero in quella posizione è abusivo, però mi servirebbe l'articolo del CC a cui fare riferimento perchè vorrei provare a parlarci prima di andare a fare ufficiale richiesta.

chi mi aiuta? avete avuto casi simili? a chi vi siete rivolti?

grazie.

miiii come sei pignolo!!
io ho un albero in giardino..il suddetto albero era già li quando ho preso la casa..ora ..è un albero di caco (una cacata) il fatto che sia a me che alla mia famiglia fanno pure schifo sti robi..quast'albero crescendo ha invaso anche la parte della mia vicina..che come solito ha iniziato a lamentarsi..
a noi scoccia tirarlo giu..mi sembra un po' una violenza..è come se a te dicessero.."mi stai sulle palle= ti ammazzo"
abbiamo risolto la faccenda corrompendola...dicendo che tutti i cachi che "invadevano il suo spazio aereo" potevano considerarsi suoi..
lei però si lamentava senza un motivo dato che
i cachi le piacciono..e le foglie..bè un giorno ti inviterò a casa mia ad autunno epr assistere alla scena della vicina che rimane fuori per raccogliere AL VOLO le foglie che cadono..

jonnym78
08-08-2006, 13:49
:stordita: ci sono decine di sentenze di Santi Licheri a riguardo

max.z
08-08-2006, 13:49
892 Distanze per gli alberi

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:

1) tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;
2) un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;
3) mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

La distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.

La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.

Le distanze anzidette non si devono osservare se sul confine esiste un muro divisorio, proprio o comune, purché le piante siano tenute ad altezza che non ecceda la sommità del muro.

Loading