PDA

Visualizza la versione completa : Scambio link, come controllate i siti che ve lo prongono?


Tr|k`Tr4k
18-01-2007, 19:07
Usate dei tool per controllare la validità dei siti che vi chiedono scambio link?
C'e' un modo per vedere se la pagina ha un pr falso, un redirect 301 ecc?
A proposito di quest'ultimo, è buono avere un link da una pagina che usa sta tecnica?

Io per controllare il pr del sito uso questo tool
http://www.seologs.com/pr-check/pagerank.html


P.S. se una pagina ha pr 4-5-6 ecc e metto l'indirizzo di questa pagina su google e non esce niente, cosa significa??
E' un bluff??

Tecnology
18-01-2007, 23:24
Originariamente inviato da Tr|k`Tr4k

P.S. se una pagina ha pr 4-5-6 ecc e metto l'indirizzo di questa pagina su google e non esce niente, cosa significa??
E' un bluff??

Non ho capito bene la tua domanda, ma non vedo come una pagina non indicizzata da Google possa avere un PR...

PiccoloElfo2
19-01-2007, 09:15
Originariamente inviato da Tr|k`Tr4k
Usate dei tool per controllare la validità dei siti che vi chiedono scambio link?

No, semplicemente declino l'offerta,
Mi spiego meglio. La validità di uno scambio link è tendente (a mio avviso) allo 0.
Quello che appare come un incremento di PR, è uno specchietto per le allodole, per continuare a tenere in auge tale pratica presso alcuni wm (per scopi che preferisco non approfondire).
Le ragioni sono molto semplici. Qual'è la funzione di un link? E quando un wm inserisce un link veso un sito che non sia il suo? (intendo in quali circostanze "naturali"). Prova a rispondere a queste domande. E poi anche alla domanda, "se in modo spontaneo e naturale linko un sito esterno, senza contattare nessuno, ma solo perchè lo reputo valido, quante probabilità ho che tale link venga ricambiato?" Anche in questo caso la risposta è: probabilità prossime allo 0.
Ora... quando Google o chi per lui nota che un sito ha un numero di link verso altri siti, che percentualmente lo linkano in maniera massiccia in ritorno, quanto ci mette a capire che tali link non sono "normali" e non assolvono al ruolo di "premiare" un sito, ma costituiscono solo un tentativo di "far apparire qualcosa che non è"?. Diciamo, considerati i procesessori dei server di google, che impiega un tempo fra un millesimo ed un centesimo di secondo.
Risultato? Invece che "premiare", lascia (nella migliore delle cose) tutto inalterato. Ad eccezione del PR (per non mettere in allarme la maggior parte dei WM) che altrimenti si ingegnerebbe con sistemi differenti.
IMHO, meglio lasciar perdere lo scambio link!



C'e' un modo per vedere se la pagina ha un pr falso, un redirect 301 ecc?

Si


A proposito di quest'ultimo, è buono avere un link da una pagina che usa sta tecnica?

E' ancora più deleterio di un normale scambio link! E' come dire "è utile farmi curare da un medico con una finta laurea?"

Tr|k`Tr4k
19-01-2007, 09:59
Originariamente inviato da PiccoloElfo2
No, semplicemente declino l'offerta,
Mi spiego meglio. La validità di uno scambio link è tendente (a mio avviso) allo 0.
Quello che appare come un incremento di PR, è uno specchietto per le allodole, per continuare a tenere in auge tale pratica presso alcuni wm (per scopi che preferisco non approfondire).
Le ragioni sono molto semplici. Qual'è la funzione di un link? E quando un wm inserisce un link veso un sito che non sia il suo? (intendo in quali circostanze "naturali"). Prova a rispondere a queste domande. E poi anche alla domanda, "se in modo spontaneo e naturale linko un sito esterno, senza contattare nessuno, ma solo perchè lo reputo valido, quante probabilità ho che tale link venga ricambiato?" Anche in questo caso la risposta è: probabilità prossime allo 0.
Ora... quando Google o chi per lui nota che un sito ha un numero di link verso altri siti, che percentualmente lo linkano in maniera massiccia in ritorno, quanto ci mette a capire che tali link non sono "normali" e non assolvono al ruolo di "premiare" un sito, ma costituiscono solo un tentativo di "far apparire qualcosa che non è"?. Diciamo, considerati i procesessori dei server di google, che impiega un tempo fra un millesimo ed un centesimo di secondo.
Risultato? Invece che "premiare", lascia (nella migliore delle cose) tutto inalterato. Ad eccezione del PR (per non mettere in allarme la maggior parte dei WM) che altrimenti si ingegnerebbe con sistemi differenti.
IMHO, meglio lasciar perdere lo scambio link!


Si

E' ancora più deleterio di un normale scambio link! E' come dire "è utile farmi curare da un medico con una finta laurea?"
ma mica intendi anche scambio link incrociato?
nel senso che tu mi linki il mio sito A e io ti linko da un mio sito B.
Quindi, se il pr non serve a niente, se lo scambio link non serve a niente, come facciamo a salire nei motori? Un po' di popolarita' pure ci vuole oltre alla struttura delle pagine e ai contenuti di quest'ultima, o no?

Tr|k`Tr4k
19-01-2007, 10:02
Originariamente inviato da Tecnology
Non ho capito bene la tua domanda, ma non vedo come una pagina non indicizzata da Google possa avere un PR...
chiedevo solo se quando fate scambio link con qualcuno, prima di inserire un link, se controllavate con qualche tool la validita' della pagina.
la domanda sulla pagina con il pr l'ho fatta perche' mi e' stato proposto uno scambio link, quella pagina ha pr 5 ma andando a fare site:www.sito.it/nomepagina.htm non ho trovato niente...

PiccoloElfo2
19-01-2007, 10:12
Originariamente inviato da Tr|k`Tr4k
ma mica intendi anche scambio link incrociato?
nel senso che tu mi linki il mio sito A e io ti linko da un mio sito B.
Quindi, se il pr non serve a niente, se lo scambio link non serve a niente, come facciamo a salire nei motori? Un po' di popolarita' pure ci vuole oltre alla struttura delle pagine e ai contenuti di quest'ultima, o no?

certo che si, pensi sia molto più complesso da scovare?

A intestato a Pinco linka B intestato a Caio
C intestato a Caio, linka A intestato a Pinco

non è difficile!

Tutto quello che è "innaturale" può essere scovato con facilità. Lo scambio link (a tavolino) che porta popolarità, è più complesso ed elaborato. Quindi non significa che in assoluto non sia possibile ottenerlo, ma non certo con tale semplicità come quella sopra esposta.

Tr|k`Tr4k
19-01-2007, 11:08
Originariamente inviato da PiccoloElfo2
certo che si, pensi sia molto più complesso da scovare?

A intestato a Pinco linka B intestato a Caio
C intestato a Caio, linka A intestato a Pinco

non è difficile!

Tutto quello che è "innaturale" può essere scovato con facilità. Lo scambio link (a tavolino) che porta popolarità, è più complesso ed elaborato. Quindi non significa che in assoluto non sia possibile ottenerlo, ma non certo con tale semplicità come quella sopra esposta.
si ma allora quali sono i fattori che ci portano ai primi posti dei motori?
(stiamo uscendo un po' off topic)

PiccoloElfo2
19-01-2007, 11:27
Originariamente inviato da Tr|k`Tr4k
si ma allora quali sono i fattori che ci portano ai primi posti dei motori?
(stiamo uscendo un po' off topic)

I fattori che determinano un buon posizionamento sono molteplici. Non riassumibili in un post. E per restare in topic, prenderò in esame solo il fattore popolarità, ossia i BL che un sito riceve. Quindi diamo per assodato che i BL siano importanti ai fini del posizionamento.

Quindi... sono da massimizzare. Semplificando tutto, ci sono 2 modi per massimizzare i BL di un sito.

A) Tecniche SEO, implicano ben altro che uno scambio link fatto fra webmaster (magari con uno dei tanti annunci che si leggono sui forum). Per fare questo occore, o rivolgersi ad un SEO (Serio e bravo, quindi non economico) o svillupare le competenze tecniche necessarie e la conseguente rete di siti da usare ad hoc.

B) In modo "naturale". La stragrande maggioranza dei WM prova ad alzare la popolarità del sito proponendo/ricercando lo scambio link. Peccato che, così facendo, non compie un meccanismo naturale, e disperde tempo alla ricerca del nulla, non solo... esce allo scoperto agli occhi dei motori! Informa chiaramente che sta provando a fare il furbo.

Come correggere tale situazione?
Semplicemente invertendo il normale "iter".

Sempre semplicficando, qual'è il normale iter? (questo non significa che sia il tuo caso, ma molti, ti assicuro, fanno così)

Voglio guadagnare (soldi, notorietà ecc), Faccio un sito in 2 ore, voglio essere primo nei motori per poter soddifare la prima condizione, avvio uno scambio link, dedico giornate intere allo scambio link.

L'iter corretto sarebbe.
Ho qualcosa da "comunicare", voglio farlo attraverso un sito, pianifico il lavoro, realizzo il sito, lo aggiorno e lo farcisco di contenuti originali che altri non hanno, lo aggiorno frequentemente e ne semplifico la navigazione. I motori iniziano a premiarmi e mi rendono visibile. Molti gestori di altri siti mi vedranno, apprezzeranno e linkeranno il mio sito. I motori inizieranno a premiarmi sempre di più, ne consegue che più persone mi vedranno, e ancor più mi linkeranno (ecc. ecc. in un circolo virtuoso). Raggiunti molti visitatori potrei decidere di guadagnare (oltre che in popolarità, già ottenuta, anche economicamente).

L'iter 2 è più fruttoso, più impegnativo e... funziona!
Il tempo impiegato è pressochè uguale nei due iter.
Cambia solo il tipo di lavoro, di impegno e, naturalmente... i risultati.

Come se non bastasse, poichè l'iter 2 verra sempre snobbato dalla gran parte dei WM (è inevitabile che accada), chi segue tale comportamento avrà anche "vita facile" nell'emergere.
Se tutti seguissero l'iter 2, sarebbe un bel guaio, perchè ci sarebbe troppa "qualità" da premiare.
Ed allora, e solo allora, occorerebbe (forse) ingegnarsi con i tanto amati "trucchi e trucchetti"

Spero di non aver deluso nessuno.

Tr|k`Tr4k
19-01-2007, 12:49
ok tutto chiaro fin qui, pero' poniamo il caso dello scambio link, che tool si possono usare per controllare se questi siti siano reali e non farlocchi??

PiccoloElfo2
19-01-2007, 13:31
Originariamente inviato da Tr|k`Tr4k
ok tutto chiaro fin qui, pero' poniamo il caso dello scambio link, che tool si possono usare per controllare se questi siti siano reali e non farlocchi??

perdonami, nulla di personale, ma nn credo che sia "tutto chiaro".
Mi spieghi a cosa serve un tool per controllare dei siti, con i quali avviare uno scambio link che, alla fine (in ogni caso) risulterà deleterio?

Scusa se mi rifaccio al campo medico. Ipotizziamo un medicinale che ha solo effetti collaterali e che riporta la sua composizione sulla scatola. (Il medicinale rappresenta il sito, la composizione il pr).
A che serve trovare un laboratorio di analisi (ossia il tool) che ti assicura che quel medicinale contiene davvero quello che è scritto nella composizione (ossia ha davvero quel pr) se poi, assumendolo, hai solo effetti dannosi?!
Grazie se vorrai perdere 1 minuto di tempo a spiegarmelo!

Loading