PDA

Visualizza la versione completa : poche elette


D56
27-03-2007, 15:23
E' assolutamente certo che il burka indossato dalle donne afgane non è un simbolo piacevole di libertà ed emancipazione

Però se ragioniamo intorno alla questione della nudità femminile, del mostrare o non mostrare il corpo, ci troviamo a comprendere come la gestione di questa fisicità inevitabilmente s'intreccia con costumi, culture, esigenze storiche e morali.

Ad ognuno di noi sarà capitato d'osservare le belle membra quasi ignude d'una giovine avvenente che, in ispecie d'estate, ci passa accanto, attraversa il nostro sguardo. Ella suscita il desiderio, come vuole la nostra naturale inclinazione.

Non è forse una minaccia, ma non per noi della maschile schiatta, ma per le nostre compagne, costrette ad un continuo, frustrante, e forse vile paragone? Di certo i sentimenti, la qualità delle nostre storie d'amore, conta di più, però è pur vero che se a noi la femminilità d'altrui fosse preclusa alla vista, le nostre donne si sentirebbero più sicure, meno costrette ad un defatigante paragone.

Quindi, una cultura che cela il corpo, in fondo, non difende anche la donna? Non le consente forse di coltivare più tranquilla ed esclusiva il rapporto col proprio compagno?

Non v'è forse una logica protettiva in veli d'ogni specie? non v'è forse l'intento di mantenere la propria nudità come una dolce moneta eccezionale, da spendere solo laddove occorre?

Certamente io son d'idee retrive, e non me ne vergogno, ma non credo che l'emancipazione si misuri con l'avvenenza ostentata, forma di potere per poche elette.

Non sarebbe giusto anche nel nostro mondo una rivalutazione del senso reale del pudore?

Lyn
27-03-2007, 15:27
Finchè si tratta di scelte personali, ci si vesta anche col saio. O col tanga. Una cultura del vestire volta a "difendere" l'intimità mi farebbe sentire, più che difesa, come dentro a una teca di cristallo, e non è una bella sensazione.

mame01
27-03-2007, 15:27
il tuo ragionamento non fa na pizza

però trovami una donna alla quale non piace essere guardata ammirata sbavata e tutto quel che finisce con ata.

Illogitech
27-03-2007, 15:29
Originariamente inviato da mame01
il tuo ragionamento non fa na pizza

però trovami una donna alla quale non piace essere guardata ammirata sbavata e tutto quel che finisce con ata.

PicchiATA
violentATA
insultATA
licenziATA
...

mame01
27-03-2007, 15:30
Originariamente inviato da Illogitech
PicchiATA
violentATA
insultATA
licenziATA
...

anche ancche

se te ad una donna le dici

BROTTA BOTANICA e le dai un bel pugno sul naso

lei gode :D

dokk
27-03-2007, 15:30
La questione primaria è: qual'è il senso reale del pudore?

COLENZO
27-03-2007, 15:31
ognuno è libero di fare quello che gli pare fintanto che non calpesta gli altri

mame01
27-03-2007, 15:33
Originariamente inviato da COLENZO
ognuno è libero di fare quello che gli pare fintanto che non calpesta gli altri

giusto, ma tu essendo basso non hai di questi problemi

D56
27-03-2007, 15:33
non esistono, a mio sommesso avviso, scelte personali, sempre esse sono determinate dalla cultura nella quale è immerso il soggetto, e in ogni caso se le costrizioni servono per una vita più armoniosa della comunità, non vedo in esse un danno peggiore di quelli che derivano dalla cosiddetta libertà

mame, ciò che piace alle femminee genti non sempre è giusto, e poi per una che si sente osservata sbavando ve ne sono almeno cinque che invece soffrono la sensazione di non essere adeguate

Uanne
27-03-2007, 15:33
sono completamente d'accordo a metà con te. Mi piace la donna che si concede alla vista/non si concede alla vista, te la dà/non te la dà, ti fa credere di essere unico/ti fa sentire un accessorio inutile, ti fa lavorare di fantasia insomma. Le mucche da studio televisivo hanno un po' scassato a essere sinceri

Loading