PDA

Visualizza la versione completa : Abusò della figlia, ora lo risposa


the_hi†cher
17-04-2007, 12:39
Dopo sette anni di carcere un uomo torna libero e l'ex moglie, che l'aveva denunciato per violenze, lo perdona

PALERMO - Il marito la picchiava e abusava della figlia quasi adolescente. Dopo la denuncia e sette anni di carcere inflitti dalla corte d'appello, la donna, che vive a Caltanissetta, ha deciso di risposare l'ex coniuge. Tra i due, dopo sette anni di abusi e altrettanti dietro le sbarre, è rinato l'amore; si sono nuovamente uniti in matrimonio due settimane fa. L'uomo, come scrive il Giornale di Sicilia, ha cominciato a picchiare la moglie e a stuprare la figlia circa 14 anni fa, quando, stanco di non trovare lavoro, ha iniziato a bere.

DENUNCIA - Nel 2000 la donna ha denunciato il marito, che è stato condannato a otto anni e mezzo per abusi, poi ridotti in appello. Dopo che l'uomo è uscito dal carcere, il 6 ottobre scorso, la coppia si è rivista e la donna ha perdonato l'ex marito, dal quale aveva frattanto divorziato, decidendo di risposarlo.
La ragazza che ha subito gli abusi vive ora con la sorella dai nonni materni, mentre un terzo figlio ha deciso di tornare a casa con la coppia che si è appena risposata. dal corriere online

sono perplessa, riesco benissimo ad immaginarmi il perchè una donna picchiata e abusata (per anni? forse) dopo aver trovato il coraggio di denunciare il suo aguzzino se lo riprenda in casa... ci sono millemila motivi, dall'incapacità di riuscire a condurre una vita da sola alla scarsa autostima, il bisogno di trovare una giustificazione ai suoi anni passati con quell'uomo in una sua presunta riabilitazione... e c'è un solo motivo che glielo avrebbe dovuto impedire, la figlia

aedo
17-04-2007, 12:50
purtroppo è tipico di questi casi.

ci sono molte donne che liberatesi dal marito violento ne trovano un altro altrettanto violento...le coppie sono formate da due persone...in questi casi malate entrambe

JackBabylon
17-04-2007, 12:57
parlavamo di una cosa simile proprio ieri sera, casi di nonni che han violentato nipotine le cui madri furono violentate a loro volta. Ci chiedevamo come fosse possibile lasciare una nipotina ad una persona sapendo quello di cui era capace, evidentemente in questi casi la botta psicologica è devastante

ZaMM
17-04-2007, 12:59
Originariamente inviato da the_hi†cher
...e c'è un solo motivo che glielo avrebbe dovuto impedire, la figlia
L'articolo non è chiaro: può anche darsi che la figlia stia con i nonni da mo'. Quindi che il rapporto della madre con la figlia non sia tale da avere un peso sulla scelta della madre.

the_hi†cher
17-04-2007, 13:15
Originariamente inviato da ZaMM
L'articolo non è chiaro: può anche darsi che la figlia stia con i nonni da mo'. Quindi che il rapporto della madre con la figlia non sia tale da avere un peso sulla scelta della madre. puoi non averci un rapporto per via di tutto quello che è successo, chi lo sa da quanto andavano avanti le violenze, ma diamine è sua figlia ed è stata lei a denunciare il marito per gli abusi per cui un certo grado di consapevolezza lo deve aver raggiunto... è questo ritornare sui propri passi quasi spinta dal senso di colpa nei confronti di lui che non capisco... cioè lo capisco benissimo ma non lo accetto

aedo i meccanismi che generano la violenza e che la violenza genera li conosco benissimo, ma qui è mancato qualcosa (forse un sostegno psicologico a tutta la famiglia) se dopo essersene liberata lo riprende in casa come se nulla fosse successo

jack la tendenza a rimuovere fatti spiacevoli ce la abbiamo tutti, in quei casi raggiunge livelli patologici, meglio vivere in una illusione che niente sia successo e niente possa succedere che fare i conti con i propri fantasmi

ZaMM
17-04-2007, 13:17
Originariamente inviato da the_hi†cher
...ma diamine è sua figlia...
Beh lo sai, a volte questa è un'aggravante, mica una roba positiva.

the_hi†cher
17-04-2007, 13:19
Originariamente inviato da ZaMM
Beh lo sai, a volte questa è un'aggravante, mica una roba positiva. dillo a me (:
ma allora a che pro denunciare? cos'era, gelosa della figlia che si attirava le violenze del marito e ha voluto punirlo?
(lo so, come al solito si pontifica sul nulla ma davvero mi irrita profondamente questa cosa)

aedo
17-04-2007, 13:22
Originariamente inviato da the_hi†cher
dillo a me (:
ma allora a che pro denunciare? cos'era, gelosa della figlia che si attirava le violenze del marito e ha voluto punirlo?
(lo so, come al solito si pontifica sul nulla ma davvero mi irrita profondamente questa cosa)

eh, non sarebbe così campata in aria come ipotesi, questa come altre altrettanto agghiaccianti.

rebelia
17-04-2007, 13:36
Originariamente inviato da the_hi†cher
puoi non averci un rapporto per via di tutto quello che è successo, chi lo sa da quanto andavano avanti le violenze, ma diamine è sua figlia ed è stata lei a denunciare il marito per gli abusi per cui un certo grado di consapevolezza lo deve aver raggiunto... è questo ritornare sui propri passi quasi spinta dal senso di colpa nei confronti di lui che non capisco... cioè lo capisco benissimo ma non lo accetto


io sinceramente neanche riesco a capirlo :fagiano:
per il resto sono d'accordo

catrin
17-04-2007, 13:41
Una le situazioni dovrebbe viverle per sapere davvero come si comporterebbe...Esprimendo un pensiero "dall'esterno" posso dire che, per quanto mi riguarda, sarebbe già abbastanza non aver ammazzato quel bastardo che abusa di mia figlia.

Loading