PDA

Visualizza la versione completa : [Non Tecnico] Open Source e aziende.


FreeManX
16-05-2007, 10:57
Ciao a tutti,
probabilemente questa discussione e' già stata affrontata, ma i tempi cambiano ed anche le opinioni :)

Quello di cui vorrei dibbattere e' il seguente argomento: Tutti OS-people oggi dicono che (e concordo bene inteso) si può fare a meno di software closed-source ed utilizzare alternative opensource.

Io mi chiedo aziendalmente parlando e' un rischio affidarsi ad un progetto opensource che oggi c'e' e domani non si sa, si puo' anche dire, magari si chiamera in modo diverso sarà sviluppato da altri ma esisterà ancora... ma a livello di adoption un azienda che fa un investimento del genere non sarebbe felice se dopo 6 mesi deve cambiare tutto. :(

Non so espresso bene il mio dubbio, voi cosa ne pensate?

andrea.paiola
16-05-2007, 11:02
penso che anche il software chiuso oggi c'è e domani non si sa :madai!?:

ah tra parentesi open source può essere anche commerciale... la differenza è che ti rimane il codice e volendo puoi continuare a svilupparlo tu e a modificarlo

alkat
16-05-2007, 11:03
Originariamente inviato da FreeManX
Ciao a tutti,
probabilemente questa discussione e' già stata affrontata, ma i tempi cambiano ed anche le opinioni :)

Quello di cui vorrei dibbattere e' il seguente argomento: Tutti OS-people oggi dicono che (e concordo bene inteso) si può fare a meno di software closed-source ed utilizzare alternative opensource.

Io mi chiedo aziendalmente parlando e' un rischio affidarsi ad un progetto opensource che oggi c'e' e domani non si sa, si puo' anche dire, magari si chiamera in modo diverso sarà sviluppato da altri ma esisterà ancora... ma a livello di adoption un azienda che fa un investimento del genere non sarebbe felice se dopo 6 mesi deve cambiare tutto. :(

Non so espresso bene il mio dubbio, voi cosa ne pensate?

Perché, le aziende che producono software closed source non falliscono mai?

.a.

raistlin76
16-05-2007, 11:06
a livello di adoption un azienda che fa un investimento del genere non sarebbe felice se dopo 6 mesi deve cambiare tutto.

Ovviamente si', la scelta deve essere molto oculata - come dovrebbero essere tutte - e valutare anche questi rischi e costi.
Se si va verso software open-source +o- "storici" (OOo, MySQL, Apache, Perl, Python, gcc, gimp, ecc.) il problema penso sia solo a livello teorico.
Se invece si va verso software piu' "artigianali" (non nel senso deteriore del termine) - voglio dire piccola comunità, pochi sviluppatori (magari geni, ma pochi), release poco frequenti, ecc. - il rischio deve essere valutato bene.

FreeManX
16-05-2007, 11:07
Originariamente inviato da alkat
Perché, le aziende che producono software closed source non falliscono mai?

.a.

:) Open source, sono stato un po troppo generico avete ragione, ovviamente intendo niente costi di licenza :)

Si falliscono for di dubbio, ma ad esempio capisci che una azienda deve scegliere un software per il project mgmt puo' dire ho queste due scelte: 1) Microsoft Project, 2) Task juggler, ovviamente la prima ha meno probabilità di fallire! Aime! O Comunque garantisce piu' stabilita'.... (Per carità io scegliere task juggler!! :)... ma credo che un IT Manager ci pensi ha interessi piu' vasti!) :)

andrea.paiola
16-05-2007, 11:49
se ci tieni ad un progetto open source puoi finanziarlo eh

raistlin76
16-05-2007, 11:59
Open source, sono stato un po troppo generico avete ragione, ovviamente intendo niente costi di licenza

Ma allora questo cambia tutto, tu parli del confronto software a pagamento vs. software gratis, l'open source non c'entra.

Be' sinceramente non saprei quale dei 2 software è piu' conveniente (non ne conosco nemmeno uno) pero' il tuo discorso è semplicistico, ci sono tanti fattori da considerare nell'acquisto di un software, la sua "durata" è soltanto uno di quelli. E cmq non vedo un nesso poca durata - open source, dipende dai casi.

Loading