PDA

Visualizza la versione completa : perchè nessuno sostiene QiLinux/Tuga


mykol
13-06-2007, 18:36
Un amaro sfogo di uno sviluppatore QiLinux/Tuga (http://www.qilinux.org/index.php?name=PNphpBB2&file=viewtopic&t=1470)

Perchè tutti con *buntu&C?

Perchè una validissima distro Italiana viene lasciata morire ?

Esterofilia ?

Il mio piccolo contributo l'ho dato (ho comprato Tuga), sono felice di aver contribuito allo sviluppo di Linux !

Dalla risposta di uno sviluppatore

"..... Secondo punto, non siamo spariti, ma abbiamo dovuto rivolgere tempo e risorse ad altri progetti, per guadagnarci il pane quotidiano in attesa di tempi migliori…lo ammetto, abbiamo ancora il piccolo vizio di mangiare a pranzo e cena!
Buon ultimo ci chiedi degli impegni precisi…d’accordo, ma sulla base di cosa ? abbiamo dato, tanto e costantemente nel tempo , e sicuramente abbiamo almeno dimostrato che non sempre è necessario andare verso prodotti stranieri, anche gli Italiani, e lo scrivo con orgoglio, qualcosa sanno fare."

bereshit
13-06-2007, 19:07
la maggior parte degli utenti linux noob si butta su ubuntu perchè la solo comunità italiana è molto più grande di quella di qilinux..

i poweruser preferiscono atro tipo di distro..

comunque secondo me è un fatto psicologico..

qilinux è italiana..lo si intende come dire sviluppata da italianie usata solo da quaalche utente italiano..quindi ci cresce dentro un sentimento di inferiorità che ci spinge su distro internazionali quindi migliori..

tutto questo nel miliardesimo di secondo prima di cliccare sul link di ubuntu..

in ogni caso credo che chiunque usi linux regolarmente dovrebbee supportarlo..

il mio l'ho già dato ( fsf e debian, la mia prima distro)

ma proverò anche qilinux..se la troverò migliore di debian passerò a sostenere quella..in ogni caso se la troverò buona la consiglierò sicuramente al posto di ubuntu..

Sachertorte
13-06-2007, 19:10
Ubuntu va di moda e tutti a installare/consigliare Ubuntu, anche quelli che qualche mese fa non lo calcolavano manco di striscio ora non vivono senza.

Mettici un po' di esterofilia che porta a considerare superiore qualunque cosa venga dall'estero.....

Qi non sarà perfetto, ma almeno non è la solita distro derivata da un fork di un'altra derivata, è fatta bene e non ha nulla da invidiare a distro straniere più famose.

sacarde
13-06-2007, 19:16
linux nelle aziende non e' ancora decollata......

se un giorno lo facesse qilinux penso avrebbe la sua fetta

Neon87
13-06-2007, 19:23
vorrei sfatare il luogo comune secondo il quale ubuntu è da noob...
io ho usato per anni sia gentoo che debian sul mio desktop...

ora uso ubuntu ma non perche' fa moda... perche' come tutte le distro nuove che escono le scarico e le provo... e questa mi è piaciuta perche' è particolarmente performante (al contrario di distro come mandriva e suse che mi sembrano molto piu' pesanti), è robusta e, si perche' no, ha anche dei fronzoli che mi permettono di fare tanto con un clic...

non capisco perche' questa paura di usare qualche cosa che sia facile e contemporaneamente che sia linux... la giudico stupida perche' è limitante e perditempo... se con un solo clic posso aggiornare repository e aggiornare il sistema perche' non dovrei farlo?

io amo debian e difficilmente usero' distro che non sia quella (vedi server di casa mia) o sue derivate...

io sono molto contento che italiani diventino celebri nel mondo dell'opensource soprattutto se lo fanno con una distro scritta da 0... pero' credo che in un momento come questo in cui le aziende cominciano a investire molto nell'opensource sia piuttosto facile che si ottengano risultati piuttosto deludenti...
con questo non voglio dire che qilinux sia lavoro perso! ma solo che purtroppo per quanti dev si uniscano al progetto difficilmente lavoreranno come una comunita' come quella debian/ubuntu ormai affermata da tempo...

bereshit
13-06-2007, 19:33
vorrei sfatare il luogo comune secondo il quale ubuntu è da noob...
io ho usato per anni sia gentoo che debian sul mio desktop...

ora uso ubuntu ma non perche' fa moda... perche' come tutte le distro nuove che escono le scarico e le provo... e questa mi è piaciuta perche' è particolarmente performante (al contrario di distro come mandriva e suse che mi sembrano molto piu' pesanti), è robusta e, si perche' no, ha anche dei fronzoli che mi permettono di fare tanto con un clic...

non capisco perche' questa paura di usare qualche cosa che sia facile e contemporaneamente che sia linux... la giudico stupida perche' è limitante e perditempo... se con un solo clic posso aggiornare repository e aggiornare il sistema perche' non dovrei farlo?

credo sia riferito al mio post..

hai frainteso..

la relazione noob ubuntu non è biunivoca..

noob va ad ubuntu

ma non ho mai detto che ubuntu va a noob e basta

non so se mi sono spiegato..

comunque credo/spero che il mercato open si evolva così..

non predominaza di aziende..ma localizzazione..visto che si baserebbe sul supporto.. conterebbe di più la disponibilità dell'azienda e la vicinaza al suo clinete che il grande marchio..

Neon87
13-06-2007, 19:49
Originariamente inviato da bereshit
credo sia riferito al mio post..

hai frainteso..

la relazione noob ubuntu non è biunivoca..

noob va ad ubuntu

ma non ho mai detto che ubuntu va a noob e basta

non so se mi sono spiegato..

si si ma infatti non era rivolto a te ma ai molti che snobbano ubuntu solo perche' è piu' facile di altre distro da usare..

billiejoex
13-06-2007, 20:38
Perchè tutti con *buntu&C?
Perchè una validissima distro Italiana viene lasciata morire ?
Esterofilia ?
Il senso di dispersività derivante dalle migliaia di distro attualmente in circolazione influisce pesantemente, imo.
Se da una parte può essere bello, stimolante e romantico il fatto di poter scrivere la propria distro "ex-novo" (che poi cosi non è ma va beh...), dall'altro ci si ritrova a chiedersi seriamente che vantaggi possono derivare dall'avere cotanta varietà di scelta.
Nel senso... una volta che c'è una distro pensata per i noob, un'altra per gli amministratori, un'altra ancora per gli sviluppatori, [aggiungine un altro paio] che accidenti me ne faccio della distro per cattolici (http://www.whatwouldjesusdownload.com/christianubuntu/2006/07/about-ubuntu-christian-edition.html), quella per geek depressi, l'altra per vedove inconsolabili e l'altra ancora "made in italy"?
Per me questa è una cosa assolutamente senza senso.
In quanto utente mi indirizzo verso il prodotto migliore e mantenuto dal maggior numero di persone. Sono un *utilizzatore*, ed è il sistema operativo che deve servire me nel miglior modo possibile, non io che per questioni etiche e morali vado a supportarlo.
Il sistema operativo c'è ed ha un senso. Reinventare per un migliaio di volte una ruota che gira ormai gia da quasi due decenni no.
Reinventare linux una volta a settimana ha senso come hack, come soddisfazione del tutto personale, ed è una cosa che può benissimo starci (di ruote ne ho reinvantate anche io e più di una) ma non ci si deve stupire troppo se il progetto rimane solo fine a se stesso, imo.


vorrei sfatare il luogo comune secondo il quale ubuntu è da noob...
io ho usato per anni sia gentoo che debian sul mio desktop...

ora uso ubuntu ma non perche' fa moda... perche' come tutte le distro nuove che escono le scarico e le provo... e questa mi è piaciuta perche' è particolarmente performante (al contrario di distro come mandriva e suse che mi sembrano molto piu' pesanti), è robusta e, si perche' no, ha anche dei fronzoli che mi permettono di fare tanto con un clic...

non capisco perche' questa paura di usare qualche cosa che sia facile e contemporaneamente che sia linux... la giudico stupida perche' è limitante e perditempo... se con un solo clic posso aggiornare repository e aggiornare il sistema perche' non dovrei farlo?
Assolutissimamente d'accordo.

mykol
14-06-2007, 14:50
non credo che QiLinux sia più difficile da usare di ubuntu, anzi mi sembra più veloce e scattante.

Mi pare che sia la nostra inguaribile propensione a correre in soccorso del vincitore (o presunto tale)

francofait
14-06-2007, 15:23
Originariamente inviato da mykol
non credo che QiLinux sia più difficile da usare di ubuntu, anzi mi sembra più veloce e scattante.

Mi pare che sia la nostra inguaribile propensione a correre in soccorso del vincitore (o presunto tale)


La nostra inguaribile propensione grave è quella di correre dietro alla pappa pronta scodellata da altri, accontendandosi al massimo di studiare il formaggio grattato (anche quello) che la può condire meglio. E se qualcuno cerca di sviluppare e fare ricerca su proprie idee si preferisce criticarlo considerando il suo lavoro una inutile dispersione di risorse.

Loading