PDA

Visualizza la versione completa : [ot] Camera/ Montecitorio Passa Da Windows A Linux


@less
11-07-2007, 14:49
Che ne pensate?!? (http://notizie.alice.it/notizie/politica/2007/07_luglio/11/camera_montecitorio_passa_da_windows_a_linux,12857 567.html)



Roma, 11 lug. (Apcom) - E' stato presentato ieri dai deputati questori (Albonetti, Colucci e Galante), insieme al dirigente del servizio informatica, il piano per il passaggio dell'infrastruttura informatica della Camera da Windows a Linux, il noto sistema operativo open source. Il piano prevede il passaggio graduale dell'intera amministrazione di Montecitorio al nuovo sistema (server, desktop e applicazioni) e l'opzione, a richiesta, per le segreterie e i deputati (compresi i computer portatili). Inoltre la biblioteca di Montecitorio renderà disponibili al pubblico diverse postazioni informatiche con Linux.

Il piano è stato sviluppato dal servizio informatico e dai questori dopo l'accoglimento di un ordine del giorno di Pietro Folena, presidente della Commissione Cultura, in sede di bilancio della Camera.

"Si tratta - afferma Folena - di una decisione straodinaria e rilevantissima. L'istituzione centrale del paese, il parlamento, decide non solo di risparmiare (il che è di per sé un obiettivo importantissimo), ma soprattutto decide di rendersi indipendente sul piano tecnologico, adottando un sistema open source e quindi liberandosi dai vincoli del software proprietario. In tal modo si va incontro alle esigenze di trasparenza e di sicurezza che sono doverose per una istituzione pubblica. L'esempio della Camera costituisce un importante precedente per tutte le amministrazioni pubbliche, alcune delle quali sono già passate a Linux determinando enormi risparmi (la provincia di Bolzano, ad esempio, risparmia così 1 milione di euro l'anno). Il merito va ai deputati questori e all'amministrazione della Camera, che si sono dimostrati sensibili ad un tema tanto importante".

"Invierò la mia proposta di legge - conclude - sul software libero nella pubblica amministrazione a tutti i deputati, invitandoli anche a scegliere Linux per i loro computer in ufficio e per i portatili, sia per ragioni di costi che per quelle di sicurezza, trasparenza e libertà".

tremalnaik_sal
11-07-2007, 14:50
e vai compagno Folena :yuppi:

lake86
11-07-2007, 14:54
Per quello che gli serve un oc fan bene cosi risparmiano

psykopear
11-07-2007, 15:00
è proprio quello che speravo succedesse, speriamo che non siano gli ultimi, sarebbe un passo gigante per l'open source in italia se tutti gli uffici pubblici usassero computer con linux, e poi si risparmierebbero tanti di quei soldi..
Tiè Bill :prrr: :unz:

/dev/null
11-07-2007, 17:27
Originariamente inviato da tremalnaik_sal
e vai compagno Folena :yuppi: :unz: :unz: :unz:




Anche se :fagiano: cosi' a senso non mi sembra troppo probabile che una proposta simile passi.
Se ci saranno novita' tenete{mi,ci} informato.




http://www.pietrofolena.net/blog/

Mutato
11-07-2007, 18:40
Allora, intanto si tratta di un ordine del giorno e non prevede il passaggio a Linux, ma la possibilita` che i deputati facciano richiesta di passare a Linux sulla loro postazione desktop. Il risparmio di cui parla Folena e` un risparmio ipotetico, calcolato sulla possibilta` che tutti coloro che lavorano a Montecitorio decidano in blocco di passare a Linux, cosi` come la realizzazione dell'indipendenza sul piano tecnologico.

Insomma. Quando i deputati faranno richiesta di un nuovo PC gli arrivera` un PC con WIndows Vista e Microsoft Office a meno che loro non facciano esplicita richiesta di una cosa diversa.

Il fatto poi che abbiano esteso il WiFi alla bouvette (il bar), ai salottini e ai giardini fa capire come lavorano.

Per concludere, a me pare un provvedimento solo di facciata e scarsamente incisivo; si progetta un risparmio e si proclama una indipendenza che sono possibili in quei termini enfatici solo con l'impegno collettivo e volontario di tutti i deputati, cosa che, a guardare la nostra storia, offende la mia intelligenza.

Loading