PDA

Visualizza la versione completa : Illegalita' su Internet


/dev/null
31-07-2007, 05:42
In un sito aperto al pubblico, dove chiunque puo' aggiungere qualcosa, diciamo un forum, una chat, un wiki o un sito di upload files, che regole ci devono essere secondo la legge?
Voglio dire: al di la' del regolamento di tale sito (supponiamo che non ci sia alcun regolamento) cosa e' legale o illegale fare?

Alcune cose sono ovvie (diffondere materiale copyrightato o pedofilo, per dire), ma altre no, almeno per me (posso offendere un altro utente? una persona reale? condividere materiale pornografico? diffondere dati personali di un privato? spammare? discriminare/insultare per motivi raziali o religiosi? ...).
Da cosa dipende cio' che posso fare? Dal paese in cui si trova il server, l'utente, il visitatore che legge il messaggio, ci sono leggi internazionali o cosa?
E il proprietario del server ha qualche diritto o dovere a riguardo? Puo' mettere dei disclaimer per legalizzare qualcosa che altrimenti non sarebbe lecito? Deve impegnarsi a tenere pulito il proprio sito e a informare l'autorita' quando succede qualcosa di illegale?
E se viene fatto qualcosa illecito chi ci va di mezzo? Il proprietario del sito, l'utente che ha compiuto l'illecito, i visitatori o chi altro?



Sono domande che mi faccio spessissimo, ogni volta che vedo qualcosa di sbagliato da qualche parte...

NyXo
31-07-2007, 05:54
hai idea di quante pagine occorrerebbero per rispondere con precisione a tutte le domande?
:D
cmq: il luogo dove risiede il server ha la sua importanza, ma anche il luogo dove risiede il proprietario, ma anche il luogo dove risiede la persona che accede al sito: il tutto a seconda dei casi specifici della legge che sarebbe stata violata.

sempre in ambito generale, per quanto ne so io, il proprietario di un forum non e' direttamente responsabile di cio' che avviene sul proprio forum, a meno che non sia lui a incoraggiarlo (se ad esempio apro il sito razzisti.it poi non posso mica dire che non e' colpa mia se gli utenti fomentano l'odio razziale)

tuttavia credo che sia tenuto a "ripulire" il forum da messaggi diffamatori qualora ne sia fatta richiesta - credo

per quanto riguarda l'esistenza di leggi internazionali temo - ma anche qui non ne sono certo - che non ne esistano molte, o almeno non tali da ricoprire tutto il campo dei reati prevedibili, visto che mi sembra di capire che diverse volta la magistratura viaggia per analogia a leggi riferentesi alla vita reale e a luoghi concreti (ma anche qui e' un mio personalissimo "mi sembra di capire che funzioni cosi'...")

/dev/null
31-07-2007, 06:06
Originariamente inviato da NyXo
hai idea di quante pagine occorrerebbero per rispondere con precisione a tutte le domande?Spero poche perche' non ho molta voglia di leggere sproloqui immensi :stordita:
Immagino che un paio di link in questo caso valgano piu' di mille parole...

Credo che funzioni piu' o meno come dici te, ma le nostre credenze mi sembrano talmente vaghe da non sapere se offendere un utente possa costare a me e al proprietario del sito molto piu' di un semplice ban.





Ah, una cosa che non ho specificato nel primo post: so che nella pratica non rischio praticamente niente infrangendo la legge su internet, a meno di non aver fatto qualcosa di particolarmente grave o appariscente, ma fa lo stesso... E' una domanda teorica per capire come funziona il mondo in questo contesto, priva di fini pratici.

NyXo
31-07-2007, 06:31
Originariamente inviato da /dev/null
Credo che funzioni piu' o meno come dici te, ma le nostre credenze mi sembrano talmente vaghe da non sapere se offendere un utente possa costare a me e al proprietario del sito molto piu' di un semplice ban.


offendere su mezzo pubblico e' comunque passibile di querela, su questo non c'e' dubbio

al proprietario del forum verra' chiesto di eliminare tali offese, in caso di magistrato capace.

in caso di magistrato incapace potrebbe capitare al proprietario di vedersi sequestrato il sito a scopo preventivo :stordita:

Loading