PDA

Visualizza la versione completa : [sondaggio] Studi di settore


krakovia
09-08-2007, 14:55
Da sondaggio personale scopro che quasi tutti i miei amici liberi professionisti, artigiani e commercianti sono infognatissimi e incazzatissimi a causa di questi benedetti "studi di settore".
Mi han parlato di tasse infilate in finanziaria con effetto retroattivo, tassazioni esagerate per ditte individuali... voi ne sapete qualcosa?

@rgo1
09-08-2007, 17:51
beh noi abbiamo chiuso 2 anni fa.
non riuscivamo mai a essere congrui, è vero che puoi dichiararti non congruo, peccato che i cosiddetti accertamenti non consistano in una valutazione caso per caso delle motivazioni percui non si riesce ad esserlo...

tant'è vero che noi a distanza di 2 anni dalla chiusura e dopo aver dovuto vendere tutto per pagare i debiti e essere andati a fare il dipendente, riceviamo ancora le cartelle esattoriali degli accertamenti degli anni passati (dove l'azienda non era congrua perchè andava male) che ci dicono nè più nè meno dovete pagare la parte che non avete pagato (indipendentemente dal perchè non avete pagato)

lo studio di settore è un calcolo che sulla base delle dimensioni dell'attività (dipendenti, volume d'affari, capannone ecc) decide che tu, che l'economia vada bene o no, che i clienti ti paghino o meno, dovresti (dovresti ma non è detto che poi ce la fai) guadagnare tot e quindi devi pagare al fisco tot.

che poi tu questo tot lo guadagni veramente oppure no, son cazzi tuoi.

in pratica ti cucchi sia gli aspetti negativi del rischio imprenditoriale, sia quelli del dipendente (tassazione fissa su un reddito 'presunto' però, che è anche peggio) in pratica l'imprenditore diventa un dipendente dello stato perchè si ritrova a lavorare ormai ben oltre giugno solo per pagare tasse, tassine, gabelle bla bla bla

se non hai un business della madonna ti fai un culo così e fai anche la fame e non hai nemmeno più la consolazione di essere libero da padroni perchè il tuo padrone diventa il fisco, un vero caporale...

l'attività artigianale (1 solo dipendente) che stava in piedi da 40anni quindi è andata a ramengo, l'imprenditore ora fa il dipendente c/o terzi e si sente un privilegiato.

fisso mensile, 27gg di ferie pagati a far niente (2 settimane a natale, 4 ad agosto e i ponti), malattia e infortuni pagati, inps pagato molto più di quanto non si riuscisse a pagare da autonomi e 13a! (questa sconosciuta!) :D

a parte queste ultime cartelle di accertamento da pagare se dio vuole ce ne siamo liberati...per sempre.

e quello che paghiamo in busta paga a fronte delle migliaia di euro (rateizzati) che ci venivano chiesti prima ci paiono davvero briciole...

seifer is back
09-08-2007, 20:39
è un meccanismo creato inizialmente con lo scopo di limitare le grosse evasioni. Nella realtà invece colpisce slamente i piccoli esercizi e quelli che versano in cattive acque.

Quelli grossi, proprio grazie agli studi di settore, evadono tanto, essendo sicuri di non ricevere i controlli.

l'evangelista
09-08-2007, 20:50
Se applicati correttamente, gli studi di settore sarebbero un ottimo strumento contro l'evasione fiscale.
I problemi nascono nel personale dell'agenzia delle entrate; un branco di ventisettisti, titolari di 3/4 abbonamenti ad altrettanti settimanali di cruciverba -il piu intellettuale riesce perfino a terminare il sudoku, ma giusto quello di repubblica.it- che davanti un contribuente "non congruo" propone il pagamento di metà sanzione. A meno che il contribuente non abbia contratto nel giro di 12 mesi aids, leucemia, tumore al pancreas e dimostri altrettanti ricoveri.

tognazzi
09-08-2007, 21:38
Originariamente inviato da seifer is back
è un meccanismo creato inizialmente con lo scopo di limitare le grosse evasioni. Nella realtà invece colpisce slamente i piccoli esercizi e quelli che versano in cattive acque.
Quelli grossi, proprio grazie agli studi di settore, evadono tanto, essendo sicuri di non ricevere i controlli.

fossi in loro, non sarei tanto sicuro :D

@ l'evangelista

il problema imho non è l'agenzia delle entrate intesa come "macchina amministrativa", ma il calcolo dei profili dei contribuenti che è alla base del concetto stesso di studio di settore. quel calcolo è oggettivamente difficile e dà problemi (non solo in Italia)

axsw
09-08-2007, 21:55
Originariamente inviato da krakovia
Da sondaggio personale scopro che quasi tutti i miei amici liberi professionisti, artigiani e commercianti sono infognatissimi e incazzatissimi a causa di questi benedetti "studi di settore".
Mi han parlato di tasse infilate in finanziaria con effetto retroattivo, tassazioni esagerate per ditte individuali... voi ne sapete qualcosa?
I tuoi amici hanno ragione.

dAb
09-08-2007, 22:00
Chiedimi cosa ne penso. Avanti, chiedimelo.

krakovia
10-08-2007, 00:54
Originariamente inviato da dAb
Chiedimi cosa ne penso. Avanti, chiedimelo.
ehm.. cosa ne pensi?



quel che mi è incomprensibile è:
se non raggiungi il volume d'affari presunto sei costretto a pagare una sorta di minimum tax comunque, o semplicemente la finanza effettua un controllo?

osky
10-08-2007, 01:15
Gli studi di settore servono a far pagare tutti, chi ci guadagna è chi ha un redditto superiore a quello che gli viene attribuito, e che in virtù dello stesso può concedersi un'evasione fiscale, poi ci sono quelli che rientrano nei parametri e per i quali cambia poco o nulla, e poi ci sono quelli che guadagnano effettivamente meno del reddito calcolato;

Facile capire a chi spetta dotarsi di scorte di vasellina.

Misterxxx
10-08-2007, 09:08
Studi di settore?
Se non è il lato peggiore del comunismo questo .... e non ce l'ho con i comunisti (cioè, si, ma non in questa occasione :D ) perchè è perpretato da tutti i governi.
Voglio dire che è un sistema para-sovietico dove devi pagare anche quando non li hai guadagnati solo perchè lo stato è incapace ( :confused: ) di scovare gli evasori.
E allora lo sapete cosa vi dico ... 'fanculo, se e quando posso cerco di metterglielo ner bao-gigi anche io allo stato !!!

Loading