PDA

Visualizza la versione completa : Buonanotte (dall'uomo dalle K facili)


ilducaditv
25-09-2007, 00:51
Ogni giorno attorno a noi, e qualche volta anche dentro di noi, c è ki parte, ki arriva, ki ritorna, ki sparisce. Ogni giorno un mattone della nostra esistenza s'accumula sugli altri nella speranza ke un giorno poi la polvere del tempo non distrugga tutto e se li porti via. Ogni giorno viene impresso in qualke cluster della nostra mente, ma molte volte viene dimenticato - altre volte no. Quante volte ci siam guardati indietro lamentandoci, altre invece accarezzati da un ricordo felice. Ci sono giorni in cui sappiamo solo disperarci, altri invece in cui sappiamo solo amare; alcuni giorni ci sembrano innutili, altri li cataloghiamo come "uno dei più belli". Eppure sappiamo razionalmente ke sono semplice.mente passati. Alle volte si vorrebbe poter piangere, altre bramiamo inutilmente di sorridere. Personalmente vorrei sempre essere capace di trasmettere ogni mia emozione, magari disegnandola con le lettere dell'alfabeto, ma non sempre mi riesce. Ci si pianta su una tastiera ebbra di parole ke però non riescono a fluire nemmeno su un foglio virtuale. Altre volte non serve nemmeno pensarle e i colori si aggregano da soli. Kissà da cosa dipende. Tranquilli, non cerco risposte ma stasera ne è uscito un modo, spero, originale, per darvi la mia BUONANOTTE

ilducaditv
25-09-2007, 00:52
Anke stasera.... ultima sigaretta..... e poi il saluto. Periodicamente la vita ci pone di fronte dei bivi, come a me oggi in autostrada. I cartelli stanno la, ti indicano tutto e il volante è tuo... Ma quale corsia prendo? Quando le strade non le conosci rischi di sbagliare uscita e vado in panico. L'importante però e non andare diritto nei guard rail, quelli fanno male . Se ci pensi poi anke prendendo un uscita sbagliata ke succede? Ti costa un po' di più, biglietto, benzina, ma poi rientri e riparti. L'autostrada ti può portare lontano, correre, correre, ma anke tornare indietro, la prossima volta starò più attento. E a casa magari avviso ke arrivo tardi, si lo so ho sbagliato, ma perchè rimuginare? a che serve? Oramai. Di notte poi è ancora più difficile. Le luci offuscano un po' la vista, come se ci fossero due lacrime ad annebbiare gli occhi, la stankezza della giornata ti ruba anke un po' di forze. In quei casi a dire il vero io mi fermo, al primo autogrill, alle volte basta un caffè, altre una red bull, altre un parkeggio dove riposare un po', la vicino dall'autostrada, ma per un momento cos ì lontano.

Buonanotte

ilducaditv
25-09-2007, 00:52
Un saluto veloce stasera, non è tardi, ma me ne vado a vedere un filmino, stasera qui la compagnia latita!
Ma quando posso non voglio latiti la mia buonanotte, che vi permetta una notte serena e un risveglio felice: oggi domani e per sempre...
Una buonanotte speciale per chi è solo o si sente così. Per chi è ammalato e per chi ha perso una parte di se. Un Abbraccio a tutti.
Ora si, Buonanotte

ilducaditv
25-09-2007, 00:53
Porca Miseria: sembra il mio diario personale ... Nessun altro ke usa quest'angolo per i saluti notturni, ke peccato.

Sto ascoltando "C era una volta il west" di Ennio Morricone. Sembra davvero perfetto per dare un saluto a chi, anche occasionalmente, passa di qua a leggere. Le sue arie ti prendono e ti trasportano nella fantasia dei film dei quali ne ha solcato le pellicole. Quasi alle volte ti regalano brividi ke solo un corpo di una donna, anke se in maniera diversa, ti può dare...
Grazie Maestro.

Buonanotte

ilducaditv
25-09-2007, 00:53
Ne parlavo con un amica stasera: Ci sono momenti in cui le parole non servono, anzi sono i silenzi a dare spessore alle proprie senzazioni, alle proprie vibrazioni. Quasi un sistematico pudore nel raccontare la fiaba della propria vita, o almeno una sua parte di percorso. Si rischia talvolta però di negare fatti ed evidenze, di rinchiudersi e non vivere, o meglio dimenticarsi di ascoltarsi, di guardarsi dentro. Ogni tanto serve. Allora a quel punto ke fare? Negare a se stessi o esprimere quello che la parte sinistra del nostro cervello ci indica? Guardavo l'altra sera i miei bimbi dormire tranquilli, in posizioni assurde sui loro letti . Io ero un po' disfatto, stanco di essere stanco, non dico devastato perkè stasera ho già abusato di questa parola. Dicevo nonostante questo li guardavo ed ero felice, mi donavano un po di serenità quasi mi stessero abbracciando. So ke dormivano tranquilli perkè si sentivano al sicuro, perkè possono guardare al domani senza problemi, perkè sanno ke, nonostante tutto possono contare sul loro papà. Ora non credo sia un peccato donare se stessi, se si riesce ad andare oltre certi muri si può essere felici anke nella disperazione se le persone a cui si tiene trovano ciò che cercano. Non è impossibile. Credetemi.


Buonanotte

ilducaditv
25-09-2007, 00:57
Ora, disegnare con le parole è sin troppo facile, dare sfumature sulle varie tonalità di rosso già bisogna impegnarsi un po' di più... Ma quando posso lascio andare le dita e la musica, anke se stonata, esce!
La notte è dedicata al riposo!

OZZY IS BACK...
25-09-2007, 01:02
ma c'è anche gente normale su sto forum?

:master:

ramius
25-09-2007, 01:10
Ma aprire un blog ti pareva brutto? :bhò:

DydBoy
25-09-2007, 01:54
E' il Marzullo-bot.
Un prototipo direi.

rebelia
25-09-2007, 08:26
Originariamente inviato da DydBoy
E' il Marzullo-bot.
Un prototipo direi.

:D

Loading