PDA

Visualizza la versione completa : Internet tax nuova trovata del governo


alvi2000
20-10-2007, 18:24
Strano che qui non se ne parli. il disegno di Legge se passasse al Parlamento avrebbe delle ripercussioni non da poco su "tutte" le attività internet in modo diretto e/o indiretto.

La Legge equipara la pubblicazione di un sito anche non a fini di lucro ad un'attività editoriale e per questo soggetta all'iscrizione ad un registro (ROC) con tutte le procedure e i costi che questo comporta. Se si tratta di attività editoriale ci vorrà anche un direttore iscritto all'albo dei giornalisti?? Se così fosse sarebbe la fine del web italiano.

Alcuni link

Il disegno di Legge
http://www.governo.it/Presidenza/DIE/doc/DDL_editoria_030807.pdf

Se ne parla su
http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2092327
e ovviamente su
http://www.beppegrillo.it/

Si parla spesso in difesa del ragazzino che fa il suo blog ma non dimentichiamoci gli mprenditori che investono tutti i giorni e rischiano soldi in un settore che viene preso di mira dalla politica in questo modo.

Evi|A|ivE
20-10-2007, 20:49
si se ne sta parlando su un forum legato ad un gioco di ruolo medieval-fantasy online.

Il che la dice tutta sullo stato di salute di sta povera board :P

cmq sia, l'esperienza mi insegna che una legge, cosi come posso leggerla io, non significa nulla.

1) perche dietro una parola che per me puo significare candidamente un'altra.. scritta cosi ha un peso ben preciso.

2) perche il codice italiano è pieno di leggi. dato che non si rispettano quelle esistenti se ne fanno altre. Il problema è che bisogna vedere se sara applicabile (nella misura in cui viene criticata..)


Di fatto , totalmente "politically correct".., colma un vuoto legislativo (siamo all'avanguardia... del medioevo lol): se Pino Locasciullo dice "Berlusca ladro" sul Corriere di Colle Stitico è querelabile con aggravante, dato che lo fa su una testata giornalistica.. anche se con una tiratura di 25 copie mensili.

Se lo fa un blogger (ch efaccio, cito Grillo giusto per esempio? ^^) da un sito da milioni di unici al mese... è una calunnia semplice.

Se ne sono accorti.. e si son parati il sedere.

In un articolo del Corriere, lo stesso ministro-genialoide rassicurava (ma ch erassicurare.. avra colto l'occesione per ridimensionare la figura di M che sta facendo..) il popolosovrano dicendo che non interessa, la legge, i blogger italiani ma solo taluni siti.

Qualcuno glielo spiega che è una battaglia persa, e che dovrebbe valere il motto "se non puoi batterli, fatteli amici"?

Cmq per i blog aziendali mi sa che non si applica la legge (ho letto alcuni mpassi ma son ignorante e magari ho mal interpretato). Si limita ai blog che fanno informazione, paragonabili ad una testata giornalistica.

Abaco1
20-10-2007, 21:26
@Alvi2000

Se ne parla poco anche perché tanto non passa, vedi:

http://www.antoniodipietro.it/

http://www.paologentiloni.it/

P.S.
Che Levi sia un idiota non è una novità del 2007.
Il problema è che dovrebbero averlo inquadrato anche quelli che ci lavorano assieme e dovrebbero fidarsi zero di quello che dice, anche se gli è stato imposto da Prodi :jam: .
Ma chi segue un poco la politica Levi dovrebbe averlo inquadrato anni fa.
Non è assolutamente vero, come dice Grillo, che sia un Signor Nessuno, è uno che ha precedenti ben peggiori (sempre a rimorchio e grazie a Prodi) :incupito: .

Evi|A|ivE
20-10-2007, 23:14
se la memoria non mi inganna.. è quel genio che , ridacchiando tra sè e sè, ha pensato "ah pero' sti cinesi ! figa sta cosa della censura!"

vero? XD

è un genio. secondo me tra qualche anno lo troviamo con Bisio allo Zelig.

Linkato
20-10-2007, 23:26
Originariamente inviato da Evi|A|ivE
se la memoria non mi inganna.. è quel genio che , ridacchiando tra sè e sè, ha pensato "ah pero' sti cinesi ! figa sta cosa della censura!"

vero? XD

è un genio. secondo me tra qualche anno lo troviamo con Bisio allo Zelig.

Secondo me è normalissimo... non parlo solo di questo governo, ma della politica in generale...

E' normale che accada quando ci si affida unicamente a persone che sono collegate politicamente ad altre persone che sono collegate politicamente ad altre che sono collegate politicamente... è una rete, una vera rete, altro che Internet...

Conta solo essere collegati politcamente ad altri, poi, anche se non capisci nulla del settore in cui si interviene non conta nulla, tanto non c'è alcun controllo sulla spesa pubblica...

E' la stessa cosa per cui il portale italia.it è costato 45 milioni di euro ed è un fallimento... un portale che si sarebbe potuto creare con diecimila euro di spesa... e probabilmente anche meglio. La creazione è stata affidata solo a persone che rano collegate politicamente alla parte giusta...

Vedrete che non sarà solo questo, ci saranno altre "idee" altri interventi sia in Internet che in altri settori (non vi dico cosa si inventano ogni mese nel mio settore... cose da pazzi... sarebbe d'andarsene davvero da questa nazione, e lo farei se non avessi famiglia...).

Conta solo essere collegati politicamente ad altre persone che a sua volta sono collegate ad altre e via di seguito. Professionalità, competenze del settore in cui si vuole legiferare... 0,00

E sia chiaro che questo vale sia per il governo Prodi che Berlusconi... siamo sempre lì, conta solo l'appartenenza politica... la competenza è qualcosa che impiccia, che dà fastidio...

oziofester
21-10-2007, 00:06
Originariamente inviato da alvi2000
Strano che qui non se ne parli. il disegno di Legge se passasse al Parlamento avrebbe delle ripercussioni non da poco su "tutte" le attività internet in modo diretto e/o indiretto.

Se ne parla poco perché questo abominevole e vergognoso progetto di legge è farina del sacco comunista al malgoverno di questo paese.

Ci sono certi figuri nei forum pronti ad urlare peste e corna ma che diventano mansueti zerbini non appena a fare di questi scempi sono i loro compagni al governo.

Mi rendo conto che è il solito leit motiv ma... cosa sarebbe successo se questa legge censoria e liberticida fosse stata proposta dal governo berlusconi? Quali prime pagine avremmo letto sui quotidiani, sui siti, sui blog, sui volantini nella cassetta della posta?

E invece è stata partorita dal governo prodi.

Qualcuno disse che per votare i comunisti bisogna essere coglioni. Se poi si hanno anche dei siti e si votano lo stesso i comunisti, allora si è coglioni due volte dico io.

Ad ogni modo - è notizia di qualche ora fa - anche il ministro gentiloni parla di "errore" e a propria scusante ammette di non aver letto parola per parola la proposta di legge approvata in consiglio dei ministri.

Ma è una scusante ammettere di non leggere le leggi che si approvano in consiglio dei ministri???

Dilettanti allo sbaraglio.

oziofester
21-10-2007, 00:18
Originariamente inviato da Linkato
E sia chiaro che questo vale sia per il governo Prodi che Berlusconi... siamo sempre lì, conta

Se una cazzata la fa berlusconi, berlusconi è X Y Z A B C e anche D.

Ma se una cazzata la fa prodi, ah be' allora sono tutti uguali, la casta e bla bla bla.

Che schifo che mi fanno certi escamotage.

Evi|A|ivE
21-10-2007, 01:50
vabbe oziofester, te secondo me sei Weppos che per chiudere un 3D logga il TrollBot e mette una scusa per far morire una discussione.

No perche o è cosi o te hai davvero problemi nel relazionarti alla gente.
Vedi, te puoi avere anche tutte le ragioni di sto mondo, ma se nel momento in cui apri bocca esce solo merda, beh per quanto possa essere ben impiattata (come disse Bombolo) "sempre merda è".

Detto questo, ricordiamoci che gente ci sta in parlamento. E ho omesso l'orientamento politico volutamente, dato che è una marmaglia molto omogenea sotto questo punto di vista.

Ci sta gente che ora ha scoperto i BLOG. e li vedi ad annoZero che gli si fa duro quando dicono "il mio blog ha piu iscritti di quello del ministro XXX (eheheheh)".

Quella legge regolamenta i prodotti editoriali. sovvenzioni, inquadramenti , cazzi e mazzi.

Per prodotto editoriale si intende qualsiasi prodotto contraddistinto da
finalità di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento,
che sia destinato alla pubblicazione, quali che siano la forma nella quale
esso è realizzato e il mezzo con il quale esso viene diffuso.
Il casino sta qua.
Come si fa a definire prodotto editoriale un blog?
Un giornale io lo divulgo, lo vendo, lo distribuisco. Faccio qualcosa per farlo leggere agli altri.
Sul blog io scrivo. Vieni a leggere? Bene son felice. Ma non te l'ho portato sotto il naso io.

Un blog non è un periodico. Certo, ci sta chi ha la fantasia di scrivere ogni giorno uno o due articoli, o dieci.
O nessuno.

Certo rientra in pieno nelle categorie, ma è la forma che secondo me non ci sta per nulla.
Un blog, un documento in rete NON E' un prodotto editoriale.
Non devo essere un giornalista iscritto a nessun albo per dire "Oggi mi son svegliato e mi son messo le mutande al contrario".

Diverso è se uso un blog come organo di divulgazione vero e proprio.
Come stabilire se lo è o no? eheheh internet è una "cosa", impossibile dargli un nome :)

Certo è che fa storcere il naso sapere che se scrivo "oziofester busone" sul corriere della sera in quanto collaboratore del giornale vado a passare un guaio, menter se lo scrivo sul blog di grillo, che fa piu lettori, ne passo uno minore.

La gente se ne è accorta. Pensa a come pararsi il culo .. ma si è accorta (oddio han notato due cose insieme!) che tecnicamente non è fattibile.

Poi se vuoi possiamo fare anche a chi ce l'ha piu lungo (lo sproloquio contro questo o quel politico) non ci son problemi.
Solo che è antipatico. I thread vengon chiusi.. gli account bannati.. la ragazza lo viene a sapere e si fa venire i "mal di testa", ecc ecc..

Sta' bonino va' che se proprio vuoi rovinarti il fegato ci son altri rimedi :)

Fedeo
21-10-2007, 02:30
oziofester magari non si pone nel modo più simpatico del mondo, però non posso dargli torto.

Da quando questo governo sta attuando politiche per nulla libertarie allora "sono tutti uguali, fanno tutti schifo", mentre se una proposta partiva ai tempi del governo Berlusconi allora "i soliti fascisti"...

Questa proposta di legge non va commnetata per il semplice fatto che è ridicola, come ridicolo è stato il commento di Rutelli su italia.it: "lo chiudo, perchè non ha visibilità".

Come lo chiudi? I 45.000.000 di euro li abbiamo pagati NOI e tu con estrema superficialità affermi di volerlo chiudere?

E' un insulto agli italiani!

Tornando in topic, appunto, siccome si sono accorti che anche da sinistra arrivano le critiche (e che critiche...) allora vogliono mettere un bel bavaglio anche su Internet...

Speriamo che primavera arrivi presto!

pctrucchi
21-10-2007, 12:48
Le conseguenze se un decreto simile diventasse legge sarebbero:

Tutti i siti blog e forum e personali diverrebbero offshore oppure si cambierebbe hosting e si sposterebbero in altre nazioni. Ciò farebbe non solo chiudere i piccoli servizi di hosting e aprire la strada per far chiudere anche quelli grandi, ma farebbe impoverire di libera informazione il web italiano che col passar del tempo scomparirebbe. Il web in Italia sta nei primi 7 posti, 6 o 7 per numero di domini registrati. Diciamo che l'unica cosa che andava discretamente era questa in italia almeno nella tecnologia.

Peccato vuol dire che sposteremo tutti i nostri siti altrove; la povertà è molto vicina.

Loading