PDA

Visualizza la versione completa : La sinistra deve far cadere il governo?


seifer is back
29-11-2007, 11:24
qualunque quotidiano si legga, questa è la domanda che aleggia un po' dappertuto.

è chiaro ed evidente, persino per i quotidiani di destra, che la sinisra stia fortemente soffrendo con questo governo, ed infatti ogni sondaggio la vede sempre più calare.

I motivi sono chiari e semplici, davanti agli occhi di tutti. I dico sono stati dimenticati, le nostre truppe sono ancora in afghanista, la precarietà non è stata arginata, la commissione sul g8 negata.

La sinistra per mantenere questo governo in piedi, sta venendo meno alle sue promesse elettorali, e nell'elettorato questa cosa si fa sentire.

Intanto i primi malcontenti hanno portato alle dimissioni di Pagliarini (partito dei comunisti italiani) a dimettersi dalla carica di Presidente della commissione lavoro della camera. Un gesto disperato, per conservare un minimo di coerenza.

Si è parlato di "ritirare la delegazione dal governo" pur restando nella maggioranza, ma forse non è abbastanza.


Personalmente stiamo andano verso una deriva di consenso, di inciuci, di abbracci che non mi piace. Se la rotta deve essere quella di cooperare con fini, avere ai verticini del PD follini e restare uniti solo per combattere berlusconi, allorra vale la pena lottare veramente per quello in cui si crede, e far cadere questo governo.

Si è persa totalmente l'identità di sinistra, i partiti sono alla mercè del governo, sotto ricatto dell'avvento di un nuovo governo berlusconi.

Beh io mi sono rotto i coglioni di vivere con lo spauracchio, come dall'altra parte fanno ormai da 15 anni coi comunisti. Tirino fuori un po' di palle, e si mettano in gioco, riguadagnando fiducia del loro elettorato.

Angioletto
29-11-2007, 11:27
per sinistra cosa intendi?
puoi indicarmi in percentuale il 'peso' della sinistra di cui parli, all'interno della maggioranza?

thx

SkOrPiOn`87
29-11-2007, 11:29
ieri non sapendo cosa vedere in Tv ho trovato le dichiarazioni di voto su rai3, e dopo le parole del PCI e RC, mi chiedo come possano continuare a sostenere il governo?

Come possano i loro elettori continuare a votarli?


Fosse il mio partito mi incazzerei e non poco, veder far passare delle cose che non vanno bene dal mio partito, solo per non cadere da quella poltrona...

seifer is back
29-11-2007, 11:30
Originariamente inviato da SkOrPiOn`87
ieri non sapendo cosa vedere in Tv ho trovato le dichiarazioni di voto su rai3, e dopo le parole del PCI e RC, mi chiedo come possano continuare a sostenere il governo?

Come possano i loro elettori continuare a votarli?


Fosse il mio partito mi incazzerei e non poco, veder far passare delle cose che non vanno bene dal mio partito, solo per non cadere da quella poltrona...

qual'è il tuo partito?

SkOrPiOn`87
29-11-2007, 11:30
AN

sustia
29-11-2007, 11:31
Originariamente inviato da Angioletto
per sinistra cosa intendi?
puoi indicarmi in percentuale il 'peso' della sinistra di cui parli, all'interno della maggioranza?

thx
Mi puoi indicare il senso del tuo intervento rispetto al thread?
thx

vificunero
29-11-2007, 11:32
La sinistra radicale può pensare di governare solo con questo sistema e con il pd. Al di fuori di questo sistema e senza il pd la sinistra radicale non esiste.

Faccio presente che questo governo ultraliberista ha modificato il protocollo del welfare (approvato a larghissima maggioranza dai lavoratori che molto probabilmente sono tutti ultraliberisti) per venire incontro alle richieste della sinistra estrema. Giusto per fare un esempio.

wsim
29-11-2007, 11:32
Originariamente inviato da seifer is back

Intanto i primi malcontenti hanno portato alle dimissioni di Pagliarini (partito dei comunisti italiani) a dimettersi dalla carica di Presidente della commissione lavoro della camera. Un gesto disperato, per conservare un minimo di coerenza.



Un commento soltanto su questo.
Un gesto SBAGLIATO.
Perchè se governo e sindacati hanno firmato un protocollo sul welfare approvato a stragrande maggioranza dagli interessati, l'accordo è quello, e non mi pare carino (soprattutto per le forze di SINISTRA, rimetterlo in discussione, soprattutto perchè diventa una forma di delegittimazione dei sindacati.

Dopodichè, se il problema a monte è quello di maggiori tutele per i precari, NULLA VIETA che questa istanza possa essere avanzata non ora,ma l'anno prossimo.
Visto anche il miglioramento del bilancio statale, ci sarebbero anche maggiori risorse per sostenere quelle che sono, in fondo, rivendicazioni giuste.

Angioletto
29-11-2007, 11:33
Originariamente inviato da SkOrPiOn`87


Fosse il mio partito mi incazzerei e non poco, veder far passare delle cose che non vanno bene dal mio partito, solo per non cadere da quella poltrona...

dipende però..
se sono una minoranza nella maggioranza, posso spingere ad un compromesso, posso vedere realizzate alcune cose e altre no.. non posso sperare di ottenere tutto, anche perchè all'interno della stessa coalizione vi sono anche altri partiti con altre idee e altri interessi..

qualsiasi coalizione comporta, di base, il compromesso.. :fagiano:

detto questo, il problema è stato nello scegliersi i compagni di viaggio per 'ottenere' quelle poltrone :fagiano: , credo..

Fran©esco
29-11-2007, 11:34
Originariamente inviato da SkOrPiOn`87
AN

Beh, di merda ne ha ingoiata anche Fini, ai tempi, per non mettere in difficoltà Berlusconi.

Il problema è globale.
La soluzione è la violenza. Si dovrebbero occupare le Camere, sbarrare le porte e uccidere un parlamentare ogni 5 minuti con un colpo in testa, finché quelli che restano non si decidono a votare delle riforme vere. A oltranza finché non si finisce. Ogni parola in più del necessario, un politico ucciso.

Purtroppo non si può fare. Quindi buon circo con il prossimo govero. Qualunque esso sia.

Loading