PDA

Visualizza la versione completa : [Halloween The Beginning]Parliamone


MrCocò85
12-03-2008, 22:04
Buona sera a tutti.
Ho appena finito di vedere il film in questione e vorrei parlarne un pò.
Innanzitutto premetto che Halloween I e II sono due capolavori per me, quindi sarò abbastanza soggettivo.
Cosa mi ha deluso dell'ultimo:
1:Ridurre halloween I in 40 minuti di film!
2:Le scene di suspense durano appena 4 secondi.
3:Gli attori lasciano parecchio a desiderare(specialmente lo sceriffo,il dottore e la bambina rompipalle coi capelli rossi e che grida come un gatto con i testicoli finiti in uno schiaccianoci arrugginito)
4:Che fine ha fatto l'ansimare tenebroso di Michael Myers
5:La colonna sonora è carina, ma nulla a che vedere con il primo..
5:Perchè lo hanno publicizzato come 'Halloween The Beginning di Giovanni il Carpentiere'?Domani faccio anche io un nuovo film:'Essi vivono di Giovanni Carpentiere, ambientato in un paesino di non vedenti'

Voi che ne pensate?

P.S. i film Horror non esistono più.....
:(

NyXo
12-03-2008, 22:07
io ho apprezzato moltissimo il montaggio analogico

sick
12-03-2008, 22:10
Originariamente inviato da NyXo
io ho apprezzato moltissimo il montaggio analogico

la bambina chiaramente esemplifica un interiorità esteriorizzata dalle scelte estetiche della fotografia in grande contrasto con la regia sincopata e Godardiana, non dimentichiamo che Halloween è alla fine dell'anno, ma the beginning segna un inizio..quindi? inizio e fine coincidono? morte e nascita non hanno forse la stessa presenza come esperienza nel nostro bagaglio di ricordi?

MrCocò85
12-03-2008, 22:14
Originariamente inviato da sick
la bambina chiaramente esemplifica un interiorità esteriorizzata dalle scelte estetiche della fotografia in grande contrasto con la regia sincopata e Godardiana, non dimentichiamo che Halloween è alla fine dell'anno, ma the beginning segna un inizio..quindi? inizio e fine coincidono? morte e nascita non hanno forse la stessa presenza come esperienza nel nostro bagaglio di ricordi?

Non sono sicuro di avere compreso le tue parole...

kalosjo
12-03-2008, 22:17
Originariamente inviato da MrCocò85
Non sono sicuro di avere compreso le tue parole... mp... mpfff,....... mpfufuaaaaa :biifu:


non ho resistito..... :D

andrea_o
12-03-2008, 23:32
Originariamente inviato da NyXo
io ho apprezzato moltissimo il montaggio analogico

L'occhio della madre, l'occhio della madre!!!!

Piu' che Godard ci vedo un Capra prima maniera, si evince chiaramente una tensione nel microcosmo che sfocia in una rassegnata presa di coscienza della caducita' del quotidiano. Fallacita' che Jason impersona attraverso uno schema comportamentale che ci rimanda al trauma infantile della creatura nella carrozzella che precipita dalla scalinata. Qui l'esercito e' rappresentato dall' aurea mediocritas delle figure umane che condiscono il quotidiano di jason stesso.

sick
13-03-2008, 10:09
Originariamente inviato da andrea_o
L'occhio della madre, l'occhio della madre!!!!

Piu' che Godard ci vedo un Capra prima maniera, si evince chiaramente una tensione nel microcosmo che sfocia in una rassegnata presa di coscienza della caducita' del quotidiano. Fallacita' che Jason impersona attraverso uno schema comportamentale che ci rimanda al trauma infantile della creatura nella carrozzella che precipita dalla scalinata. Qui l'esercito e' rappresentato dall' aurea mediocritas delle figure umane che condiscono il quotidiano di jason stesso.

non so la tua visione del trauma infantile mi sembra deterministica per giustificare il comportamento di Jason. In ogni caso l'origine pagana della festa di Halloween mi ricorda una mascherata notturna di Lynchiana memoria dove la dilatazione del tempo è essenziale per comprendere il presente (cristallizzato nell'evento passato ma comunque proiettato in un futuro imprevisto, ma anticipato formalmente)

DonFabio
13-03-2008, 10:11
1) La madre è gnocca da paura.
2) le scene con lui bambino sono sicuramente le più belle.
3) E' un thriller, non un horror. :bhò:

Mame 2.0
13-03-2008, 10:11
andrea_o e sick

sono piegato :malol: :malol: :malol: :malol:

andrea_o
13-03-2008, 10:49
Originariamente inviato da sick
non so la tua visione del trauma infantile mi sembra deterministica per giustificare il comportamento di Jason. In ogni caso l'origine pagana della festa di Halloween mi ricorda una mascherata notturna di Lynchiana memoria dove la dilatazione del tempo è essenziale per comprendere il presente (cristallizzato nell'evento passato ma comunque proiettato in un futuro imprevisto, ma anticipato formalmente)

Il determinismo panesegetico dell'ermeneutica pagana pero' non si limita a tracciare un quadro sinottico della linea temporale, ma va inquadrato in un piu' ampio contesto di apprendimento in eta' adolescenziale che lo porta altresi' a scontrarsi con il suo es (Cfr. Freddy Vs Jason). Quand'anche la Gestalt ci portasse a ritenere concluso un circolo cognitivo e' da ritenersi fuor di dubbio veruno che le implicazioni del passato non esauriscono il circolo vizioso di un comportamentismo stereotipato e se vogliamo anche un po' grottescamente demode', bohemienne persino nel persistere di un trait d'union che identifica il soggetto con la sua essenza (cfr. La persistenza di Jason. S. Dali', Figueres)

Loading