PDA

Visualizza la versione completa : [PER I NUOVI UTENTI LINUX] Scegliere la distribuzione


taylorella
17-05-2008, 18:52
Visto che è una domanda che spesso si pongono la maggior parte dei nuovi arrivati nel forum ma anche chi è semplicemente di passaggio e cerca informazioni sul mondo di Linux, ho pensato di aprire questo thread, nella speranza che diventi un riferimento, così tutti i nuovi iscritti avranno già la risposta ai loro dubbi, così si evita di aprire nuovi thread, di ripetere sempre le stesse cose, i server funzionano meglio, i moderatori vivono più a lungo e tutti sono più felici.

Se l'idea non funziona o infrange qualche regola, io per primo chiedo che il thread venga chiuso. Chiedo gentimente che tutti gli utenti partecipino per migliorare il thread, specificando
aspetti che ho trascurato o esprimendo meglio i concetti. Enjoy!


Operazioni preliminari:

- munirsi di tempo e di connessione a internet.
Sembrerà una cazzata, ma sono importantissimi. Il tempo vi serve perchè installare Linux, se non lo avete mai fatto, può portare via più dei 20 minuti strettamente tecnici. Se state scegliendo la distribuzione, dovete comunque fare delle ricerche preventive che richiedono un minimo di tempo e di attenzione per evitare problemi, quindi non fate le cose di fretta. Internet invece serve per tutto e risulta molto utile per lavorare agevolmente con Linux.

- informatevi sul vostro hardware, cercando di scoprire il più esattamente possibile la marca e il modello delle componenti installate. Tenete sempre presente che alcune componenti nascono specificatamente per Windows (come ad esempio i modem interni 56k) e in quanto tali non è detto che siano pienamente supportate, a prescindere dalla distribuzione. Ciò non significa che sicuramente non funzioneranno, ma non aspettatevi nemmeno che funzionino fin da subito.
Dopo che avete la lista di quel che è montato sul vostro pc controllate in internet, inserendo in Google il nome del pezzo e aggiungendo "linux", se ci sono problemi di compatibilità noti, ad esempio se è chiaramente segnalato il malfunzionamento di quella componente. Valutate quindi se questa mancanza vi crea problemi sostanzali o se è trascurabile.

Detto questo, si passa alle valutazioni.

Esistono due grandi tipologie di distribuzione in Linux: quelle basate sulla distribuzione Debian, dette anche debian-based, che utilizzano prevalentemente i pacchetti .deb (i pacchetti sono come gli .exe in Windows), e quelle basate sulla distribuzione Red Hat, che utilizzano prevalentemente i pacchetti .rpm.

Distro principali basate su .deb: Debian, Knoppix, Ubuntu. Ne esistono tantissime altre, ma alla fine l'origine è sempre una di queste tre.

Distro principali basate su .rpm: Fedora Core, SuSE, Mandriva. Anche qui, ne esistono di derivate ma queste sono le principali.

Slackware: una distribuzione a sè stante, usa i pacchetti .tgz (utilizzati anche dalle altre distribuzioni, ma in forma enormemente minore).





Semplificando moltissimo il discorso e tralasciando aspetti filosofici come ad esempio il rispetto dell'open source questo è quanto:

Distribuzioni basate sui .deb

Le distro basate sui .deb tendono a essere più "leggere", ovvero gravano meno sul sistema e in fase di installazione forniscono quel che basta per lavorare e poco di più, permettono una maggiore configurazione tramite linea di comando, ma presentano un numero inferiore di configurazioni guidate, tools e scelte preconfigurate. Per configurazioni guidate intendo la classica finestrella con scritto "Benvenuto! Questo assistente ti aiuterà a configurare...premi avanti per continuare.."

Possibili vantaggi:

- esiste moltissima documentazione online, inoltre essendo di base la stessa distribuzione, può capitare a volte che magari i consigli validi per Debian funzionino anche su Ubuntu. Eventuali problemi che si presentano sono quindi probabilmente risolvibili cercando in google il problema stesso.

- i pacchetti .deb sono molto diffusi, questo permette quindi di avere buone probabilità di trovare ciò che serve per risolvere i problemi.

Possibili svantaggi:

- per chi arriva dal mondo Windows, potrebbe trovare il sistema troppo scarno, senza gestori di configurazione o interfacce grafiche che permettano un utilizzo immediato del sistema.



Distribuzioni basate sui .rpm


Tendono a essere molto complete in termini di software preinstallato e di tools di configurazione, cercando di essere il più possibili "simili a Windows", anche se in realtà sono prodotti mooolto diversi da quelli di Microsoft. Possono comunque essere configurate da linea di comando se necessario, ma è un'operazione che a volte risulta meno agevole rispetto alle .deb based.
Normalmente richiedono un hardware un po' più potente, in termini di capacità su disco fisso e di ram.

Possibili vantaggi:

- L'utilizzo del sistema potrebbe risultare un po' più immediato, grazie a strumenti appositamente creati per quella distribuzione (Mandriva Control Center, YaST..), complessivamente possono risultare più "semplici" [è comunque una questione soggettiva, io riporto la maggior parte dei pareri, non odiatemi! :) ]

- Il sistema in sè viene fornito con una tipologia di software che richiede meno configurazioni


Possibili svantaggi:


- La documentazione online, seppur presente, è numericamente inferiore a quella presente per le.deb based.

- Non sempre si riesce a trovare il programma desiderato in .rpm perchè il parco software è leggermente inferiore

- Richiedono al sistema una quantità maggiore di risorse (sempre meno di Windows, quello sempre, ma di più rispetto alle .deb, correggetemi se sbaglio)


C'è poi la Slackware, che è un caso a parte, per la quale vi rimando qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Slackware




In definitiva si tratta di vedere che computer si ha (se avete un quad core Q6600 con 2 giga di ram è un conto, se avete un Duron 1100 Mhz con 256 di ram è un altro), a cosa vi potrebbe servire Linux (magari dovete fare una certa cosa e quel programma gira bene solo sulle .deb based, nel qual caso sapete già su cosa orientarvi) e con che spirito affrontate le cose.

Una Ubuntu, tanto per dirne una e fare l'esempio, potrebbe non girare subito alla perfezione, ma quasi certamente il problema è risolvibile. Se però non avete voglia di stare davanti al pc, la linea di comando vi dà il voltastomaco, non avete passione di stare in internet a leggere e con una SuSE o una Mandriva tutto funziona, allora scegliete ciò che più vi risulta comodo.
Se invece risolvere i problemi vi dà una certa soddisfazione e volete comunque scoprire di più il mondo di Linux, una .deb based vi permette sicuramente di giocattolare di più (da questo punto di vista Slackware sarebbe il meglio), quindi scegliete in base all'hardware e alle intenzioni che avete!


Spero di essere stato utile, se qualcuno vuole aggiungere o cambiare qualcosa non mi offendo, anche perchè sono un eterno ignorante in materia!

borgio3
17-05-2008, 19:11
Se mi è consentito vorrei aggiungere quanto segue :

Nelle fasi preliminari aggiungerei la valutazione delle ragioni per cui si decide di passare o usare Linux. Poi aggiungerei una particolare enfasi al fatto che Linux NON è Windows, ne il suo parente gratuito, ne il sistema che ne segue finalità e metodi di funzionamento, a parità di risultato.

Ti sei dimenticato di parlare delle derivate di Slackware che funzionano assai bene, come Zenwalk, VectorLinux, GoblinX, Wolvix, Bluewhite ed altre. Sono distro che uniscono alla solidità, una leggerezza che Debian e Red Hat hanno perso.

Ti sei dimenticato delle derivate di Gentoo che hanno nomi importanti, come Sabayon.

Ti sei dimenticato di Mandriva e PCLinuxOS, che non amo, ma che hanno caratteristiche e prestazioni di rilievo.

Devi accennare doverosamente gli ambienti desktop (GNOME, KDE, Xfce, Enligtenment, LXDE, Fluxbox, JWM, IceWM)

Devi accennare doverosamente le dotazioni software di base fornite con le varie distro e devi elencare almeno un po' di distro specializzate (Multimedia, Sicurezza, Gioco, Forensi, Desktop, Amministrazione)

Insomma, direi che si produrrebbe un thread immenso e troppo lungo da leggere, ma si può tentare.

Ciao Ciao :-)

francofait
17-05-2008, 20:22
Una buona consultazione nel sito:

http://distrowatch.com

non guasta e megari può anche essere sufficente

taylorella
18-05-2008, 19:00
Il mio intento era quello di dare una visione panoramica sulle più diffuse distribuzioni, ho specificato infatti che esistono le derivate, ma che alla fin fine tutto riconduce alle principali, quindi ho scelto di nominare solo queste ultime.

Mandriva l'ho citata insieme con Fedora e SuSE (anche perchè la uso tutt'ora, ci mancherebbe altro!), mentre non ho nominato le derivate di Slack in quanto derivate.
Ho totalmente saltato Gentoo, non tanto per dispetto verso la distribuzione stessa, quanto perchè so che non è semplicissima da configurare e il thread è rivolto ai nuovi arrivati. Peccando di presunzione ho quindi pensato che Gentoo non rientrasse nelle scelte più probabili, comunque a onor del vero esiste anche Gentoo, una distribuzione che basa la sua forza sull'installazione dei pacchetti tramite ricompilazione.

Maggiori informazioni qui:


http://it.wikipedia.org/wiki/Gentoo_Linux


Hai perfettamente ragione per quanto riguarda le GUI, volevo scriverlo ma poi mi sono dimenticato! :D

Dunque, le principali interfacce grafiche, o GUI (graphical user interface) sono Gnome, KDE, Xfce, Ice WM e FluxBox.
La GUI è un concetto che può risultare complicato per chi arriva da Windows, comunque è tutto l'ambiente grafico che permette di interagire col sistema.
In Windows la GUI è abbastanza associabile al desktop, comunque per farla breve, la GUI è "tutto quello che si vede e si può cliccare".

La scelta della gui è molto personale, comunque sempre per dare una spiegazione di massima:

KDE

E' una gui ricca di effetti grafici e di colori e dà in dotazione una buona quantità di software. E' la più simile alle funzionalità offerte da Windows, può risultare indicata per chi ha da poco abbandonato Windows. Il carico sulla ram è abbastanza impegnativo, comunque sempre inferiore a Windows Vista.

GNOME

E' la seconda "grossa" gui disponibile. E' caratterizzata da una maggiore semplicità e pulizia dell'ambiente grafico. La dotazione software è inferiore a quella fornita da Kde ma risulta comunque sufficiente per l'utilizzo del sistema. E' comunque possibile installare i programmi creati dal team di KDE all'interno di un sistema che utilizza GNOME. Il consumo in termini di ram è pressochè uguale a KDE, ed entrambe richiedono al minimo 256 Mb di ram, ma hanno dei consumi di picco di 350 Mb, sono quindi poco indicate su macchine molto datate con 128 Mb di ram o meno.

XFCE

Gui molto leggera, richiede minimo 32, consigliati 64 Mb di ram e offre funzionalità complete per un utilizzo usuale del pc. Ottimo per computer vecchi, tipo 386, 486 o anche pentium con poca ram.

Ice WM e FluxBox sono anch'esse molto belle e leggere, ma siccome non le conosco in dettaglio e le ho provate sì e no due volte, non scrivo niente a riguardo!

In ogni caso, come segnalato da Franco, c'è Distrowatch in cui si può trovare praticamente ogni informazione, questo thread serve solo per dare indicazioni immediate (ma non approfondite) su quel che Linux presenta e fare da punto di partenza per una ricerca più dettagliata in google.

Di norma comunque le .rpm based utilizzano Kde, mentre le .deb based utilizzano Gnome, ma nulla vieta di installare Gnome su Mandriva o Kde su Ubuntu (cosa che ho anche già fatto con ottimi risultati).

taylorella
18-05-2008, 19:25
Originariamente inviato da borgio3
Se mi è consentito vorrei aggiungere quanto segue :

Nelle fasi preliminari aggiungerei la valutazione delle ragioni per cui si decide di passare o usare Linux. Poi aggiungerei una particolare enfasi al fatto che Linux NON è Windows, ne il suo parente gratuito, ne il sistema che ne segue finalità e metodi di funzionamento, a parità di risultato.



Oh, portate pazienza ma ultimamente sono fuso e mi dimentico le cose! :(

Borgio3 ha perfettamente ragione: io ho dato per presupposto che voi vogliate solo provare Linux ma non sappiate COSA scegliere, però resta sempre valido il discorso del PERCHE' si sceglie.

Nello specifico è importante ripetere che Linux NON E' la versione gratuita e fatta meglio di Windows.
E' vero che in molti casi è gratuito ed è anche vero che è più stabile e realizzato con una logica più efficiente rispetto ai prodotti di Microsoft, ma sappiate comunque che vi troverete di fronte a un sistema operativo nuovo, che segue regole diverse e che è stato concepito con diverse finalità.
Le attuali gui sono state realizzate con molte similitudini con Windows, ma questo è stato fatto solo per agevolare l'utente.
In ogni caso siate sempre consapevoli che è un sistema gratuito, sicuro e sviluppato "just for fun", che quindi merita qualcosa di più di un insulto quando qualcosa non va e in ogni caso se non vi garba siete sempre liberi di toglierlo, che tanto non ci rimettete i soldi della licenza come con altri sistemi! :D

taylorella
30-06-2008, 14:25
Aggiungo qualche distro che va necessariamente nominata, ovvero Sabayon e Linux Mint, attualmente alla versione 5, nome in codice Elyssa (quanto mi piace sto nome! :sbav: ).

SABAYON:

Distribuzione basata su Gentoo, che come già detto ha il pregio di fornire le migliori performance che il vostro hardware può dare, ma tende a essere un po' rognosa da installare e configurare. Sabayon si pone l'obiettivo di risolvere queste difficoltà e di fornire un sistema che abbini alla potenza di Gentoo una certa facilità di utilizzo. La GUI di base è Kde.
L'unica nota dolente per alcuni utenti potrebbe essere la lingua: poichè di base è l'inglese, potrebbe succedere che alcuni programmi utilizzino questa lingua, anche se in fase di installazione scegliete l'italiano (che quindi sarà la lingua per la maggior parte del sistema, ma non per tutto).
Maggiori informazioni qui:


http://www.sabayonlinux.org/
http://it.wikipedia.org/wiki/Sabayon

MINT:

E' una distro basata su Ubuntu che ha l'obiettivo di essere rispetto a quest'ultima più curata, più elegante e in generale migliore. Penso che sia la "novità" più rilevante in ambito distribuzioni e se il progetto prosegue bene potrebbe affiancarsi alla diffusione di Ubuntu.
Presenta una serie di tools e programmi vari che consentono una maggiore usabilità del sistema, viene distribuita in versione Main Edition che comprende tutti i codec multimediali più utili oppure Light Edition (senza codec). La Gui di default è la Gnome, altrimenti c'è anche la versione con Kde.
Nulla toglie, come sempre, di scaricare la versione con Gnome e poi installare attraverso i .deb tutta la Kde, o viceversa. (ricordo ai neofiti che la Gui, per quanto sia una parte funzionale del sistema, resta pur sempre un programma e come tale può essere scaricato e installato)

Informazioni qui:

http://linuxpedia.netsons.org/index.php/Linux_Mint
http://www.linuxmint.com/

Per fare un riassunto di tutta la faccenda, la situazione è questa:


- Se volete usare una Ubuntu, sappiate che esiste anche la Linux Mint che rappresenta una valida alternativa

- Se volete usare una Gentoo, sappiate che c'è anche la Sabayon che è più semplice da utilizzare

- Se volete una .deb ma per qualche motivo la Ubuntu o la Debian non vi girano, oppure volete semplicemente provare una debian based diversa dal solito provate a vedere con la Knoppix

Enjoy!
:ciauz:

francofait
30-06-2008, 14:40
Kurumin non è più basata su knoppis ma su Kubuntu-Hardy

e per quanto riguardaq LinuxMint , c'è il portale diretto italiano:

http://linuxmint-italia.org
Anche se al momento è down omaggio da qualche coglione che n' sa come perdere il tempo.

taylorella
30-06-2008, 14:54
Grazie per la correzione, me era sfuggita!
Ora modifico anche il post onde evitare erroracci!

taylorella
01-07-2008, 02:09
Infatti questo thread l'ho aperto per dare una guida di massima su come scegliere le distro e ho scritto i possibili svantaggi, non i sicuri svantaggi, basandomi sempre e comunque sui commenti e le opinioni che riportavo leggendo un po' qua e un po' là. Ora, con questa nuova Mint Elyssa penso che le cose siano notevolmente cambiate, devo ancora provarla ma sembra promettere bene, infatti ho specificato che le cose sono molto cambiate e che il tutto risulta più fruibile, poi cerco sempre di tenere il thread aggiornato quando ci sono uscite rilevanti.

Attualmente la top chart dell'ultimo mese pare essere questa:

- Opensuse
- Ubuntu
- Mint
- Debian
- Fedora

con la Mint in rialzo, quindi credo proprio che sia la distro rivelazione!

taylorella
02-07-2008, 19:24
Questo thread dovrebbe dare grosso modo un aiuto a chi non sa manco da che parte voltarsi per partire con Linux, di conseguenza dovrebbe rimanere il più imparziale possibile.
Debian è una buona distro, di certo non la più pratica e accattivante per un nuovo utente..
Non ce l'ho con nessuno, sto solo riportando alla mente il mio primo ingresso in un forum Linux che ora manco esiste più, dove mi risposero con risposte tipo "usa Debian".."Slackware è il meglio".."Sei nuovo? Usa Mandrake"..tutte risposte che però mi creavano solo confusione, senza darmi un reale aiuto su cosa scegliere, ergo propongo di non dare consigli specifici su cosa usare, quello starà all'utente. :)

Detto questo, quoto Franco prendendo le sue parole da un'altra discussione in cui si spiegano le differenze principali tra KURUMIN e MINT:



Originariamente inviato da francofait

Kurumin è Kubuntu-Hardy base - LinuxMint 5 Elissa invece è Ubuntu-hardy base
In entrambe i casi sono ampiamente più solide ed affidabili delle rispettive derivazioni , ed a ragion veduta in quanto nascono su base (k)ubuntu quando questa è già stata rilasciata come finale stabile , ma a loro volta prima di essere considerate stabili sono oggietto di nuovi test . Elyssa ne ha passati ben 25 , kurumin NG
pochi meno

LinuxMint porta con se vere e proprie innovazioni , a partire dal gestore dei pacchetti apt , interamente riscritto da Claus.
Kurumin ha invece puntato come sua consuetudine ad estendere più possibile la base dei driver non ufficiali e di terze parti , ed alla ridefinizione grafica dell' ambiente desktop

LinuxMint è nata fin dall' inizio come ubuntu-base il che l' ha posta da subito nella possibilità di acquisire anche una ben nutrita schiera di utenti italiani , fino a renderne conveniente l' avvio di un portale a dominio , interamente dedicato.

Kurumin è passata a piattaforma kubuntu solo in questo primo semestre 2008 , con l' iso ufficiale kurumin 8.06 NG rilasciata lo scorso mese. Le versioni precedenti , su base Kanotix erano caratterizzate dall' essere esclusivamente localizzate per sola lingua portoghese-brasiliana ,con il passaggio a piattaforma Kubunto anche kurumin diventa internazionale e come (k)Ubuntu parla bene anche l' italiano.
Per ora non sono ancora disponibili subforum per utenza diversa da quella locale , quindi o servirsi del forum ufficiale:

http://www.guiadohardware.net/comunidade/v-f/48

oppure dall' apposito spazio creato sul mio blog personale , spazio ancora in costruzione, non scandalizzatevi quindi se attualmente ha chiaramente bisogno di assumere migliori connotati.

http://www.mepisitalia.org/francofait/?cat=23

Aggiungo poi, sempre citando il Franco, che la differenza funzionale per gli utenti tra le due distro è rappresentata solo dalla GUI, che è Gnome per Mint e KDE per Kurumin.
:ciauz:

Loading