PDA

Visualizza la versione completa : disinstallare Linux... in maniera CORRETTA


ontheair
23-05-2008, 23:00
Sono alle prime armi con ubuntu8.04 32bit.
Prima di iniziarci a smanettare seriamente, vorrei provare altre distro (mi avete messo troooooppa curiosità), e comunque la versione di ubuntu a 64bit.
Per "provare" intendo non con la versione live, ma proprio installando il sistema operativo.
Quindi, per fare una cosa pulita, vorrei prima disinstallare totalmente ubuntu, e poi passare all'installazione di un'altra distro, o della ver a 64bit.

Il tutto su un pc con 2 harddisk, di cui uno totalmente dedicato a win XP (intoccabile!) ed il secondo totalmente dedicato alle prove con linux.

Attualmente con grub viene gestito il boot. Disinstallando totalmente ubuntu, come verrà gestito il boot??? Tra l'altro, come posso fare esattamente per disinstallare CORRETTAMENTE linux? Intuitivamente non credo sia corretto formattare l'harddisk dedicato e amen...

francofait
23-05-2008, 23:16
Non c'è alcun bisogno di disistallare niente , installi la nuova distro utilizzando le partizioni di quella da sostituire.
La vecchia non serve affatto disistallarla per il semplice motivo che la nuova si installerà riformattando prima le partizioni di destinazione.
Anche ad aggiornare il bootloader ci penserà da se la nuova ditribuzione.

ontheair
24-05-2008, 00:07
giusta osservazione.
Mi ero dimenticato un particolare: se volessi *definitivamente* togliere linux da una macchina, e quindi tornare ad un solo sistema operativo windows? In quel caso, formattando - che so, tutto ntfs - ci sarebbero problemi di boot al riavvio? (presumo di si).

Una soluzione potrebbe essere: PRIMA di formattare / disinstallare linux, modifico la sequenza di boot mettendo come delay 0, e windows come unica opzione di boot?

claudiocrack
24-05-2008, 00:09
FDISK /MBR riscrive il record di avvio principale e ti elimina il bootloader

ontheair
24-05-2008, 11:38
Originariamente inviato da claudiocrack
FDISK /MBR riscrive il record di avvio principale e ti elimina il bootloader
"riscrive" nel senso che elimina il bootloader, e tutto il resto? Quindi "in qualche modo" dovrò dare io il comando di far partire windows come default?

Oppure con quel semplice comando (dato da terminale linux?) quando riavvio, partirà in automatico windows, come se linux non esistesse più?

francofait
24-05-2008, 13:47
Originariamente inviato da ontheair
"riscrive" nel senso che elimina il bootloader, e tutto il resto? Quindi "in qualche modo" dovrò dare io il comando di far partire windows come default?

Oppure con quel semplice comando (dato da terminale linux?) quando riavvio, partirà in automatico windows, come se linux non esistesse più?

Viene ripristinato l' avvio diretto dal bootloader di windows , quindi riparte direttamente da windows.

psykopear
25-05-2008, 12:41
Originariamente inviato da ontheair
"riscrive" nel senso che elimina il bootloader, e tutto il resto? Quindi "in qualche modo" dovrò dare io il comando di far partire windows come default?

Oppure con quel semplice comando (dato da terminale linux?) quando riavvio, partirà in automatico windows, come se linux non esistesse più?

quek comando lo devi dare dalla console di ripristino di windows (dei cd di recupero), e rinstalla il bootloader di windows, quindi, una volta formattata la partizioe linux in ntfs sei a posto

Loading