PDA

Visualizza la versione completa : Tu mi risponderai fino all'ultimo grido.


@rgo1
21-07-2008, 09:50
Assolutamente unisex....

---------------------------------
PABLO NERUDA

Giochi ogni giorno...

Giochi ogni giorno con la luce dell'universo.
Sottile visitatrice, giungi nel fiore e nell'acqua.
Sei piu' di questa bianca testina che stringo
come un grappolo tra le mie mani ogni giorno.

A nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami stenderti tra le ghirlande gialle.
chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ricordi come eri allora, quando ancora non esistevi.

Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa.
Il cielo e' una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire i venti, tutti.
La pioggia si denuda.

Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento. Il vento.
Io posso lottare solamente contro la forza degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che iersera s'ancorarono al cielo.

Tu sei qui. Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all'ultimo grido.
Raggomitolati al mio fianco come se avessi paura.
Tuttavia qualche volta corse un'ombra strana nei tuoi occhi.

Ora, anche ora, piccola mi rechi caprifogli,
ed hai persino i seni profumati.
Mentre il vento triste galoppa uccidendo farfalle
io ti amo, e la mia gioia morde la tua bocca di susina.

Quanto ti sara' costato abituarti a me,
alla mia anima sola e selvaggia, al mio nome che tutti allontanano.
Abbiamo visto ardere tante volte l'astro baciandoci gli occhi
e sulle nostre teste ergersi i crepuscoli in ventagli giranti.

Le mie parole piovvero su di te accarezzandoti.
Ho amato da tempo il tuo corpo di madreperla soleggiata.
Ti credo persino padrona dell'universo.
Ti portero' dalle montagne fiori allegri,copihues,
nocciole oscure, e ceste silvestri di baci.
Voglio fare con te
cio' che la primavera fa con i ciliegi.




---------------------------

Sete di te m'incalza

Sete di te m'incalza nelle notti affamate.
Tremula mano rossa che si leva fino alla tua vita.
Ebbra di sete, pazza di sete, sete di selva riarsa.
Sete di metallo ardente, sete di radici avide.
Verso dove, nelle sere in cui i tuoi occhi non vadano
in viaggio verso i miei occhi, attendendoti allora.


Sei piena di tutte le ombre che mi spiano.
Mi segui come gli astri seguono la notte.
Mia madre mi partori' pieno di domande sottili.
Tu a tutte rispondi. Sei piena di voci.
Ancora bianca che cadi sul mare che attraversiamo.
Solco per il torbido seme del mio nome.
Esista una terra mia che non copra la tua orma.
Senza i tuoi occhi erranti, nella notte, verso dove.


Per questo sei la sete e cio' che deve saziarla.
Come poter non amarti se per questo devo amarti.
Se questo e' il legame come poterlo tagliare, come.
Come, se persino le mie ossa hanno sete delle tue ossa.
Sete di te, sete di te, ghirlanda arroce e dolce.
Sete di te, che nelle notti mi morde come un cane.
Gli occhi hanno sete, perche' esistono i tuoi occhi.
La bocca ha sete, perche' esistono i tuoi baci.
L'anima e' accesa di queste braccia che ti amano.
Il corpo, incendio vivo che brucera' il tuo corpo.
Di sete. Sete infinita. Sete che cerca la tua sete.
E in essa si distrugge come l'acqua nel fuoco.

Mame 2.0
21-07-2008, 09:51
che due palle

whitefox
21-07-2008, 09:51
Originariamente inviato da Mame 2.0
che due palle

Ti ha detto il medico che bisogna rispondere? :rollo:

magnus
21-07-2008, 09:53
Originariamente inviato da @rgo1

...
Improvvisamente il vento ulula e sbatte la mia finestra chiusa.
Il cielo e' una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire i venti, tutti.
La pioggia si denuda.

Passano fuggendo gli uccelli.
...


Ogni riferimento è puramente casuale? :stordita:

marco@linuxbox
21-07-2008, 09:53
Originariamente inviato da whitefox
Ti ha detto il medico che bisogna rispondere? :rollo:

no. il titolo del 3d. :stordita:

Mame 2.0
21-07-2008, 09:53
Originariamente inviato da whitefox
Ti ha detto il medico che bisogna rispondere? :rollo:

sukati, da solo intendo

whitefox
21-07-2008, 09:54
Originariamente inviato da Mame 2.0
sukati, da solo intendo

Non capisco certi utenti che devono entrare per forza nei thread di altri utenti solo per mandare in vacca la discussione :rollo:

NyXo
21-07-2008, 09:55
Originariamente inviato da whitefox
Non capisco certi utenti che devono entrare per forza nei thread di altri utenti solo per mandare in vacca la discussione :rollo:

quale discussione? :master:

kylnas1
21-07-2008, 09:56
Originariamente inviato da whitefox
Non capisco certi utenti che devono entrare per forza nei thread di altri utenti solo per mandare in vacca la discussione :rollo:
Qui non c'è nessuna discussione... :bhò:

taddeus
21-07-2008, 09:56
La cogida y la muerte




A las cinco de la tarde.

Eran las cinco en punto de la tarde.

Un niño trajo la blanca sábana

a las cinco de la tarde.

Una espuerta de cal ya prevenida

a las cinco de la tarde.

Lo demás era muerte y sólo muerte

a las cinco de la tarde.




El viento se llevó los algodones

a las cinco de la tarde.

Y el óxido sembró cristal y níquel

a las cinco de la tarde.

Ya luchan la paloma y el leopardo

a las cinco de la tarde.

Y un muslo con un asta desolada

a las cinco de la tarde.

Comenzaron los sones del bordón

a las cinco de la tarde.

Las campanas de arsénico y el humo

a las cinco de la tarde.

En las esquinas grupos de silencio

a las cinco de la tarde.

¡ Y el toro solo corazón arriba !

a las cinco de la tarde.

Cuando el sudor de nieve fue llegando

a las cinco de la tarde,

cuando la plaza se cubrió de yodo

a las cinco de la tarde,

la muerte puso huevos en la herida

a las cinco de la tarde.

A las cinco de la tarde.

A las cinco en punto de la tarde.




Un ataúd con ruedas es la cama

a las cinco de la tarde.

Huesos y flautas suenan en su oído

a las cinco de la tarde.

El toro ya mugía por su frente

a las cinco de la tarde.

El cuarto se irisaba de agonía

a las cinco de la tarde.

A lo lejos ya viene la gangrena

a las cinco de la tarde.

Trompa de lirio por las verdes ingles

a las cinco de la tarde.

Las heridas quemaban como soles

a las cinco de la tarde,

y el gentío rompía las ventanas

a las cinco de la tarde.

A las cinco de la tarde.

¡ Ay qué terribles cinco de la tarde !

¡ Eran las cinco en todos los relojes !

¡ Eran las cinco en sombra de la tarde !

Loading