PDA

Visualizza la versione completa : Fai l'antimafia e ti tirano le pietre


Fran©esco
05-08-2008, 10:13
Come molti di voi qui sanno, ho avuto l'onore di scrivere insieme al caro amico Giulio Cavalli, attore e autore, uno spettacolo contro le mafie, intitolato "Do ut Des, riti e conviti mafiosi", prodotto tra gli altri dal Comune di Gela nella persona del suo sindaco Rosario Crocetta, il sindaco anti-mafia per eccellenza.
Stanno arrivando delle minacce, da qualche tempo. In concomitanza con le repliche ci sono stati alcuni episodi spiacevoli. Finora la preparazione della tourneé è andata avanti in silenzio, nonostante questi episodi, senza cercare facile pubblicità.
All'improvviso è uscito sui giornali locali e la stanno riprendendo in questi giorni altre testate più grandi.
Ne ha parlato Repubblica, domenica, (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2008/08/03/attore-sotto-scorta-perche-deride-boss.html) e la cosa che mi ha stupito è sentire di solidarietà che arriva da lontano, dalla Sicilia, da Roma, e i bifolchi locali o tacere o insinuare addirittura che le minacce siano finte. Come se la questura muovesse una scorta solo per assecondare il marketing di uno spettacolo. Questo è un atteggiamento mafioso, che fa più male perché arriva da dove non te l'aspetti: da un territorio che pensa di essere immune dalla mafia, pensiero che accomuna qualsiasi cittadino del nord Italia. Stupidamente.

Quindi due "come volevasi dimostrare", ne ricavo, da tutto questo: che la mafia è una questione culturale, che alberga dentro di noi, ogni volta che vogliamo non-vedere e non-sentire; e poi che avevamo ragione a dire che per combattere la mafia bisogna ridicolizzarla, toglierle l'aura di rispetto che si è costruita attorno nei decenni. Chi si prende troppo sul serio, è destinato ad essere sconfitto. Da una risata (;

Sergiao
05-08-2008, 10:21
:biifu:

Offro la mia risata per "la causa".:D

Sergiao
05-08-2008, 10:25
Letto l'articolo. Tanto rispetto per te e Cavalli. Davvero tanto rispetto. Anche per via delle sue belle parole per niente banali.

Sky
05-08-2008, 10:25
Originariamente inviato da Fran©esco
per combattere la mafia bisogna ridicolizzarla, toglierle l'aura di rispetto che si è costruita attorno nei decenni. Chi si prende troppo sul serio, è destinato ad essere sconfitto. Da una risata (;

A tal proposito, mi è venuto subito in mente questo volantino realizzato da Calasanzio (http://bennycalasanzio.blogspot.com/):

http://bp2.blogger.com/_Nm7YdDMIRRY/SEbxzn7g5dI/AAAAAAAAAf4/7FpaGhscTUg/s1600/Immagine.JPG

(per scaricare il volantino: http://www.mediafire.com/?z02mugjy4xn)



Loro non si fermeranno, ma neanche chi si oppone alla mafia. In bocca al lupo per il futuro; e un sincero "grazie".

Druzya
05-08-2008, 10:26
ma pensa te :incupito:

Fran©esco
05-08-2008, 10:34
Riporto il comunicato scritto da giulio sul suo blog (http://www.giuliocavalli.net/diario/):

“In seguito alla prima del mio spettacolo teatrale “Do ut des, riti e conviti mafiosi” (Teatro alle Vigne, Lodi, 27 marzo, e Teatro Franco Parenti, Milano, 12 maggio), spettacolo che ha ospitato anche un intervento del giornalista di Telejato, Pino Maniaci, sono stato oggetto di minacce e intimidazioni anonime. Nella specie, una e-mail e il disegno di una bara sulla porta del mio teatro. Intimidazioni comparse in coincidenza con la prima dello spettacolo e con l’organizzazione di alcune repliche in Sicilia a partire da Alcamo, prossimo 29 agosto, e a seguire Corleone, Cinisi, Palermo e Gela, quest’ultimo comune anche produttore dello spettacolo nella persona del sindaco anti-mafia Rosario Crocetta.
Al momento attuale né noi né le forze dell’ordine, che hanno reso operativo per me un programma di protezione, siamo in grado di stabilire chi siano i responsabili di questi gesti. Ritengo di non dare importanza immeritata all’atteggiamento così codardo e nello stesso tempo violento di persone anonimamente banali. Questo anche per il rispetto che porto nei confronti del pericolo reale che corrono quotidianamente i miei compagni di viaggio in questo spettacolo: Pino Maniaci con la sua Telejato, Rosario Crocetta con il suo impegno per la legalità, Giovanni Impastato e tutti gli altri.
Con il dubbio che comunque non sia una priorità delle organizzazioni mafiose bloccare il nostro spettacolo, continuiamo con il nostro lavoro, con i migliori auguri e malauguri che ci possano capitare”
Giulio Cavalli

Martin
05-08-2008, 10:36
Riordati di segnalarmi le repliche di Corleone per i ragazzi dei campi di lavoro sui terreni confiscati alla mafia...

Un abbraccio, e coraggio, una risata li seppellirà! (:

rebelia
05-08-2008, 10:48
Originariamente inviato da Fran©esco
ne ricavo, da tutto questo: che la mafia è una questione culturale, che alberga dentro di noi, ogni volta che vogliamo non-vedere e non-sentire

sono d'accordo :)

the_hi†cher
05-08-2008, 10:48
Originariamente inviato da Fran©esco
[...]
Chi si prende troppo sul serio, è destinato ad essere sconfitto. Da una risata (; lo spero davvero (:

DydBoy
05-08-2008, 10:49
Originariamente inviato da Druzya
ma pensa te :incupito:

Loading