PDA

Visualizza la versione completa : antitrust e pubblicità occulta


seifer is back
14-12-2008, 20:36
http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/spettacoli_e_cultura/pubblicita-occulta/pubblicita-occulta/pubblicita-occulta.html

leggendo avevo i crampi allo stomaco dal ridere. Le cose sono due:

1) l'antitrust si è svegliato dopo 20 anni di coma profondo irreversibile

2) qualcuno deve pubblicizzare qualcosa e non vuole concorrenza.

Altrimenti non si spiega questo severo attacco verso una pratica così diffusa e conosciuta.

Ogni singola marca, ogni anno, si accalappia il vip di turno, per sfoggiare i proprio gioelli. Si parla, solo nel campo de gioielle (non oso immaginare nel campo dell'abbigliamento) di almeno 122 marche del settore che si contendono presentatori, velice, soubrette ed ospiti d'onore.

andrea.paiola
14-12-2008, 20:37
ma no è che striscia ci ha fatto un pezzo :madai!?:

rebelia
14-12-2008, 20:41
"E' vero, sono testimonial di una linea di gioielli che si chiama My Mara", ha detto la conduttrice. "Ed è chiaro che mi piacciono questi gioielli, quindi li indosso. Spero ancora di essere libera di mettermi addosso quello che voglio. L'Antitrust dovrebbe aver cose ben più gravi di cui occuparsi. Se Catricalà mi chiama gliene dico qualcuna io".

"Faccio presente - ha sottolineato ancora Mara Venier - che mai nel programma è stato citato il marchio, né era visibile. Non è che sono andata in tv con una maglietta che mostrava un logo a caratteri cubitali, quindi francamente non riesco proprio a capire di che si parla. Se fosse vietato indossare questo o quello ce lo avrebbero dovuto dire prima".


secondo me la venier non ha tutti i torti: troverei ben piu' bizzarro che pubblicizzasse una linea e ne indossasse un'altra

Vincent_Aston
15-12-2008, 00:38
Originariamente inviato da seifer is back
http://www.repubblica.it/2008/12/sezioni/spettacoli_e_cultura/pubblicita-occulta/pubblicita-occulta/pubblicita-occulta.html
leggendo avevo i crampi allo stomaco dal ridere.
Le cose sono due:
1) l'antitrust si è svegliato dopo 20 anni di coma profondo irreversibile
2) qualcuno deve pubblicizzare qualcosa e non vuole concorrenza.
Altrimenti non si spiega questo severo attacco verso una pratica così diffusa e conosciuta.



Ennesima occasione statale per illustrarci dove dorme e sopravvive, primariamente, il male italiano: nelle sue istituzioni incancrenite.

Illuminante realtà di una italia infantile e mai cresciuta : http://www.altratrapani.it/index.php?option=com_content&task=view&id=432&Itemid=106

miki.
15-12-2008, 01:07
Originariamente inviato da rebelia
secondo me la venier non ha tutti i torti: troverei ben piu' bizzarro che pubblicizzasse una linea e ne indossasse un'altra

concordo

Loading