PDA

Visualizza la versione completa : Attività commerciale e open source [spero non OT]


borozyn
08-01-2009, 15:15
Ciao a tutti,

Nel corso di questi mesi mi è capitato di pensare spesso ad una attività commerciale basata su prodotti open source. Però ho dei punti sui quali non ho le idee chiarissime e che vorrei condividere con voi.

Lavoro nel settore IT in ambito server (bancario e telefonico) da qualche anno. In un settore un tempo dominato da Solaris, AIX, HP-UX da una parte e Windows dall'altra, Linux è ormai un attore di primo piano che ha visto ogni anno incrementare la propria presenza e riconoscimenti.
Nell'ambito client, invece, ho iniziato ad avvicinarmi al mondo linux, dopo una breve parentesi 6-7 anni fa, l'anno scorso. Frequento forum come questo, siti di informazione IT, per approfondire anche aspetti più lato client. Ho provato diverse distribuzioni, incontrando a volte piccoli ostacoli dovuti alla poca esperienza. Mi sono avvalso dello sterminato numero di risorse informative presenti in rete che hanno accresciuto la mia conoscenza e stima per il mondo e la filosofia open source.

Ma veniamo al punto: è realistico, economicamente, affrontate un discorso commerciale da piccolo distributore e assistenza? Aprire un negozio vendendo pc e materiale "supportato" (lo metto di proposito tra virgolette) su linux? E' proprio questo il punto che non mi è chiaro. Per sua natura linux è distribuito senza garanzia, a differenza di MS-windows. Se per un motivo X il prodotto Y su linux non funziona, il dettagliante come è messo nei confronti della clientela?
Inoltre proprio per la natura ancora di nicchia di linux, coloro che lo usano sono in genere persone svezzate quindi in caso di necessità si rivolgono a forum come questo e tentano di risolvere i problemi che incontrano invece che rivolgersi ad uno negozio per assistenza. Un esercizio commerciale di questo genere godrebbe di un piccolo bacino di clientela o no?

Voi avete mai affrontato un pensiero del genere o ci avete mai pensato?
Mi farebbe piacere leggere vostre esperienze, suggerimenti, storie, spunti e tutto quello che il post può farvi venire in mente.

mykol
08-01-2009, 15:52
penso che comunque dovresti vendere solo HW supportato (cioè, oltre al pc - ovviamente tutto supportato dalla distro che installi ... e ci mancherebbe ...) dovresti fornire hardware vario (stampanti, scanner, webcam, ecc...) perfettamente supportato dalla distro installata. Penso che in quasi tutte le categorie di periferiche ne esistano di supportate da linux.

Un'altra idea potrebbe essere quella di fornire macchine configurate per una navigazione "sicura" su internet per i bambini, (mi sa che i ragazzi di 14-15 anni te le tirerebbero sulla testa però ...) usando opportune configurazioni atte ad escludere la navigazione su siti non adatti, ecc...

Un altro punto a favore potrebbe essere l'assenza di virus, spyware, ecc... che potrebbe convincere anche i genitori.

Certo però che il punto principale rimane la compatibilità hardware.
Cioè, in sostanza, dovresti fornire un sistema che possa fare (quasi) tutto ciò che si fa con windows, ma più sicuro, che richieda macchine meno potenti, senza soft a pagamento (a meno che non sia richiesto e pagato a parte), quindi più economiche ecc...

Certo che bisognerebbe poter fare un pò di pubblicità (trovare i canali giusti) per far passare l'informazione.

Alberto
08-01-2009, 16:16
Diciamo che un problema non facilmente superabile può essere quello di Ms Office.

Molte persone che utilizzano il pc come macchina da scrivere usano la suite ms office, certo wine funziona bene e la fa girare a meraviglia, però con la licenza sarebbe tutto a posto?
La licenza microsoft cosa dice al riguardo, posso farne ciò che voglio con la mia copia di office regolarmente acquistata o posso installarlo solo su windows?

Quella dell'hardware come dice mykol può essere una buona idea, fai dei pc pronti che testi con una distribuzione in particolare e poi li vendi.

Quella dei pc con linux preinstallato anche però, ti occupi di far funzionare tutto così che l'utente debba solo accendere il pc e divertirsi con Linux.

alexmaz
08-01-2009, 16:35
Windows viene venduto senza garanzia cmq. Se qualcosa non funziona e se Windows fosse causa di un guasto e/o qualunque tipo di incidente, non hai nessuna garanzia che ti copre.
Detto questo il mercato di hw compatibile con linux è un mercato di nicchia in ambito desktop per di più in Italia.

mykol
08-01-2009, 16:40
per office penso che usando openoffice non dovresti avere grossi problemi (se uno proprio lo vuole mettergli office tramite wine, ma devi vedere il discorso licenze...).

Tra l'altro anche se il cliente ti fornisse il suo CD di office, credo che dovresti comunque controllare se l'ha acquistato regolarmente e penso che non ne installeresti più nessuno ...

Comunque credo che nella grande maggioranza dei casi OOo possa benissimo sostituire office, almeno per gli utenti comuni.

borozyn
08-01-2009, 17:07
Certo che bisognerebbe poter fare un pò di pubblicità (trovare i canali giusti) per far passare l'informazione.

questo è un punto importante e dolente: windows schiaccia qualsiasi cosa con la pubblicità. Linux non ha assolutamente risalto nel mercato client. Come fare? passa parola? volantinaggio? cartellonistica, sconti? mah.




Diciamo che un problema non facilmente superabile può essere quello di Ms Office. Molte persone che utilizzano il pc come macchina da scrivere usano la suite ms office, certo wine funziona bene e la fa girare a meraviglia, però con la licenza sarebbe tutto a posto? La licenza microsoft cosa dice al riguardo, posso farne ciò che voglio con la mia copia di office regolarmente acquistata o posso installarlo solo su windows? Quella dell'hardware come dice mykol può essere una buona idea, fai dei pc pronti che testi con una distribuzione in particolare e poi li vendi. Quella dei pc con linux preinstallato anche però, ti occupi di far funzionare tutto così che l'utente debba solo accendere il pc e divertirsi con Linux.

OpenOffice, l'ho utilizzato e mi sembra andare bene. E' compatibile e chiede sempre se salvare i file in formato office. E poi sarebbe incoerente fornire un programma close source su piattaforma open.


Windows viene venduto senza garanzia cmq. Se qualcosa non funziona e se Windows fosse causa di un guasto e/o qualunque tipo di incidente, non hai nessuna garanzia che ti copre. Detto questo il mercato di hw compatibile con linux è un mercato di nicchia in ambito desktop per di più in Italia.

Questa cosa mi suona strana. Cioé, il punto di forza di windows è quello di supportare hardware (come specificano le confezioni di qualsiasi periferica) e il software (altrettanto specificato).
Invece convengo per quel che dici sul mercato di nicchia... ma se così non fosse ci si butterebbe nel mercato inflazionato dei grandi centri commerciali, no?

bereshit
08-01-2009, 18:29
tieni conto che cmq avrai le setsse difficoltà che aprire in negozio di materiale informatico classico.. quindi guarda la concorrenza nella tua zona e vedi se ce mercato..

secondo me potresti specializzarti su linux.. ma cè il classico problema.. il cliente non vuole sperimentare.. se gli offri linux .. lui si chiede perchè non mi prendo windows?

la definizione di linux può essere data all'utente solo in contrapposizione della definizione windows ( per la conoscenza media che hanno i clienti) , linux è un sistema diverso, alternativo o come lo volete chiamare voi, rispetto a windows, solo cosi può essere spiegato al cliente, e questo 99% sceglierà la via collaudata , non il diverso..

per aggirare l'ostacolo devi puntare sulla vendita a pacchetto, come fa apple o recentemente abaco computer qui in italia, non punta tanto sul dire , usa linux e meglio etc, ma ti dice, ti vendo un pacchetto che ti permette di fare... word processing video editing mail internet etc etc, tutto funziona out of the box ( e ne sei sicuro èerchè l'HW l'hai testato te), se hai bisogno di periferiche che funzionino outof the box che si rivolgano a te

come se vendessi un cellulare .. nessuno chiede che OS gira sul cellulare che ha comprato...

certo poi ad una domanda diretta non puoi mentire, ma puoi spiegare che gli exe di windows non servono, perchè il sistema implementa già tutto

poi oh.. se la gente compre win perchè si sente a disagio se non cracca un programma ( un mio amico per scaricare openoffice la preso da mulo mettendoci 6 ore, pure na versione vecchia, talmnete certa gente è abituata all'illegalità) non ci puoi fare nulla

stessa cosa per i gamer

cmq puoi offrire assistenza post vendita, secondo me il modello giusto è quello della apple, outofthebox e assistenza di qualità, devi dare l'idea che non compri solo una macchina ma un sistema che ti supporta ne l fare quello di cui necessiti

detroit
08-01-2009, 19:18
Originariamente inviato da bereshit
tieni conto che cmq avrai le setsse difficoltà che aprire in negozio di materiale informatico classico.. quindi guarda la concorrenza nella tua zona e vedi se ce mercato..



mi sto guardando intorno perchè voglio fare anch io qualcosa del genere,fin ora mi sono limitato a fare assistenza onsite ma non ho un attività aperta al pubblico.Devo pagare un analista di mercato o posso farlo anch io un calcolo di mercato?qua siamo 30000,ci saranno tre,quattro negozi di informatica.

psykopear
08-01-2009, 19:53
Secondo me l'unico problema che avranno futuri utilizzatori di linux è quello che se comprano un gioco in una rivista, non riusciranno ad installarlo, se trovano su internet qualche programma che gli piace non riusciranno ad installarlo, e non so quanto possa essere utile poi dirgli "Ma c'è un'alternativa che funziona alla perfezione, usa quella", dato che lo prenderebbero come una cosa di scarto, dove non puoi usare i software che vuoi. E poi msn, dato che ancora non c'è un client che supporti appieno tutte le funzionalità di quel protocollo. Per l'uso quotidiano di problemi non ce ne sono, si sà che su hw compatibile linux è una scheggia, e funziona.

psykopear
08-01-2009, 19:54
Originariamente inviato da psykopear
Secondo me l'unico problema che avranno futuri utilizzatori di linux è quello che se comprano un gioco in una rivista, non riusciranno ad installarlo, se trovano su internet qualche programma che gli piace non riusciranno ad installarlo, e non so quanto possa essere utile poi dirgli "Ma c'è un'alternativa che funziona alla perfezione, usa quella", dato che lo prenderebbero come una cosa di scarto, dove non puoi usare i software che vuoi. E poi msn, dato che ancora non c'è un client che supporti appieno tutte le funzionalità di quel protocollo. Per l'uso quotidiano di problemi non ce ne sono, si sà che su hw compatibile linux è una scheggia, e funziona.

Conclusione: secondo me (poer quanto bella come idea) un negozio che si basi ESCLUSIVAMENTE su software open source non credo possa andare avanti molto. Se fai una cosa tipo compri comunque hw compatibile con linux, e poi proponi il modello con linux e quello con windows (a prezzi diversi chiaramente) forse sarebbe meglio.

Loading