PDA

Visualizza la versione completa : eeek :oVVoVe: andiamo bene! Fascismo russo


@less
13-04-2009, 01:11
http://it.spreadrss.com/2009/04/12/antifascista-e-russo-un-mestiere-a-rischio/

[Manifestazione del DPNI, Movimento contro l'immigrazione illegale]Nazionalismo al potere, una estrema destra con il vento in poppa, uccisioni razziste spesso impunite, tumulti xenofobi che ricordano i pogrom … Benvenuti nella Russia di Putin. Di fronte a questa deriva, difensori dei diritti umani e militanti antifascisti non si rassegnano. A rischio di farsi assassinare. Ritratto di un faccia a faccia disuguale.Il 19 luglio 2004 Nikolai Girenko, esperto di lotta contro la discriminazione e il razzismo in Russia ed eminente difensore dei diritti umani, veniva abbattuto a colpi di fucile attraverso la porta della sua abitazione a San Pietroburgo. Il 10 ottobre 2008 Fediaï Filatov, personaggio del mondo alternativo di Mosca, veniva assassinato a coltellate sotto casa. Tra queste due date, cinque giovani antifascisti sono caduti sotto i colpi dei neonazisti russi, senza contare i tentativi di omicidio, a volte a suon di bombe come nel caso di Tigran M., scampato per un pelo a un attentato nel suo palazzo a Mosca.

Gli antifascisti non sono i soli ad essere minacciati dalla violenza di estrema destra: secondo l'Osservatorio dei fenomeni nazionalistici SOVA con sede a Mosca, la Russia nei primi cinque mesi dell'anno [non è specificato quale, ma si suppone il 2008, ndt] ha visto 250 aggressioni razziste contro persone di origine non-slava, di cui 59 mortali. Nell'anno 2007, si sono registrati 653 attacchi razzisti e 73 morti. E queste cifre sono probabilmente sottovalutate perché la maggior parte delle vittime non osa sporgere denuncia in un clima di xenofobia generalizzata. Gli omicidi generalmente appartengono alla scena nazi-skinhead russa, che secondo le stime più credibili conta tra 50.000 e 70.000 individui. Questo settore a sua volta non è che la parte più spettacolare della galassia neo-fascista e ultra-nazionalista.

Il nazionalismo e l'autoritarismo sono condivisi dall'insieme dei partiti rappresentati nella Duma, il parlamento russo, che si tratti del partito del presidente "Russia unita", del Partito liberal-democratico del populista Vladimir Zhirinovskij, fino al Partito comunista della Federazione russa (KPRF) di Gennadi Zyuganov, già leader della corrente "nazional-patriottica" al tempo del Partito comunista dell'Unione Sovietica. Tutti condividono la visione di un ordine specificatamente russo, basato su uno Stato forte, tanto all'interno quanto all'esterno delle sue frontiere, che diffida di ogni influsso occidentale. Lo sciovinismo, il razzismo e l'antisemitismo percorrono con gradi diversi l'insieme degli schieramenti.Rosso brunoL'estrema destra russa propriamente detta è molto diversificata: ci si ritrovano tanto i fautori di una Russia etnicamente "pura", che i nostalgici di una visione di potenza imperiale, come è stata l'Unione Sovietica.

Ci si incrociano cristiani ortodossi così come pagani influenzati dalle teorie geopolitiche eurasiatiche della Nuova Destra di Alexander Dughin. Certi partiti fino a poco tempo fa potenti, come l'Unità Nazionale Russa (RNE), hanno ripreso, fin in modo caricaturale, i simboli e gli atteggiamenti del nazional-socialismo hitleriano adattato ai colori slavi. I suoi elementi più combattivi si allenano in campi militari nel sud della Russia, con il sostegno dell'esercito, campi che possono contare su migliaia di "stagisti".Altri, come il Partito Nazional-Bolscevico (NBP) di Edouard Limonov e di Alexander Dughin, hanno sviluppato una sintesi rosso-bruna con accenti rivoluzionari, recuperando altrettanto bene simboli comunisti e fascisti. Il NBP è riuscito nell'impresa di radunare attorno a sé una parte della contro-cultura russa, dai gruppi rock più noti alle correnti artistiche di avanguardia, passando per una parte dell'intellighentsia…

Ma se Alexander Dughin, teorico della nuova destra russa, è poi diventato consigliere del Cremlino, Limonov e il suo gruppo si sono uniti alla eterogenea coalizione de "L'Altra Russia", che raccoglie accanto a Gary Kasparov una parte dell'opposizione a Vladimir Putin.Nel 2002 è apparso un nuovo partito, il Movimento contro l'immigrazione illegale (DPNI, nella foto). Principalmente finanziato da deputati vicini a Zhirinovskij, ufficialmente propone la deportazione degli stranieri non in regola, l'imposizione di quote e test linguistici e di cultura a tutti gli stranieri. Nei fatti, i militanti nutrono l'odio etnico e parecchi pullman sono stati da loro noleggiati in occasione dei moti razzisti di Kondopoga nel settembre 2006.Lo sviluppo di questi gruppi e partiti non nasce ieri.

La loro origine risale alla fine dell'era comunista, quando un'intera corrente del partito unico sviluppava già idee nazionaliste e sosteneva l'associazione "Pamiat", che sarà la culla della maggior parte di questi movimenti. Lo smantellamento dell'impero sovietico e la definizione di nuove frontiere sono vissute come un trauma da una gran parte della popolazione, trauma aggravato dalla "terapia d'urto" neo-liberale degli anni '90 che va scavando profonde disuguaglianze sociali. Questa politica economica è stata molto legata all'ideologia democratica rappresentata dal presidente Eltsin e dal suo entourage. Gli avvenimenti del 1993, quando il presidente Boris Eltsin lancia i carri armati contro un Parlamento eletto ma ribelle discrediterà profondamente l'idea stessa di democrazia nella società russa. Il liberalismo, sotto il suo aspetto politico o economico, non ha più quasi più posto nella vita politica e neanche un seggio alla Duma.Putin legittima l'estrema destra

E' grazie a Vladimir Putin che il nazionalismo, da retorica di opposizione, è divenuto un'alternativa politica. La seconda guerra in Cecenia, nel 1999, ne è stato il vettore, sia per la scelta di un nemico utile a forgiare l'unità nazionale che per l'affermazione di un potere presidenziale forte che permette di rassicurare la popolazione di fronte al caos degli anni '90. Ma, così facendo, ha permesso che si sviluppasse un forte sentimento razzista verso tutto ciò che non è slavo, o non ne ha l'apparenza, e principalmente verso tutte le persone originarie del Caucaso. Il nazionalismo di Putin tuttavia non è ideologico.

Deriva dal concetto di Stato come rappresentazione ultima della Nazione, ed ogni azione ne discende: controllo sui media, tra l'altro attraverso la loro acquisizione da parte di imprese amiche, attacchi diversi e intimidazioni alle ONG di difesa dei diritti umani, servendosi specialmente di leggi "contro l'estremismo" peraltro molto poco utilizzate contro la destra radicale.Il principale strumento di questa politica? I "siloviki", agenti di sicurezza dell'attuale FSB, il vecchio KGB. Sotto l'era Eltsin questi rappresentavano il 5% dell'élite politica, economica e finanziaria; oggigiorno ne rappresentano il 78%: posti da governatore di regione, direzione di grandi imprese, alta amministrazione ...


a voi...

Druzya
13-04-2009, 12:33
non e' una novita', il nazionalismo russo

@less
13-04-2009, 14:41
li ho sempre visti di sinistra, non me l'aspettavo.. o è una mia interpretazione sbagliata :bhò:

Druzya
13-04-2009, 15:30
ahime', e' la tua percezione, a sbagliare, temo. per quel poco che ne so io, il nazionalismo in russia era ed e' forte, fin dai tempi precedentia Gorbaciov

@less
13-04-2009, 16:27
Ero ancora troppo giovane! Ora capisco!

wsim
14-04-2009, 10:22
Originariamente inviato da @less
li ho sempre visti di sinistra, non me l'aspettavo.. o è una mia interpretazione sbagliata :bhò:

Non c'entra niente la sinistra o la destra come la interpretiamo noi...

Il nazionalismo russo è una costante di quella nazione fin dai tempi degli zar, basti pensare a come i russi hanno definito la loro terra nei tempi: la Santa Russia, la Grande Madre Russia, la Grande Patria Russa, ecc...
Per i Russi (quantomeno fino a quando è durato il regime sovietico) non si parlava nemmeno di 2a Guerra Mondiale: per loro è sempre stata "La Grande Guerra Patriottica", combattuta per liberare la Patria Russa dai fascisti tedeschi.

SantanaElNegro
14-04-2009, 10:53
c0sa avete contro il fascismo russo? :zizi:

wsim
14-04-2009, 11:19
Originariamente inviato da SantanaElNegro
c0sa avete contro il fascismo russo? :zizi:

e tu chi sei?

SantanaElNegro
14-04-2009, 11:25
Originariamente inviato da wsim
e tu chi sei?
un fascista russo :nillio:

wsim
14-04-2009, 11:30
Originariamente inviato da SantanaElNegro
un fascista russo :nillio:

pensavo qualcos'altro, visti i tuoi interventi molto costruttivi in diversi thread, e soprattutto in argomento con gli stessi...

Loading