PDA

Visualizza la versione completa : Non sono matto o la capra Elisabetta?


panta1978
04-07-2009, 19:50
Trattasi del titolo di una canzone di Lucio Dalla.

http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=MK5qGwtKZaU

È da un po' di tempo che me lo chiedo. Non sono matto o la capra Elisabetta?

http://www.indicius.it/dalla/dalla_images/dalla_-_terra_di_gaibola_bak.jpg



Prima di tutto vorrei che fosse chiaro
che non mi sento per niente matto
ma che sono stato una volta felice
e che al momento non lo sono più
io ero il solo che ti credeva fedele
gli altri sapevano tutto di te
che te ne andavi girando le notti
mentre al bar con gli amici parlavo di te

Fu di marzo che ti incontrai
fu sempre di marzo che un bacio ti regalai

Sai ho cercato quel fazzoletto rosso
e il gran nero degli occhi tuoi
ma giù nel paese non c'è nessuna
non c'è nessuna tanto bella come te

Fu di maggio su quel ponte che Luigi mi parlò di te
e mi disse che eri sua e entro un anno all'altare ti porterà
considerai il raccolto andato male
anche la morte della capra Elisabetta
ma soprattutto il fatto che in venti anni
che in venti anni non ho riso mai

Fu di maggio su quel ponte
il fiume i tuoi occhi c'era Luigi
c'erano i regali
allora presi un sasso e in due ore lo ammazzai.

TeoB
04-07-2009, 20:07
http://www.myluxury.it/img/queen_elisabeth_iil.jpg

Irene80
04-07-2009, 22:06
di Dalla mi ha sempre fatto ridere questa:
http://www.youtube.com/watch?v=JDNGvuXBAaY



Ti hanno vista bere a una fontana che non ero io
ti hanno vista spogliata la mattina, birichina biricò.
Mentre con me non ti spogliavi neanche la notte,
ed eran botte, Dio, che botte
ti hanno visto alzare la sottana, la sottana fino al pelo. Che nero!
Poi mi hai detto "poveretto, il tuo sesso dallo al gabinetto"
te ne sei andata via con la tua amica, quella alta, grande fica.
Tutte e due a far qualcosa di importante, di unico e di grande
io sto sempre a casa, esco poco, penso solo e sto in mutande.

Penso a delusioni a grandi imprese a una Tailandese
ma l'impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale.
Quindi, normalmente, sono uscito dopo una settimana
non era tanto freddo, e normalmente ho incontrato una puttana.

A parte il vestito, i capelli, la pelliccia e lo stivale
aveva dei problemi anche seri, e non ragionava male.
Non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra,
non abbiamo fatto niente, ma son rimasto solo, solo come un deficiente.

Girando ancora un poco ho incontrato uno che si era perduto
gli ho detto che nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino
mi guarda con la faccia un pò stravolta e mi dice "sono di Berlino".
Berlino, ci son stato con Bonetti, era un pò triste e molto grande
però mi sono rotto, torno a casa e mi rimetterò in mutande.

Prima di salir le scale mi son fermato a guardare una stella
sono molto preoccupato, il silenzio m'ingrossava la cappella.
Ho fatto le mie scale tre alla volta, mi son steso sul divano,
ho chiuso un poco gli occhi, e con dolcezza è partita la mia mano



:biifu:

Loading