PDA

Visualizza la versione completa : Il governo mette nei guai la Rai per combattere Sky


s0r42
05-08-2009, 10:10
La guerra con Sky è ormai uno scontro all'ultimo sangue
L'addio al satellite costerà 57 milioni all'emittente pubblica
Il piano segreto del governo
"Tutta la Rai via da Murdoch"
di CLAUDIO TITO

Il piano segreto del governo "Tutta la Rai via da Murdoch"
ROMA - La Tv pubblica non solo è uscita dalla piattaforma di Rupert Murdoch con i suoi canali satellitari, ma presto potrebbe oscurare anche le cosiddette reti "free": RaiUno, RaiDue e RaiTre. Una scelta che assesterebbe un ultimo e potentissimo colpo all'emittente del tycoon australiano. Ma soprattutto supererebbe le prescrizioni dell'attuale Contratto di servizio sottoscritto appunto dalla Rai e dal ministero delle Comunicazioni. Un ostacolo non da poco. Che però il governo sta provando a bypassare.

Un'operazione allo studio non solo ai piani alti di Viale Mazzini. Ma anche dalle parti di Palazzo Chigi. O meglio, negli uffici del dicastero delle Attività produttive. E già, perché per cancellare la Rai dai canali 101, 102 e 103 di Sky è indispensabile modificare proprio il Contratto di servizio siglato nel 2007 dal governo Prodi. In quel documento, all'articolo 26, si prevede che i canali analogici del servizio pubblico debbano essere presenti "sulle diverse piattaforme distributive". Quindi, tutte le piattaforme. Quelle satellitari e quelle del digitale terrestre. Uno stratagemma per raggiungere tutto il territorio nazionale, anche quello non coperto dalle più classiche antenne televisive.

Ma guarda caso, il Contratto di servizio scade il 31 dicembre 2009. E andrà rinnovato. Una competenza esclusiva dell'esecutivo. Tra le ipotesi sul tavolo del viceministro, Paolo Romani, allora c'è proprio quella di modificare l'articolo 26. Come? Stabilendo che i canali analogici della Rai siano presenti su "almeno una" delle piattaforme. E l'alternativa è già pronta: la neonata Tivusat, frutto dell'intesa Rai-Mediaset. Una modifica necessaria anche per la recente interpretazione data dal presidente dell'authority per le Tlc, Corrado Calabrò, secondo il quale Viale Mazzini "must offer", ossia deve offrire le sue reti a tutte piattaforme. Non solo, in una recente audizione in commissione di Vigilanza, lo stesso Calabrò aveva sottolineato che è compito dell'Autorità interpretare i limiti e gli ambiti del Contratto di servizio.

La scelta del governo, dunque, punta proprio a dribblare anche i paletti dell'Agcom. Modificando il "Contratto", nessuno potrà opporsi al definitivo addio di Rai a Sky. E per l'emittente satellitare diventerà obbligatorio rivedere l'intero bouquet. L'ennesimo schiaffo da parte del governo Berlusconi in pochi mesi: prima l'aumento dell'Iva al 20% e ora l'affondo sulla piattaforma satellitare. Nel frattempo la guerra dei nervi con la Newscorp andrà avanti. Fino al 31 dicembre le ore "criptate" della tv pubblica aumenteranno sempre più sfruttando fino in fondo la regola che prevede la trasmissione solo nazionale (le parabole invece captano il segnale in tutta Europa) dei programmi per i quali Viale Mazzini ha i "diritti domestici": film di prima visione televisiva e partite di calcio.

Una situazione che è balzata agli occhi del Presidente della Repubblica Napolitano preoccupato anche del destino di 120 lavoratori Rai impegnati nei canali satellitari. Senza contare che l'addio a Sky costerà quest'anno alla tv pubblica circa 57 milioni di euro.

Una contrazione delle entrate che nell'ultimo budget stilato da Viale Mazzini è stato dimenticato.
Non solo. La guerra è condotta per ora solo dalla Rai. Mediaset al momento non sembra avere intenzione di "scendere" dal satellite. Cripta solo alcune trasmissioni, come i match delle squadre i cui diritti sono stati acquisiti da Mediaset. Non "scende" completamente, pur non avendo i vincoli del Contratto di servizio, perché non è "conveniente" dal punto di vista economico: i punti di auditel in più dati dalle parabole si riversano direttamente sulla raccolta pubblicitaria. La successiva sfida, però, si disputerà su altro terreno: quello dei diritti Sky sui film della berlusconiana Medusa.

---

e poi ci chiediamo com'è che volano via soldi senza che se ne guadagni niente...

lufo5
05-08-2009, 10:14
sarà mica che berlusconi usa la rai per i suoi innumerevoli conflitti di interessi? :madai!?:

Sky
05-08-2009, 10:15
Ma quando mai, Lufo! :rollo:



Altro approfondimento scritto da Francesco Bonazzi



La Rai e i mancati introiti da Sky

La Rai sta diventando sempre più una colonia di Mediaset.

Lavoratori, telespettatori, tutti in campo per ridare alla Rai quella sana autonomia di servizio pubblico che può arrivare solo dall’indipendenza dalla politica e da una reale concorrenza tra tv in un mercato libero.

Primo fatto. Il 17 aprile a palazzo Grazioli, a casa Berlusconi, tra un festino e l’altro, nel così detto vertice di maggioranza fu deciso il nuovo organigramma della tv di Stato. Qualcuno auspicò un intervento del direttore generale Mauro Masi a difesa dell’indipendenza della Rai, qualcun altro disse: “il cda sulle nomine si gioca la sua autonomia”. Come da copione alcuni dei nomi fatti in quell’occasione sono oggi seduti sulle poltrone del Tg1 Augusto Minzolini, RaiUno Mauro Mazza, Tg2 Mauro Orfeo, le altre prossimamente.

Secondo Fatto. La trattativa Rai-Sky si è conclusa esattamente come era stato denunciato a suo tempo: niente accordo e fine del rapporto. In un momento di forte crisi dovuta al calo dell’entrate pubblicitarie (250 milioni di euro) la Rai ha rinunciato ad un contratto di 350 milioni (minimo garantito per sette anni). Bisogna essere chiari, chi paga il canone ha il diritto di saperlo: chi ha deciso di non rinnovare ha creato un danno economico all’azienda e si è ben guardato dal raccontare quale sarà la conseguenza che tale decisione avrà sulle strategie industriali ed editoriali. I consiglieri Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten il 3 luglio scorso, in una lettera, hanno inutilmente lanciato l’allarme (rimasto inascoltato sia all’interno che all’esterno dell’azienda), esattamente come avvenne nell’agosto 2005 con la nomina di Alfredo Meocci alla direzione generale, voluta dal presidente del consiglio e proprietario di Mediaset Silvio Berlusconi, incompatibile perché Meocci era uscito dall’Autority che controllava la Rai solo da quattro mesi e non da quattro anni come previsto dalla legge. Quella decisione, tutta politica, costò alla tv pubblica, cioè ai contribuenti, 15 milioni di euro di sanzione. E’ prevedibile che sulla questione Sky intervenga per l’ennesima volta la Corte dei Conti, e quando questo accade per la Rai sono sempre dolori.

Cosa significa la fine del rapporto Rai-Sky? Prima di tutto la fine dello scopo per cui è nata l’unica società in attivo del gruppo: Raisat. La consociata è composta da circa quaranta dipendenti di cui dieci dirigenti, la maggior parte con stipendi pesanti, da direttori, che andranno a gravare sul futuro bilancio Rai (Masi ha denunciato che causa il crollo pubblicitario il bilancio del 2009 chiuderà con un passivo tra i 100/130 milioni di euro). Raisat acquistava dalla Rai, per conto Sky, i diritti di programmi, film, materiale di repertorio, per un totale di 20 milioni di euro l’anno (in dieci anni ha portato nelle casse della tv di Stato oltre 200 milioni), inoltre deteneva i diritti del più prestigioso talk: il David Letterman Show (in previsione del mancato rinnovo contrattuale Sky in cinque minuti ha acquisito direttamente i diritti dello show americano).

Terzo fatto. Nasce la nuova piattaforma satellitare: Tivusat. Un accordo tra Rai, Mediaset e Telecom Italia Media (La Sette) voluto da Berlusconi (il famoso conflitto di interessi mai risolto), con l’unico scopo di indebolire Sky che nel 2008 si è piazzata al secondo posto con 2.640 milioni di euro di ricavi dopo Rai (2.723) e prima di Mediaset (2.531). La nuova piattaforma alla tv pubblica non porterà nessun introito, anzi, se i vari canali Raisat continueranno a produrre su Tivusat oltre al costo dei dipendenti, la Rai dovrà prevedere anche quello della produzione. L’unico vantaggio è che attraverso la seconda piattaforma satellitare la tv di Stato potrà distribuire il digitale terrestre in quelle zone dell’Italia non raggiungibile con un’antenna normale. L’articolo 26 del Contratto nazionale di servizio tra il ministero delle comunicazioni e la Rai prevede che l’azienda sia presente gratuitamente su tutte le piattaforme quindi non sarebbe stato incompatibile il rinnovo con Sky e l’entrata in Tivusat. Grazie a tutto questo è cominciato il ballo dei decoder e dei telecomandi: uno per Sky, uno per il digitale terrestre e uno per Tivusat. Pensiamo agli anziani, a quel 24% di italiani che dovrà combattere non solo con le visite mediche, le pensioni ma anche con la nuova tecnologia.

Quarto fatto. La politica di Berlusconi ancora una volta interviene sulle strategie industriali imponendo alla Rai di uscire da Sky, contemporaneamente Mediaset rinnova il rapporto con la tv di Murdoch, firmando un contratto annuale di 20 milioni di euro per continuare a trasmettere, sul canale 123 Mediaset Plus, i suoi migliori programmi più Tg5, Studio Aperto e Tg 4.

Sorgono naturali alcune domande: “Perché la Rai ha rinunciato al contratto in un momento così delicato?

“Perché il direttore generale Masi non ha risposto all’offerta di Sky con una controfferta se i 50 milioni annui erano considerati non congrui?”

“Quale è la strategia per recuperare il mancato introito?”

“Perché la decisione non è stata condivisa con il management dell’azienda?”

“Perché in cda l’informativa prima era prevista all’ordine del giorno poi è diventata una comunicazione del direttore generale evitando così il voto quando si è saputo che alcuni consiglieri della maggioranza (Petroni e Bianchi Clerici) si sarebbero espressi contro?

La società Rai è un’azienda solida, ma se il taglio di 250 milioni di euro di pubblicità dovesse diventare costante nel tempo in assenza di una vera politica industriale che non può essere fatta sola di tagli ai budget ma di indipendenza dalla concorrenza, a ciò si aggiunge il malumore che si è creato tra i telespettatori grazie a un’informazione manipolata, a telegiornali che negano l’esistenza dei fatti, a nomine di basso profilo, con conseguente calo degli ascolti, in più Sky che comincia a far concorrenza alle tv generaliste (Fiorello, Mike Bongiorno, Cuccarini, Panariello, ecc.), la tv di Stato rischierà di fare la fine dell’Alitalia.

Vorrei ricordare che durante un’intercettazione telefonica tra Saccà e Urbani, l’ex direttore raccontava di aver messo in guardia Berlusconi sul fatturato di Sky che aveva raggiunto quello di Rai e Mediaset portando via risorse pubblicitarie grazie anche alla fiction. Era il 2007. Ciò che sta accadendo oggi potrebbe essere la conseguenza di quell’allarme.

Link all'articolo: http://antefatto.ilcannocchiale.it/post/2310376.html

:rollo:

Alaunt
05-08-2009, 10:15
Il governo mette nei guai la Rai per combattere Sky

che bel titolo in rima...

s0r42
05-08-2009, 10:16
Originariamente inviato da Sky
Altro approfondimento scritto da Francesco Bonazzi


ma che hai combinato per far incazzare tanto berlusconi?

Sky
05-08-2009, 10:18
Originariamente inviato da s0r42
ma che hai combinato per far incazzare tanto berlusconi?
Mi sono permesso di fare concorrenza.
Sai, i grandi imprenditori italiani sono tanto tanto bravi, purché non ci sia la concorrenza...

faccia da libro
05-08-2009, 11:07
certo è che sky si trova in una situazione non facile.

accettare lo scontro diretto con berlusconi significherebbe perdere una buona fetta di abbonati che non gradirebbero i continui attacchi sul premier.


vero è che oggi sky vanta quasi 6milioni di abbonati e che quindi un evenutale campagna denigratoria peserebbe anche sull'immagine di B.
ma credo che murdoch sappia già che gli attacchi servirebbero a poco, pochissimo.


io mi auguro che sky, dopo il 31 dicembre, possa mettersi a fare una seria concorrenza cercando di sottrarre il maggior numero di personaggi a mediaset.
ad esempio portare enrico mentana sul satellite con una trasmissione stile matrix sarebbe stata una grande mossa all'epoca del suo divorzio con mediaset.

resta il fatto cmq che come per alitalia, berlusconi imprenditore ha tutelato bene i suoi interessi, mentre il berlusconi politico ha mandato allo sfascio la compagnia.

ho sentito in giro che berlusconi dopo aver visto che sky ha intitolato la sua piattaforma al moderatore di html.it, ha deciso di creare anche lui un canale tematico gestito da fede e si chiamerà Aeterna TV.

Sky
05-08-2009, 11:14
Originariamente inviato da faccia da libro

ho sentito in giro che berlusconi dopo aver visto che sky ha intitolato la sua piattaforma al moderatore di html.it, ha deciso di creare anche lui un canale tematico gestito da fede e si chiamerà Aeterna TV.
:malol:

s0r42
22-08-2009, 11:31
http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/politica/rai-3/rai-3/rai-3.html

Loading