PDA

Visualizza la versione completa : [2nda guerra mondiale] Hiroshima, dei vinti e dei vincitori


fred84
12-08-2009, 12:37
Come già accennato nel 3d dedicato al mio viaggio in estremo oriente, tra le varie tappe non è mancata Hiroshima, tappa che mi ha alquanto "sconvolto".

Non ho visto nulla che non mi aspettassi di vedere, ma essere in una città che qualche anno prima non era altro che un cumulo di macerie a causa di un bombardamento nucleare fa il suo effetto.

Girare intorno allo stadio da baseball che sorge (metro più metro meno) all'epicentro della della devastazione e poi trovarsi davanti al Dome (http://farm3.static.flickr.com/2626/3806942949_16447d6427_b.jpg), divenuto ormai simbolo di quell'esplosione, è un'esperienza alquanto pesante.

Fare altri due passi e andare a vedere il Monumento ai Bambini (http://farm3.static.flickr.com/2472/3806943031_f9695f2353_b.jpg) personalmente è stata la cosa più pesante. Non ho resistito molto lì davanti, il tempo di fare la foto e mi son dovuto allontanare. Per chi non la conoscesse, il monumento e le migliaia di origami di gru circostanti sono ispirati alla storia di Sadako Sasaki (http://en.wikipedia.org/wiki/Sadako_Sasaki).

Più avanti c'è il Cenotafio (http://farm4.static.flickr.com/3528/3806943129_908f593200_b.jpg), dove sono raccolti i nomi di tutti i morti per cause dovute alla bomba (migliaia delle persone morte nel momento dell'esplosione sono tutt'oggi senza un nome, capita talvolta che qualche lontano parente si faccia vivo e dia un nome a dei "resti" altrimenti anonimi). Il libro che li raccoglie viene aggiornato ogni 6 Agosto. Dietro il cenotafio potete vedere un braciere: sono fiamme di uno dei tanti incendi scoppiati a causa della bomba, verrà spento dopo la demolizione dell'ultima arma atomica.

Successivamente sono entrato nel "Museo della Pace" (i turisti lo chiamano "della bomba", ma il nome ufficiale è l'altro). Le foto sono agghiaccianti, specialmente il raffronto delle ricognizioni aeree del "prima" e del "dopo".

Secondo me è un posto che chiunque dovrebbe visitare, insieme ai campi di concentramento in europa. Sì, secondo me è il caso di paragonarli, le foto delle persone dilaniate dal calore della bomba sono impressionanti, non meno di quelle dei corpi ammassati nei campi. Solo che gli Americani hanno vinto la guerra e di questo non si parla, mentre ogni anno abbiamo cerimonie "della memoria" per quello che successe nei campi. Secondo me sono cose che andrebbero ricordate insieme perchè devastanti allo stesso modo e così come non si devono ripetere i campi, è bene cercare di evitare che si ripeta anche l'uso delle armi nucleari.

agiaco
12-08-2009, 12:44
Guarda, io concordo che sono posti che bisogna vedere.

Però non crediamo che il male sia solo la bomba, cioè di fronte a quei fatti ho l'impressione che si liquidi la cosa con la coscienza che quelle armi non saranno più utilizzate.

Io sto per andare, tra gli altri posti, a Dresda, dove con armi assolutamente convenzionali e un bombardamento a tappeto gli alleati fecero 200mila morti, cioè più di quanti ne fece la bomba nucleare in Giappone. Eppure, se ne parla poco o nulla, perchè a farli non fu la bomba ma comunissime armi.

MadBrain
12-08-2009, 12:46
Ci sono stato in aprile e condivido in pieno quello che hai detto... ci aggiungo solo la sensazione di impotenza e di sofferenza davanti alla interviste a chi ha vissuto la tragedia e il disgusto per l'ipocrisia dell'America che prima ha buttato la bomba e poi si è prodigata a costruire centri di soccorso per i superstiti...
(con lo stesso disgusto tra l'altro ho poi visitato Amerikamura ad Osaka. Vedere tutti questi giovani giapponesi che inneggiano ad usi e costumi americani mi è sembrato tanto uno schiaffo in faccia alla propria storia)

fred84
12-08-2009, 13:05
Originariamente inviato da agiaco
Però non crediamo che il male sia solo la bomba, cioè di fronte a quei fatti ho l'impressione che si liquidi la cosa con la coscienza che quelle armi non saranno più utilizzate. L'intenzione del Museo è proprio questa infatti. Si chiama "della Pace" e non "della Bomba" proprio perchè vuole raccontare l'atrocità della guerra in tutte le sue forme prendendo spunto da uno degli eventi più devastanti.

@MadBrain: Osaka alla fine l'ho evitata accuratamente.

wsim
12-08-2009, 14:31
Originariamente inviato da fred84
Solo che gli Americani hanno vinto la guerra e di questo non si parla, mentre ogni anno abbiamo cerimonie "della memoria" per quello che successe nei campi. Secondo me sono cose che andrebbero ricordate insieme perchè devastanti allo stesso modo e così come non si devono ripetere i campi, è bene cercare di evitare che si ripeta anche l'uso delle armi nucleari.

Anzitutto grazie per le tue impressioni.

Su questo pezzo, direi che sarebbe bene evitare che in generale si combattano guerre.
Nelle guerre nessuno è soltanto innocente o soltanto vittima, i giapponesi sono giustamente compatiti per i devastanti effetti dell'atomica, ma quanto questo ricordo offusca quello che loro stessi hanno fatto in Cina? (informati sul Massacro di Nanchino o su quelli compiuti in Manciuria)

Concordo comunque sul fatto che abbiano inteso chiamare il museo di Hiroshima "Museo della Pace" come monito al mondo per tutte le guerre.
Ma è un monito che, ahimè, quasi nessuno ascolta.

spizzico
12-08-2009, 14:34
Originariamente inviato da wsim
Anzitutto grazie per le tue impressioni.

Su questo pezzo, direi che sarebbe bene evitare che in generale si combattano guerre.
Nelle guerre nessuno è soltanto innocente o soltanto vittima, i giapponesi sono giustamente compatiti per i devastanti effetti dell'atomica, ma quanto questo ricordo offusca quello che loro stessi hanno fatto in Cina? (informati sul Massacro di Nanchino o su quelli compiuti in Manciuria)

Concordo comunque sul fatto che abbiano inteso chiamare il museo di Hiroshima "Museo della Pace" come monito al mondo per tutte le guerre.
Ma è un monito che, ahimè, quasi nessuno ascolta.

andate in pace, la messa è finita.

wsim
12-08-2009, 14:47
Originariamente inviato da spizzico
andate in pace, la messa è finita.

Nanni Moretti, 1985

luca200
12-08-2009, 14:48
Originariamente inviato da agiaco
la coscienza che quelle armi.....
"speranza" sarebbe più corretto

Cayman Of Puppets
12-08-2009, 15:40
Il potenziale bellico di uno stato è l'espressione di mille volti della civiltà.

Annientare il nemico, ridurlo in schiavitù (in antichità gli schiavi costruivano piramidi, oggi noi schiavi alimentiamo semplicemente quell'enorme luccicante ingranaggio chiamato liberl-capitalismo) e soprattutto evitare che un diverso stile di vita socio-economico possa prendere il sopravvento.

La guerra come strumento per ottenere a buon prezzo risorse.
La guerra come mezzo per un'innovazione tecnologica spinta.


Non sono un guerrafondaio, nè tantomeno condivido i pensieri di Malthus, ma cerco di essere realista. La guerra ha sempre abbracciato il corso della storia e i giorni nostri non ne sono esenti.

Non vengono più gettate bombe atomiche, ma ugualmente tutto l'apparato difensivo e offensivo degli stati ricchi, viene tenuto efficiente.

Viviamo nella zona ricca del mondo, o meglio, in quella che dichiara le guerre e le vince.

Facciamo tutti parti dell'ingranaggio, che piaccia oppure no.

...

Ritornando in topic, proprio in questi giorni sto leggendo un "mattone" sulla storia militare della seconda guerra mondiale. L'autore, tramite un'indagine basata su documenti storici e interviste, spiega il motivo dell'attacco nucleare su Hiroshima e Nagasaki.
Un duplice motivo anzi.
1. Stalin voleva prendere parte all'invasione del Giappone, e vista la posizione strategica, gli americani non potevano permetterselo. Quindi decisero una soluzione che tenesse lontano i sovietici e allo stesso tempo, dimostrare la propria avanzata tecnologica.
2. Gli scienziati del Progetto Manhattan avevano ricevuto circa 2 miliardi di dollari (negli anni '40 !!!) e fecero pressioni affinchè una prova tangibile del loro operato fosse sotto gli occhi del governo americano e del popolo americano stesso. Dovevano dimostrare che l'investimento era stato davvero "ottimo"...e a quanto pare....ebbero ragione, visto che la supremazia militare a stelle e strisce ebbe inizio allora....

fred84
12-08-2009, 16:06
Originariamente inviato da wsim
ma quanto questo ricordo offusca quello che loro stessi hanno fatto in Cina? (informati sul Massacro di Nanchino o su quelli compiuti in Manciuria) sono informato un pochino, lì in giappone ci son non poche polemiche su questo (specialmente ad Hiroshima).

@cayman, riguardo il punto 1: sì, ma scelsero quelle città per le loro dimensioni, per l'essere in zona pianeggiante e per obiettivi militari di secondaria importanza. Le 4 (sì, erano 4, poi il giappone si è arreso e 2 si son salvate) città prescelte non subirono nessun bombardamento proprio per verificare accuratamente gli effetti di quella nuova arma.

Loading