PDA

Visualizza la versione completa : Droga


HolyFather
30-10-2009, 09:09
Articolo da panico

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/09_ottobre_30/reportage-milano-sert-metadone-galli-1601935219115.shtml

magnet_80
30-10-2009, 09:25
puoi postare l'articolo?
grazie

HolyFather
30-10-2009, 09:34
L’ingegnere e la mamma in coda
per il metadone
Anestesisti, televenditori, coppie sposate. Sono 90 i pazienti passati in 5 ore dalla struttura del centro

MILANO — «Una mia amica era incinta e continuava a pippare. 'Sei matta, non ci pensi al bambino?' domandavo. Rispondeva: 'Tranquilla. Al massimo esce più piccolo'. Quando ho saputo di aspettare la mia Ale, ho smesso. Ha nove mesi. Dico, giurano, che è nata sanissima. Però ho usato cocaina per cinque anni... Ogni dieci minuti, specie la notte, la ispeziono. La visito, proprio come fossi un medico. Ho paura di trovare arti spostati, gli occhi che non si aprono, i riflessi spenti. Una ossessione. Io ho 29 anni » .

«Mi guardi. Si vede che, insomma, vivo bene, una vita di un certo livello. Mi ci vede a finire dai marocchini in stazione Centrale a cercare l’eroina? Ci andavo ogni sera. Avevo schifo. E le parla uno che è ingegnere, ha cinquant’anni, ha passato una vita a costruire di tutto in Africa, conosce gente di livello, mia sorella, per dirle, lavora a... e io giravo a comprare l’eroina».

La mamma di Ale è una, l’ingegnere è un altro, e siamo appena a due. Ieri mattina, al Sert di via Conca del Naviglio, il Centro servizi per le tossicodipendenze che serve il centro città, a ritirare il metadone sono passati in novanta. In cinque ore. Dalle 7.30 alle 12.30. Il Sert, che a Milano qualcheduno del Comune vorrebbe chiudere, ancora si porta dietro il ricordo e le immagini dei decenni passati. Code di scheletri spolpati dall’eroina; chi sveniva, chi vomitava, chi cadeva a terra e ci rimaneva.

Nel primo semestre dell’anno il Sert ha seguito 3.466 persone. Si sono visti un marito e una giornalista che si bombardavano di coca per ritrovare l’intesa sessuale. È transitato un tipo comparso nelle televendite. Si è fermato un anestesista che ogni giorno ha in mano i destini di tanti di noi (l’ospedale è tra i più importanti). E si sono moltiplicati i distinti signori che, invitati ad andare in bagno per il prelievo dell’urina, dalla tasca della giacca hanno tirato fuori un campione di pipì di un amico. Per camuffare l’alta concentrazione di droga. A riprenderli, la telecamera interna alla toilette. Lo sanno che esiste, ci mancherebbe, vengono avvisati, è per la legge sulla privacy. La telecamera l’hanno messa per evitare che si imbrogli.

Il Sert, diretto dalla dottoressa Paola Sacchi, cura malati, e ci tiene che in giro si sappia. Non è un angolo buio di reietti; piuttosto, è uno dei salotti di Milano. Dentro, si affollano gli invitati, insospettabili prigionieri di un male che la città ha diagnosticato eppure trascurato. Per vergogna o per superbia.

Riccardo Gatti studia la tossicodipendenza da sempre. È stato a New York nel biennio ’89-’90: la droga invadeva le classi agiate. «Qui l’invasione », dice, «è già iniziata. Quasi nessuno sembra volersene accorgere. Anzi, chi denuncia questi problemi dà fastidio. Noi proviamo a leggere cosa avverrà in futuro. Incrociamo i dati, studiamo. Sta tornando l’eroina. Cresceranno i consumatori. Si abbasserà l’età media. Mi chiede se ci sarà una presa di coscienza? Non lo so. Mi domanda se devono scapparci i morti? Ma se si muore ogni giorno! Quanti giovanissimi sono colpiti da infarto?».

Un 17enne di un liceo scientifico del centro è stato beccato dalla polizia che comprava cocaina. È finito al Sert. Ha confidato alla dottoressa che l’ha seguito: «Questa vicenda è stata un’occasione. Mamma e papà si sono accorti di me. Sono finalmente riuscito a spiegare loro perché da bambino avevo rifiutato quel corso sportivo che insistevano a farmi frequentare».

Al Sert, il grosso dei pazienti ha tra i 35 e i 40 anni; poi vengono i trentenni e i ragazzini. Cocaina, hashish, acidi, pasticche, e l’eroina, inalata o fumata.

L’ingegnere che emigrava in stazione Centrale dice: «Avevo dolori muscolari cronici. Il medico mi prescrive un farmaco. Divento dipendente. Fin quando esce dal mercato. Cerco sostituti. Non funzionano. Provo l’eroina. Funziona. E allora continuo. Non mi crede?».

La mamma della piccola Ale è figlia di un imprenditore (marchio noto); i suoi divorziarono, lei andò a vivere da sola; posto in banca, noia, voglia di cambiare, e così discoteche e locali (i soliti noti nomi) per fare la ballerina e la barista. «Al bancone mi pagavano un cocktail direttamente con una dose».

In certe feste, a casa sua, «giravano i vassoi, quelli delle tartine, pieni di strisce di polvere. Ho iniziato perché volevo provare. Tanto smetto appena voglio, mi dicevo. Ho avuto amici che per la coca hanno venduto tutto: uno aveva una villa spaziale non lontano da quella di Jovanotti e ora fa il barbone. Vivevo per la coca, pensavo alla coca. Io e le mie amiche. Due, brasiliane, alle feste si prostituivano, servivano soldi. Affittavo una delle mie stanze, in salotto si ballava, di là si faceva sesso. Un’altra amica era incinta ». Le è morto il bambino e «se l’è tenuto dentro per una settimana. Non voleva andare in ospedale. Aveva paura che la ricoverassero insieme ai tossici. Io sono stata una tossica. Sono finita in comunità. Ho bisogno di un lavoro. Ti lascio il curriculum, posso? Guarda che faccio anche le pulizie».

Andrea Galli
noMercy$

magnus
30-10-2009, 09:43
:( Povera gente.

maverick70
30-10-2009, 11:04
Povera un corno!

La Droga e` una scelta non e` una malattia! Lo so benissimo anche io che puo` diventare una malattia in quanto crea dipendenza, ma chi te lo aveva detto di cominciare?

Eppoi, si fanno curare a spese di chi? Perche i loro soldi li devono continuare a spendere per drogarsi!

La droga va semplicemente liberalizzata, in modo da debellare tutto sto schifo che ce dietro! Cosi` se uno si droga sa che e` una sua scelta, ma dopo ne deve anche pagare TUTTE le conseguenze, e azzi suoi!

Ci sono casi estremi lo so anche io, dove la droga non e` stata una scelta e quelli bon.

Ma al 80% (direi a spanne!!) e` una scelta, come lo e` l'alcolismo e via dicendo!

No, no! Poveri na beata!!

magnus
30-10-2009, 11:05
Originariamente inviato da maverick70
Povera un corno!

La Droga e` una scelta non e` una malattia! Lo so benissimo anche io che puo` diventare una malattia in quanto crea dipendenza, ma chi te lo aveva detto di cominciare?

Eppoi, si fanno curare a spese di chi? Perche i loro soldi li devono continuare a spendere per drogarsi!

La droga va semplicemente liberalizzata, in modo da debellare tutto sto schifo che ce dietro! Cosi` se uno si droga sa che e` una sua scelta, ma dopo ne deve anche pagare TUTTE le conseguenze, e azzi suoi!

Ci sono casi estremi lo so anche io, dove la droga non e` stata una scelta e quelli bon.

Ma al 80% (direi a spanne!!) e` una scelta, come lo e` l'alcolismo e via dicendo!

No, no! Poveri na beata!!

A me fanno pena lo stesso :( Che massa di infelici.

maverick70
30-10-2009, 11:07
Originariamente inviato da magnus
A me fanno pena lo stesso :( Che massa di infelici.

Chi e` colpa del proprio mal, pianga se stesso!

No, nessuna pieta` per certa gente! :incupito:

krakovia
30-10-2009, 11:28
quando "certa gente" comincia ad essere una percentuale così ampia forse qualche domanda bisogna farsela...

maverick70
30-10-2009, 11:37
Certo. Non si vuole legalizzare perche ci sono troppi interessi dietro (politici e non!!)
Non si vuole risolvere il problema perche ci sono troppi interessi dietro!

Sai quanti problemi ci risolveremo cosi? Si rischia che poi tutti sti politici che abbiamo poi non sappiano piu` cosa fare neh.... :madai!?:

scimmietta1
30-10-2009, 11:39
Originariamente inviato da maverick70
Certo. Non si vuole legalizzare perche ci sono troppi interessi dietro (politici e non!!)
Non si vuole risolvere il problema perche ci sono troppi interessi dietro!

Sai quanti problemi ci risolveremo cosi? Si rischia che poi tutti sti politici che abbiamo poi non sappiano piu` cosa fare neh.... :madai!?:

non ti preoccupare.. i politici sanno benissimo cosa fare della droga

Loading