PDA

Visualizza la versione completa : E-commerce e mentalità del cliente


Nkosi
10-11-2009, 15:37
Chi ha esperienza diretta di vendita on line mi può spiegare perché sembra che la maggior parte di chi cerca di fare acquisti su l'internet pensa di trovare on line lo stesso prodotto che troverebbe, che so, dal panettiere, ma alla metà del prezzo e fatto meglio? La ggente non si rende conto che una merce, un servizio un salcazzo anche se venduto on line ha comunque dei costi? :nillio:

Domenix
10-11-2009, 15:39
Originariamente inviato da Nkosi
Chi ha esperienza diretta di vendita on line mi può spiegare perché sembra che la maggior parte di chi cerca di fare acquisti su l'internet pensa di trovare on line lo stesso prodotto che troverebbe, che so, dal panettiere, ma alla metà del prezzo e fatto meglio? La ggente non si rende conto che una merce, un servizio un salcazzo anche se venduto on line ha comunque dei costi? :nillio:
A metà prezzo? Io online compro tutto gratis... :madai!?:

Nkosi
10-11-2009, 15:41
Originariamente inviato da Domenix
A metà prezzo? Io online compro tutto gratis... :madai!?:
:ecco:
adesso sono tranquillo

Vincent.Zeno
10-11-2009, 15:44
Originariamente inviato da Nkosi
[..] anche se venduto on line ha comunque dei costi? :nillio:
costi? :master: intendi l'abbonamento all'a-di-esse-elle?

micinaa
10-11-2009, 15:45
Originariamente inviato da Nkosi
Chi ha esperienza diretta di vendita on line mi può spiegare perché sembra che la maggior parte di chi cerca di fare acquisti su l'internet pensa di trovare on line lo stesso prodotto che troverebbe, che so, dal panettiere, ma alla metà del prezzo e fatto meglio? La ggente non si rende conto che una merce, un servizio un salcazzo anche se venduto on line ha comunque dei costi? :nillio:

Per comparlarlo da te
Che non so chi sei
Non so dove sei
Se sei una truffa o no

Mi aspetto che costi meno altrimenti appunto vado dal panettiere sotto casa che se mi incula so dove andarlo a prendere

rebelia
10-11-2009, 15:48
Originariamente inviato da Nkosi
Chi ha esperienza diretta di vendita on line mi può spiegare perché sembra che la maggior parte di chi cerca di fare acquisti su l'internet pensa di trovare on line lo stesso prodotto che troverebbe, che so, dal panettiere, ma alla metà del prezzo e fatto meglio? La ggente non si rende conto che una merce, un servizio un salcazzo anche se venduto on line ha comunque dei costi? :nillio:

devi mostrarglielo tu: prezzo dell'oggetto, eventualmente risparmio rispetto a quello sul territorio (per esempio perche' abbatti la filiera) e spese di spedizione distintamente a parte

ah, anche una cisterna di buona fortuna che funzioni :stordita:

Nkosi
10-11-2009, 15:49
Originariamente inviato da micinaa
Per comparlarlo da te
Che non so chi sei
Non so dove sei
Se sei una truffa o no

Mi aspetto che costi meno altrimenti appunto vado dal panettiere sotto casa che se mi incula so dove andarlo a prendere

si meno, ma non il 40 o 50% in meno. Altrimenti si che mi puzzerebbe di truffa.

A vincent zeno: no non l'adsl. Esempio: se io compro 1000 paioli da polenta spunto al produttore un certo prezzo (costo) mettiamo di 70. Poi lo ricarico un po' e lo metto on line a un prezzo al cliente, diciamo di 80. Il ferramenta lo vende a 90 (perché ha spese che io non ho tipo negozio sulla strada, personale, eccetera). Il cliente ci guadagna ma perché deve pensare di poterlo pagare 50 quando sa che dal ferramenta lo paga 90?

Nkosi
10-11-2009, 15:52
Originariamente inviato da rebelia
devi mostrarglielo tu: prezzo dell'oggetto, eventualmente risparmio rispetto a quello sul territorio (per esempio perche' abbatti la filiera) e spese di spedizione distintamente a parte

ah, anche una cisterna di buona fortuna che funzioni :stordita:

abbondantemente spiegato. Ma il problema è che vendo un insieme di servizi difficilmente paragonabili con quello che vende, per esempio il mio concorrente. Il cliente non ha modo di valutare finché non acquista. Può sembrare strano ma è così. Se non vi sembra spam posso spiegare (credo di poterlo fare perché non ho bisogno di mettere link per spiegarmi)

rebelia
10-11-2009, 15:54
Originariamente inviato da Nkosi
abbondantemente spiegato. Ma il problema è che vendo un insieme di servizi difficilmente paragonabili con quello che vende, per esempio il mio concorrente. Il cliente non ha modo di valutare finché non acquista. Può sembrare strano ma è così. Se non vi sembra spam posso spiegare (credo di poterlo fare perché non ho bisogno di mettere link per spiegarmi)

permesso accordato, vai avanti :D

Nkosi
10-11-2009, 16:06
Originariamente inviato da rebelia
permesso accordato, vai avanti :D

:D grazie

Allora, oltre al normale lavoro :D, vendo viaggi. Un tour (giusto per spiegare i possibili e variabili costi), come tutti sanno, tocca vari luoghi, facciamo ad esempio sei città. In ogni città si può scegliere tra un numero quasi infinito di hotel: da una a 5 stelle. In ogni città si può portare il cliente a mangiare nella bettola, nella trattoria, nella bella trattoria, nel ristorante e via dicendo, ci si può mettere d'accordo col ristoratore per dargli sempre il pollo oppure variargli il menu facendo mangiare varie cose al cliente. Insomma le possibili combinazioni (che danno luogo al costo finale) sono quasi infinite. Detto ciò, facciamo l'esempio medio di un tour di 7 giorni in alberghi a tre stelle in mezza pensione. Perché il cliente che va in agenzia e lo trova al costo di mille deve pensare che on line lo possa pagare 500? Diciamo che lo può pagare 800, meno sì che si va a rischio truffa no?

Loading