PDA

Visualizza la versione completa : Talento vs allenamento


Hutch
22-07-2010, 06:11
Qualche giorno fa, parlando del più e del meno fra amici, è venuta fuori un'insolita disputa. Il tutto è partito dallo sport, ma il discorso può tranquillamente essere allargato a qualunque attività umana.
Io sono sempre stato un sostenitore di questo concetto: che una persona abbia o meno un talento innato in un determinato campo, se essa viene impegnata sin da piccola, costantemente, seriamente, e per molto tempo, nel campo stesso, alla fine conseguirà buoni risultati. Qualche amico era della mia stessa idea, altri invece hanno sostenuto l'opposto e, riferendosi in particolare al calcio, mi hanno risposto che, ad esempio, tutti quelli che giocano in serie A hanno il talento dalla loro parte, perché se non fosse così, anche se si fossero allenati per una vita, non sarebbero arrivati lì.
Voi cosa ne pensate?
Per raggiungere il massimo in una qualunque attività bisogna per forza avere qualcosa dentro, qualcosa di sconosciuto e inclassificabile, che ci renda agevole il cammino oppure la perseveranza può dare i suoi frutti?
Per quanto mi riguarda, come ho già detto, credo che l'impegno porti al traguardo, anche perché mi riesce difficile pensare che ognuno di noi abbia una sola (o poche) possibilità di fare qualcosa in modo grandioso, e che, nel caso non si riesca a "scoprire" per tempo ciò per cui siamo portati, si finisca col fare altro, senza la speranza di ottenere soddisfazioni.

maverick70
22-07-2010, 09:18
Anzitutto, i calciatori italiani devono solo vergognarsi! Perche gia solo per lo stipendio che prendono altro che vincere i mondiali........

CMQ tornando al topic: secondo me sono valide entrambe le teorie. Cioe uno allenandosi duramente arriva si al traguardo, ma non arrivera` mai allo stesso traguardo di chi ha il talento innato!
Visto che parlavi di calcio, prendi le punte quelli secondo me hanno il talento non solo l'allenamento, parlo di punte di classe tipo Pele`.

Che poi il talento e` anche misto alla passione e al desiderio di voler fare una cosa. Cioe se costringi qualcuno ad allenarsi o a fare una cosa contro la sua voglia, puo` allenarsi quanto vuole ma non raggiungera mai nessun traguardo.

Nkosi
22-07-2010, 11:19
gattuso, tecnicamente, è scarso, ma grazie alla costanza è diventato un ottimo giocatore.
Cassano, tecnicamente, è eccellente, ma non ha mai combinato un granché per la sua poca disciplina
Sono solo due esempi, ovviamente

Hutch
22-07-2010, 15:43
Io non intendo certo sostenere che non esista il talento, ma semplicemente che, anche in mancanza di una predisposizione naturale verso sport, musica, lavoro, lavorando con costanza (sicuramente l'impegno sarà dettato dalla passione) si possono ottenere ottimi risultati.

Certo ci saranno varie combinazioni:
qualcuno si troverà nella vita a fare qualcosa avendo TALENTO - PASSIONE - IMPEGNO
altri avranno solo TALENTO - IMPEGNO ma non avranno passione per ciò che fanno
e ci sarà anche chi farà un lavoro per cui non è portato, che non ama, e senza impegnarsi!


Riguardo allo sport, qualche anno fa, guardando una gara di tuffi, ricordo il commento riguardo al modo cinese di scegliere i propri atleti: il 90% dei bambini cinesi viene fatto allenare nei tuffi; col passare degli anni tutti diventano abbastanza bravi ma, ovviamente, chi è dotato di un talento innato, ottiene risultati eccellenti, e la Cina ottiene dei super-atleti.

JackBabylon
22-07-2010, 15:53
In tutte le cose ci sono i bravi, che diventano eccezionali o mostri allenando e coltivando la propria passione, poi ci sono i geni.

I geni hanno tempi decisamente più veloci nell'apprendere e hanno risultato inarrivabili per persone senza quel genio..

Loading