PDA

Visualizza la versione completa : [C] aiuto per progetto da svolgere come compito all'università


boxer89
20-12-2010, 11:52
qui vi posto il progetto che devo svolgere come compito di laboratorio,se potreste aiutarmi a svolgerlo in linguaggio C e darmi le ulteriori spiegazioni e commenti nel codice da compilare....vi posto anche uno schema dei processi e repository...un grazie in anticipo :


Progetto : realizzazione di un sistema per l'update del software



Sistemi per l'installazione e l'aggiornamento del software sono ormai disponibili per tutti i principali
sistemi operativi. Compito di questi sistemi è facilitare le operazioni mensionate mantenendo, in un
sistema a versioni, i pacchetti software disponibili e le loro dipendenza da altri pacchetti software. Di
norma la realizzazione di tali sistemi prevede la presenza di un database centralizzato e di un demone
atto a gestirlo. La gestione comprende sia la possibilità di aggiornare l'archivio (aggiungendo nuovi
pacchetti o aggiornando pacchetti già presenti, sia la possibilità di rispondere a richieste da parte dei
client. Per client si intendono i computer mantenuti aggiornati grazie al sistema in questione. Per poter
essere aggiornato un client deve utilizzare un apposito programma in grado di interfacciarsi con il
repository. Ogni client mantiene un elenco (locale) dei pacchetti software installati, delle loro versioni e
dipendenze.
Scopo del progetto sarà realizzare un sistema (semplificato) per il supporto dell'installazione e
l'aggiornamento del software. Tale sistema sarà costituito da tre programmi principali:
(1) il server che gestisce il repository centralizzato,
(2) il client di upload,
(3) il client di download.
Per semplicità non gestiremo le dipendenze di un pacchetto software da altri pacchetti software.
IL SERVER
Compito del server è gestire l'archivio centrale e rispondere alle richieste dei diversi client.
Caratteristiche del server:
1. l'implementazione deve prevedere una fase di avvio nella quale vengono allocate le risorse di
IPC necessarie e vengono inizializzati i dati del repository;
2. le richieste vengono inviate al server sotto forma di messaggi, inseriti in un'unica coda,
accessibile a tutti i processi;
3. ogni richiesta prevede la gestione da parte di un processo figlio del server. ATTENZIONE:
Per evitare sovraccarichi in ogni istante possono coesistere al più 5 server-figli (non si possono
gestire più di 5 richieste contemporaneamente). Il controllo sulla generalibilità di un server
figlio deve essere regolamentato tramite l'uso di semafori.
4. I dati condivisi saranno realizzati tramite una o più aree di memoria condivisa.
5. L'accesso ai dati condivisi da parte dei diversi processi server va regolamentato tramite l'uso di
semafori.
6. Se la richiesta è di upload, il server deve innanzi tutto controllare che il richiedente sia
accreditato (decidete voi come implementare il meccanismo di accreditamento);
7. ogni volta che viene fatto un upload, il server informerà tramite l'invio di un segnale i client di
download che si sono registrati per un servizio di tipo "push" (vedi sotto);
8. se la richiesta è di download, verrà fornita l'informazione richiesta.
9. L'implementazione deve prevedere una fase di shutdown, nella quale vengono disallocate tutte
le strutture condivise e viene rimosso il repository. NB: lo shutdown può avvenire solo dopo che
tutte le richieste in coda sono state soddisfatte.
1
10. Tutta l'attività dei processi server (padre e figli) va memorizzata in un file di log nel seguente
modo: i vari processi scrivono in mutrua esclusione in un'area di memoria condivisa di
dimensioni limitate. Quando queste risulta piena, il processo che in quel momento è scrittore la
riversa in un file di log del server, aperto in append, e la svuota dimodoché sia possibile
continuare a registrare l'attività.
IL CLIENT DI DOWNLOAD
Compito del client di download è di interrogare il repository centrale in merito alla presenza di
pacchetti di interesse da installare o di aggiornamenti di pacchetti di interesse e procedere con
l'installazione/l'aggiornamento.
Caratteristiche del client di download:
1. si avranno tanti client di download quanti clienti (sono processi dedicati).
2. Ogni client mantiene un repository locale con le informazioni su tutti i pacchetti software
installati (decidete voi come realizzarlo).
3. Come prima operazione, il client scaricherà in locale la versione corrente di tutti i pacchetti
software presenti nel repository centralizzato.
4. Un client di download può effettuare la registrazione per un servizio di tipo push: in questo
caso verrà informato dal server, tramite un segnale che andrà poi gestito, della presenza di
aggiornamenti o di nuovi software da scaricare.
5. I client non registrati per il servizio push, a intervalli di tempo regolari inviano una richiesta
al server, sotto forma di messaggio, domandando quali pacchetti sono stati aggiornati,
attendono la risposta e poi procedono con l'aggiornamento (che sarà solo simulato: verrà
aggiornata solo la tabella locale dei client).
6. Deve essere possibile chiedere informazioni su uno specifico pacchetto, per installarlo (cioè
aggiungerlo al repository locale) o aggiornarlo (cioè modificare le info nel repository locale).
7. Tutta l'attività di richiesta/recezione di ciascun client va salvata in un file di log (diverso per
ogni client).
CLIENT DI UPLOAD
I client di upload consentono di modificare le informazioni contenute nel repository centrale.
Caratteristiche dei client di upload:
1. registrazione del client: l'upload è consentito solo se il client è autorizzato. Quindi la prima
operazione che un client di upload deve compiere è accreditarsi, inviando un'opportuna richiesta
al server tramite un messaggio inviato nella stessa coda utilizzata dai client di download. Solo
dopo aver ottenuto un id opportuno dal server, il client di upload potrà effettuare richieste di
modifica del repository.
2. Richiesta di aggiunta: richiesta che un nuovo pacchetto venga inserito nel repository. Ogni
richiesta di aggiunta richiede un feedback sul risultato dell'operazione da parte del server-figlio
che la gestisce. NB: Non è possibile aggiungere software con un nome identico a altri software
già nel repository.
3. Richiesta di aggiornamento: richiesta di modifica della versione di un pacchetto già presente.
Ogni richiesta di aggiornamento richiede un feedback sul risultato dell'operazione da parte del
2
server-figlio che la gestisce. NB: Non è possibile inserire un aggiornamento il cui numero di
versione è inferiore o identico a quello già associato al medesimo software nel repository.
4. Ogni client di upload registrerà in un file di log la propria attività, dimodoché sia ispezionabile.
MAKEFILE
Non saranno considerate accettabili soluzioni che non prevedano un makefile che consenta la
compilazione efficiente di tutti i programmi realizzati.
Simulazione: generazione dei client
Tutti i client di download devono essere generati da uno stesso processo genitore.
Stessa cosa per utti i client di upload.
Attenzione che la generazione e l'avvio dei client ha senso solo dopo che il server è stato avviato.
Quindi gestire anche il caso di inversione dell'ordine di avvio.
Simulare il ciclo di vita di un client
Per rendere realistico il funzionamento di un client, ogni cliente eseguirà un programma di attività
specificato da voi in un file opportuno tramite un linguaggio di specifica inventato ad hoc. Scrivete
quattro o cinque di tali programmi di attività e poi fate sì che ogni client ne "peschi" uno e si attenga ad
esso.

Rissunto delle strutture di IPC da utilizzare
3
repository
centrale
server
server-figli
... ...
Creatore client-download Creatore client-upload
client-download client-upload
Repository locali
1. Server:
◦ una o più aree di memoria condivisa per mantenere il repository centrale
◦ un'area di memoria condivisa per realizzare il log buffer
◦ un numero adeguato di semafori necessari per sincronizzare l'accesso ai dati condivisi: tutti i
semafori vanno allocati in un'unica struttura. Userete quindi sempre un solo "semid"
◦ una coda di messaggi per ricevere le richieste
2. Client-download:
◦ se non si registra per il servizio push: usa le strutture allocate dal server
◦ se si registra per il servizio push: le strutture che servono per realizzare la sospensione in
attesa di un segnale
3. Client-upload:
◦ usa le strutture allocate dal server
Riassunto dei file di log da utilizzare
1. Server:
◦ un file di log unico per tutti i processi di tipo "server"
2. Client-download:
◦ un file di log per ciascun client
3. Client-upload:
◦ un file di log per ciascun client
Linea guida nella realizzazione del repository
Definire la forma dei dati mantenuti nel repository non deve essere il problema più grosso di questo
progetto, il cui scopo è costruire un'adeguata struttura di sincronizzazione e comunicazione fra i
processi. Il consiglio è di utilizzare una struttura di minima. Per esempio una tabella contenente: nome
del programma, numero di versione.
Attenzione che le strutture dati condivise non possono essere dinamiche, quindi il repository potrà
contenere informazioni su un numero massimo predefinito di pacchetti software.
Le strutture condivise dovranno anche comprendere le informazioni (condivise) necessarie per il loro
corretto utilizzo. Per esempio il numero di pacchetti software attualmente memorizzati.
4

LeleFT
20-12-2010, 11:55
Questo tipo di richieste non sono ammesse sul forum, come espressamente detto anche nel Regolamento interno (http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threadid=973887).

Sei tu che devi proporre la tua soluzione e chiedere lumi su quella, indicando cosa non va, quali errori ottieni e/o quale cosa specifica non riesci a fare, non chiedere al forum di farlo per te.

Devo chiudere la discussione.


Ciao. :ciauz:

Loading