PDA

Visualizza la versione completa : Istigazione alla prostituzione, chi me lo spiega ?


FerroFuso
08-01-2011, 13:56
Mi sono sempre chiesto in che cosa consiste questo reato, perchè, al contrario del favoreggiamento e dello sfruttamento, questo non lo capisco molto.

Dal dizionario, alla voce istigare:


Stimolare, incitare qualcuno a compiere un'azione non buona o a commettere un reato

Ma se prostituirsi non è reato, perchè se io incito una persona a prostituirsi lo commetto, potrei capire incitazione alla rapina o allo spaccio....ma alla prostituzione bohh :confused: ?


Perchè si dice che se uno và con una prostituta, ricade in istigazione della prostituzione ? Cioè, se quella fa la escort/puttana, è normale che io gli dia dei soldi in cambio della prestazione. E' come se vado dal fruttivendolo e gli chiedo delle mele, è normale che poi questo voglia dei soldi, se si considera la prostituzione un lavoro come un altro, non capisco l'istigazione.

A meno che non si intenda che tu, dandogli dei soldi, la incinti a proseguire la sua attività di prostituzione.

Bohhhhhhh

Arcane
08-01-2011, 14:56
E' inutile che cerchi di trovarci un senso, non c'è..

astro
08-01-2011, 15:13
C'è lo sfruttamento vero e proprio (cd. lenocinio) ed il favoreggiamento

Mi pare di ricordare che abbiano dato il favoreggiamento per il fatto che riaccompagnare la prostituta dopo la prestazione ne configurerebbe gli elementi
ma poi non so come ste sentenze siano andate a finire
Di fatto il favoreggiamento esiste anche se non c'è alcuna continuatività nell'azione ed anche senza un legame qualunque con la prostituta
In base a questo cominciarono a formulare questa incriminazione, e ovviamente le difese chiarirono con diverse argomentazioni che il non riaccompagnarle avrebbe costituito quello sì un comportamento riprorevole mettendo anche la persona in una condizione di scarsa sicurezza (visto che sono appunto luoghi appartati...)

Un senso le cose lo hanno... poi pò anche essere un contro... senso, ci sta...

bootzenn
08-01-2011, 15:21
Originariamente inviato da FerroFuso
se si considera la prostituzione un lavoro come un altro, non capisco l'istigazione.

A meno che non si intenda che tu, dandogli dei soldi, la incinti a proseguire la sua attività di prostituzione.

Bohhhhhhh

no, tranquillo continua ad andare dal travione sotto il ponte :mame:

rebelia
08-01-2011, 15:35
Originariamente inviato da FerroFuso
se si considera la prostituzione un lavoro come un altro, non capisco l'istigazione.

perche' al di la' di una piccola quantita' di prostitute per scelta, c'e' una larga fascia di prostitute obbligate a suon di botte e vessazioni piu' o meno pesanti a prostituirsi; usufruendo dei loro servizi, alimenti la domanda e il mercato

Linkato
08-01-2011, 15:40
Originariamente inviato da rebelia
perche' al di la' di una piccola quantita' di prostitute per scelta, c'e' una larga fascia di prostitute obbligate a suon di botte e vessazioni piu' o meno pesanti a prostituirsi; usufruendo dei loro servizi, alimenti la domanda e il mercato

Però istigazione alla prostituzione potrebbe essere anche quando offro soldi...

Incontro una ragazza che mi piace, le parlo, le propongo dei soldi per far sesso, lei accetta perchè magari è disoccupata, separata, ed ha un figlio piccolo a casa... insomma, (anche non sapendolo) mi approfitto comunque della sua indigenza... penso si riferisse soprattutto a questo.

Vessazione e botte per la prostituzione galera sicura, questo è chiaro... ma ci sono situazioni diverse, senza violenza fisica...

rebelia
08-01-2011, 15:42
Originariamente inviato da Linkato
ci sono situazioni diverse, senza violenza fisica...

si, sicuramente; intendevo comunque che si tratta sempre di forzare in qualche modo la donna a fare qualcosa che altrimenti non farebbe mai, approfittando della sua debolezza (non necessariamente fisica)

io credo che per un uomo risulti mediamente difficile immaginare quanto possa essere devastante per una donna subire certe pratiche controvoglia e da qui nascono domande come quella che ha dato origine al thread

edit: quest'ultima frase non per giustificare queste domande, sia chiaro; personalmente mi fan cascare le braccia con tutta la spalla attaccata

astro
08-01-2011, 15:47
Bisogna certo tenere ben conto che coesistono gli aspetti più opposti: da quella che magari riesce a farlo totalmente "in proprio" e che lo fa perchè ama spendere molto per se stessa a quella picchiata e minacciata di pericoli anche verso i suoi familiari nel suo paese... quindi c'è tutto (ed il legislatore si è preoccupato di essere particolarmente ampio proprio per questo nel delimitare il concetto di favoreggiamento)

Comunque io un po' di tempo fa ho provato ad istigare Todoroki alla prostituzione...








...ma non ho fatto in tempo a dargli botte nè fargli vessazioni :fagiano:

dAb
08-01-2011, 16:07
Avevo letto istigazione alla produzione e mi stavo immaginando il tiranno a frustare i cinesi nella manifattura.

Arcane
08-01-2011, 19:05
Originariamente inviato da rebelia
perche' al di la' di una piccola quantita' di prostitute per scelta, c'e' una larga fascia di prostitute obbligate a suon di botte e vessazioni piu' o meno pesanti a prostituirsi; usufruendo dei loro servizi, alimenti la domanda e il mercato

Sicuramente saprai linkare una fonte affidabile con dei dati statistici a supporto di ciò vero ? :D

Loading