PDA

Visualizza la versione completa : 17 marzo, 150 anni dell'Unità Nazionale. E' questa la vera minaccia per l'economia.


Darksky
05-02-2011, 01:50
In occasione dei 150 anni dell'Unità Nazionale, il 17 marzo è stato dichiarato giorno di festa nazionale. Per lavoratori e studenti, tecnicamente diventa un giorno festivo sul calendario, come un 25 aprile, o 2 giugno 1° maggio.
Apriti cielo. Prima gli industriali emiliani poi oggi ufficialmente la Marcegaglia che dichiara:

"«Festeggiamo il 17 marzo. Ma non perdiamo ore di lavoro» Il presidente di Confindustria chiede che la nuova giornata di «festa nazionale» non pesi sull’economia".

Qui il link completo all'articolo: http://www.corriere.it/politica/11_febbraio_04/marcegaglia-17marzo-non%20costi_18e691d6-307c-11e0-a9d6-00144f02aabc.shtml

Addirittura parla di "pericoli di ponti"....azzz :afraid:
Cioè dico io siamo nella merda più totale e te ti preoccupi di una cagata del genere, in un anno poi dove molte festività cadranno in giorni non lavorativi e quindi non influiranno sulla "produttività" ? O crede che se il 17 si lavora, sarà una giornata retribuita non come straordinario festivo ?

Ad ogni modo stupiscono alcuni commenti del popolo pecora all'articolo. C'è persino gente che dice di spostare la festa alla prima domenica successiva, al 20 e si risolve il problema.. 'chè la Marcegaglia ha ragione.
Ma Zio cantante e tuonante, ma qualcuno vada a dire a quelle capre che se si festeggia il 17 marzo c'è un motivo preciso, in quella data nel 1861 fu proclamato per la prima volta ed ufficialmente il Regno d'Italia nel parlamento a Torino. Che cazzo significa "spostiamo alla domenica successiva" ??? Allora spostiamo il 2 giugno, festa della repubblica, a ferragosto...oppure la festa della liberazione la lasciamo il 25 aprile (liberazione di milano e torino) se cade di domenica, sennò se non ci garba la spostiamo al giorno della liberazione di Napoli...o di Roma...o di Ficulle...o di roncobilaccio, alla bisogna.

Arcane
05-02-2011, 02:43
L'unità d'italia non si riassume in una data, si trattò di un processo storico durato decenni...nello sciegliere una data simbolica per i festeggiamenti di un evento ci ho sempre trovato un qualcosa di patetico e di ipocrita, tipo il 14 luglio per i francesi...come se la rivoluzione fosse durata 1 giorno !

La ricorrenza "unità d'italia" è da celebrare, se non altro per tenere viva la memoria...ma non vedo che differenza fa un giorno rispetto ad un altro..

kalamar2.0
05-02-2011, 08:47
in più quest'anno pasquetta è il 25 aprile

31luglio
05-02-2011, 09:39
comunisti :incupito:
:biifu:

kuarl
05-02-2011, 10:07
ecco partita subito la strumentalizzazione dei comunisti che non vogliono lavorare :incupito:

zioAttila
05-02-2011, 10:16
Giovedì 17 marzo... mmm ... se prendo anche venerdì mi sparo 4 giorni da qualche parte.

panta1978
05-02-2011, 11:28
Quella del 17 marzo festa nazionale è una bella iniziativa. Ma mi sento di dire che una giornata di festa andrebbe pianificata con più largo anticipo, non 2-3 mesi. Io ad esempio avevo prenotato una visita endocrinologica per il 17 marzo e ho dovuto rimandarla di un bel po' in avanti :jam:

MrCocò85
05-02-2011, 12:16
Cioè questa si lamenta se si festeggia l'unità di Italia e non invece per la fantomatica ingravidata di una vergine che partorisce dopo soli 17 giorni? :dottò:

ecmedia
06-02-2011, 11:26
Sinceramente una festività in più non credo faccia male, visto poi che in Italia ci sono meno festività che in altri paesi economicamente più produttivi.

Io sono autonoma ma sinceramente non mi darebbe alcun fastidio avere un giorno di "festa" in più, anzi. Alla fine è anche un modo per ricordare alla gente che se si sta a casa un motivo ci sarà, in questo caso i festeggiamenti per l'Unità d'Italia.

miki.
06-02-2011, 11:47
a lavorare, sfaticati!!! che siete sempre in festa.

Loading