PDA

Visualizza la versione completa : Condividere file su riti wireless


ubaldo.gulotta
03-09-2011, 12:19
Vorrei che mio fratello potesse leggere alcuni file presenti sul mio pc direttamente dal suo portatile. La rete fisica é semplice ma la mia ignoranza é grande:

ADSL - ROUTER MODEM NETGEAR DG834G - PC

Vorrei che il portatile potesse comunicare con il mio computer sfruttando la rete wireless ovvero il router.

In questo momento mio fratello usa già il modem per andare in internet.

Vorrei che dal portatile si avesse accesso solo in lettura al mio disco fisso. I documenti dovrebbero poter essere letti, copiati sul portatile ma non editati (possibilmente neanche il nome). Mio fratello deve inoltre non essere in grado di salvare file sul mio disco fisso dal suo portatile. Pensate che sia possibile fare tutto questo con l'hardware di cui dispongo?

Grazie mille per tutto

P.S.: Dimenticavo... sul mio pc ho 2 partizioni, a volte uso linux e a volte uso windows... mio fratello invece usa sempre windows... inizialmente mi accontento di creare la rete su windows... Penso che abbia bisogno di una guida...

teo1964
04-09-2011, 17:02
Per la condivisione dei file, basta mettere i computer nella stessa rete utilizzando il router .
Il discorso della protezione dei file è più complesso, autorizzarne la lettura ma impedirne la modifica o addirittura la rinomina (quindi neanche il salva con nome) penso sia parecchio complesso.

vnt54
04-09-2011, 19:21
I Pc che devono condividere i file/cartelle devono avere lo stesso nome del gruppo(solitamente si lascia il nome di default di xp WORKGROUP).
Riepilogando:-
1.condividi quello che ti interessa
2.nel tab sicurezza controlla che esista everyone,se non esiste devi aggiungerlo.
3.sempre nel tab sicurezza alla voce utenti e Gruppi seleziona Everyone e vedrai
nel riquadro di sotto(Autorizzazione per Everyone)le spunte su:-
#Lettura ed esecuzione
#Visualizzazione contenuto cartella
#Lettura
Premi OK.

Nota:-L'utente Everyone lo si mette per comodità in quanto si riferisce agli utenti della
rete interna altrimenti dovresti creare gli account con password sui pc interessati.

teo1964
04-09-2011, 19:35
Non credo che con questa procedura impedisca la copia e/o la modifica dei files condivisi.

vnt54
04-09-2011, 19:46
La procedura che ho descritto agisce sul pc che richiede(il client)il pc che mette a disposizione la cartella condivisa(server) non subisce nessuna variazione(non viene effettuata nessuna modifica nè alla cartella,nè tantomeno sui file)in quanto i permessi di scrittura non sono abilitati.

onirik
08-09-2011, 09:11
Cmq per sua comodità da start->esegui dopo che ha creato la condivisione di files e cartelle fa prima a digitare \\indirizzo-ip-dell'altro-pc

ubaldo.gulotta
08-09-2011, 21:48
wawwww grazie!!!!! che figata!!!!!!!!

ubaldo.gulotta
09-09-2011, 00:05
Sono riuscito a risolvere il problema tecnico ma non ho capito la filosofia di base. Per arrivare alle cartelle condivise bisogna fare dei percorsi strani e poi queste stesse cartelle condivise sono contenute in altre cartelle standard di windows alcune con nomi come workgroup o pc. E' tutto molto strano ma funziona. Se qualcuno riuscisse ad illuminarmi mi farebbe comunque un grosso piacere perché sono curiosissimo di capire anche la filosofia.

Un altro problema che non riesco a risolvere é quello di aggiungere una password.

Se vado su vista (pc fisso) in:

Pannello di controllo / centro di connessione e condivisione / condivisione protetta da password

sul notebook (dove c'é win xp) non riesco più ad entrare nelle cartelle a patto di mettere una password ed una user quindi credo che la strada sia quella giusta però non capisco dove posso andare a settare questi parametri di accesso.

Inoltre per fare la stessa cosa sul notebook (proteggere con password) come dovrei fare?

Grazie

deleted_29
11-09-2011, 12:59
francamente non ho mai neppure io capito la "logica" dietro vari pateracchi microsoft per rendere (in teoria) più semplice la condivisione con gruppi home e roba "strana".
---
La versione breve è: non usarli.
Limitati a creare condivisioni "avanzate" di cartelle, alle quali puoi specificare gli utenti che possono accedere (e come, lettura-scrittura).

Attenzione poi alle ACL NTFS, in buona sostanza al diritto per gli utenti ad operare sui file.

Se crei una condivisione alla quale dai diritto all'utente PIPPO di scrivere, ma l'utente PIPPO non può scrivere file in quella cartella (cartella, non condivisione), PIPPO non ci riuscirà.
---
In generale la ratio è abbastanza semplice: per ogni computer della rete deve esistere il medesimo set di utenti con la relativa password.

computer1:
utente franco:password1
utente stefano:password2
utente ugo:password3


computer2:
utente franco:passwordPIPPO

NON riuscirà ad accedere al computer1 (a meno che non stai usando uno dei famosi accrocchi microsoft senza-password blablababla).

- più precisamente accede ma non entra -
==========
Visto che nel tuo caso, immagino, avrai due utenti in tutto, uno per ogni PC, non ti resta che crearli "speculari" sulle due macchine et voilà
==========
Il discorso linux è un po' diverso, dipende essenzialmente se lo vuoi usare come CLIENT (=> ti connetti ad una macchina windows da cui leggi-scrivi) oppure SERVER (=>da una macchina windows ti connetti lì).

Il primo caso è relativamente semplice (la maggior parte delle distro hanno già smbclient incorporato), il secondo non così immediato (anche se facile... sapendolo fare!)

Loading