PDA

Visualizza la versione completa : La secessione


Nuvolari2
19-09-2011, 10:09
Ieri Bossi ad un comizio a Venezia ha detto a chiare lettere (secondo me dicendo una cosa verissima nella sua drammaticità) che se l'Italia va giù, la Padania va su. E questo dovrebbe far riflettere tutti sulle reali intenzioni di buona parte del governo (la parte leghista) di salvare l'Italia dal default.

Oggi parlare di secessione sembra quasi la solita favoletta leghista a cui neppure Calderoli e Borghezio sembra possano crederci veramente (ma quando mai riusciranno a fare una cosa del genere!, ci si dice persino prendendoli in giro...).

Eppure secondo me c'è un rischio molto grosso: se l'Italia dovesse andare in default, allora ci sarebbero i presupposti sociali per proporre al popolo disperato un'alternativa, una via d'uscita, un mondo dorato a cui aggrapparsi, un sogno di riscatto. E contemporaneamente un alibi per il fallimento (colpa del Sud!) e un capro espiatorio (gli indolenti "terroni", fannulloni e mafiosi). Un mix pericolosissimo, se applicato ad un contesto sociale di disperazione, caos e miseria che si configurerebbe per diverso tempo a seguito di un possibile default. (pensiamo anche al fatto che la prima a spaccarsi sarebbe l'Europa... Con la moneta unica che se ne andrebbe a pallino).

E la spartizione del debito pubblico potrebbe persino trovare appoggio dalla sponda italiana: qualcuno potrebbe pensare che in effetti lasciare alla ipotetica e prospettata Padania una buona fetta del debito possa essere una via d'uscita accettabile. Di fronte ad una volontà popolare del nord di staccarsi dall'Italia, qualcuno potrebbe davvero pensare a quel punto che spuntare le migliori condizioni economiche possibili sia la strada migliore. Oggi è sempre e solo una questione di soldi, per tutto. E la montagna di soldi del debito pubblico, o una sua consistente porzione, può essere senza dubbio una quantità di soldi tale da poter barattare l'unità d'Italia, in determinate condizioni sociali ed economiche del Paese.

Fantapolitica? Sicuramente. Almeno ad oggi. Ma la Storia insegna che è proprio durante i periodi più neri che accadono le cose apparentmente impensabili, impossibili e peggiori. In caso di default, un Paese così diviso e fragile come l'Italia credo che rischierebbe molto...

hfish
19-09-2011, 10:21
io è dieci anni che mi chiedo come mai non vengano arrestati, vista la palese illegalità di quello che professano...

debug
19-09-2011, 10:30
Originariamente inviato da hfish
io è dieci anni che mi chiedo come mai non vengano arrestati, vista la palese illegalità di quello che professano...
Bè, nel frattempo sono diventati ministri della REPUBBLICA ITALIANA, mi pare giusto :mem:


ciao!

Nuvolari2
19-09-2011, 10:31
Originariamente inviato da hfish
io è dieci anni che mi chiedo come mai non vengano arrestati, vista la palese illegalità di quello che professano...

Perchè sono parte del potere. E il potere non arresta se stesso. Considera che la lega è stata alleata del Pdl ma anche dell'opposizione. Ciò dimostra come non si fanno certo la guerra fra di loro, semmai agiscono in funzione di strategie ove l'unica logica che li guida è trovare l'alleato giusto per ottenere più seggi. Ma fra loro nessuno pesta davvero i piedi a nessuno. Manco D'Alema e Berlusconi se li pestano davvero.

Merrill Stubing
19-09-2011, 10:34
Originariamente inviato da Nuvolari2
Manco D'Alema e Berlusconi se li pestano davvero.

Secondo me si lucidano le scarpe l'un l'altro nel tempo libero

Sky
19-09-2011, 10:42
Un paio di calci nel sedere per rimetterli in riga avrebbe potuti darglieli Napolitano già anni fa, invece...
E' utile essere per il dialogo quando l'altro non ne voglia nemmeno sapere, davvero utile.

Nuvolari2
19-09-2011, 10:46
Originariamente inviato da Sky
Un paio di calci nel sedere per rimetterli in riga avrebbe potuti darglieli Napolitano già anni fa, invece...
E' utile essere per il dialogo quando l'altro non ne voglia nemmeno sapere, davvero utile.

Napolitino è il loro camerire bipartisan...

sparwari
19-09-2011, 10:49
il vento di novità che voleva portare la lega 20 anni fa si è dimsotrato inutile.

credo che molta gente del sud avrebbe voluto che con la leganord in parlamento si sarebbe potuto avere maggior efficienza e minor sprechi nelle regioni del sud.
perchè gli sprechi che si fanno nelle regioni del sud sono frutto dei politici e non della popolazione...

dopo 20 anni nel sud continuano ad esserci sempre politici incapaci (non tutti ovviamente...).
questo vuol dire che la presenza al governo da parte della lega è stata inutile perchè purtroppo il sud spende ancora oggi male parte dei soldi.

non che nel nord sia tutto perfetto... ma credo che al sud ci sia più da correggere...

Nuvolari2
19-09-2011, 13:48
Il fatto è che la Lega ha sempre parlato di secessione. E se davvero adesso punta al defalut dell'Italia per avere l'occasione buona per trasformare i loro propositi in realtà, si capiscono tante cose...

Ed in ogni caso, a maggior ragione, come ci si può fidare di un governo retto di fatto dall'appoggio di una forza politica che trarrebbe vantaggio da una situazione di default del Paese che governa?

Dopo le parole di Bossi ("Se l'Italia scende, la Padania sale"), secondo me siamo di fronte al più grosso conflitto di interessi che la Storia d'Italia ricordi. Al confronto quello di Silvio è ridicolo.

jerrymoss00
19-09-2011, 14:00
Originariamente inviato da Nuvolari2
Il fatto è che la Lega ha sempre parlato di secessione. E se davvero adesso punta al defalut dell'Italia per avere l'occasione buona per trasformare i loro propositi in realtà, si capiscono tante cose...

Ed in ogni caso, a maggior ragione, come ci si può fidare di un governo retto di fatto dall'appoggio di una forza politica che trarrebbe vantaggio da una situazione di default del Paese che governa?

Dopo le parole di Bossi ("Se l'Italia scende, la Padania sale"), secondo me siamo di fronte al più grosso conflitto di interessi che la Storia d'Italia ricordi. Al confronto quello di Silvio è ridicolo.





Thanks for this.. very informative post. It really helps us a lot.

Loading