PDA

Visualizza la versione completa : Su Facebook la raccolta firme per la consultazione anti-Casta


magnet_80
28-10-2011, 11:19
Su Facebook la raccolta firme per la consultazione anti-Casta
Davanti agli sprechi di una classe politica, sul social network spunta il gruppo “Referendum sugli stipendi dei politici italiani” che in soli due mesi ha superato i 13mila membri. Propone quattro quesiti: i primi due riguardano la riduzione degli stipendi dei parlamentari e l'eliminazione dei senatori a vita

Se la Casta non rinuncia ai suoi privilegi, saranno i cittadini a forzare la mano. Come? Con l’organizzazione di un referendum tramite i social network. Davanti agli sprechi di una classe politica che vive di menù a prezzi stracciati alla buvette e sostiene la necessità di “coccolare i parlamentari”, il gruppo Facebook “Referendum sugli stipendi dei politici italiani” in soli due mesi ha superato i 13mila membri. Propone quattro quesiti: i primi due riguardano la riduzione degli stipendi dei parlamentari e l’eliminazione dei senatori a vita, e se ne aggiungono altrettanti, per ora dai contenuti approssimativi, sul taglio delle accise sui carburanti e l’abrogazione parziale di alcuni articoli della legge Biagi .

Ma è sui primi due che si concentra l’interesse di migliaia di italiani che desiderano tagliare le indennità di chi siede a Montecitorio e Palazzo Madama. Vogliono sensibilizzare l’opinione pubblica per abrogare i privilegi previsti dalla legge 1261 del 1965 ad eccezione dell’articolo 1 “in modo che un parlamentare possa prendere al massimo uno stipendio di 5.613 euro”. Nel secondo quesito, invece, si chiede “l’abrogazione dell’articolo 59 della Costituzione” ovvero l’abolizione dei senatori a vita, “inutili e dispendiosi per lo Stato”. E dalla sensibilizzazione il gruppo intende procedere verso la raccolta firme per una tornata referendaria.

“Era fine agosto e dopo gli emendamenti alla Finanziaria ho deciso di aprire il gruppo. Era assurdo che solo noi italiani dovessimo fare sacrifici per rispondere alla crisi”, spiega il promotore Marco Savari, lavoratore di 33 anni, che con questa iniziativa vuole ribadire la sovranità popolare. Raccomanda ai partiti a non mettere il cappello su questa proposta ma invita chiunque a diventare membro in veste di libero cittadino. Oltre a specificare di “non avere nessuna tessera”, aggiunge che dietro l’iniziativa non ci sono “né il Popolo Viola, né gli Indignati”. E pensa a come passare da Facebook al referendum. “Ci stiamo organizzando in tutte le regioni per avere referenti affidabili e disponibili a raccogliere le firme”, prosegue Savari, che ritiene facilmente raggiungibile il traguardo delle 500.000 richieste dalla legge.

“A differenza della legge di iniziativa popolare, che poi deve essere discussa dal parlamento, il referendum è l’unica arma per sconfiggere questa classe politica e indebolirla”. I privilegi dei parlamentari, inoltre, sono uno dei principali motivi di malcontento nel paese e oggi, pare, la misura è stata superata. “Riteniamo che il loro attuale stipendio al netto delle indennità sia un giusto compenso. E, come noi cittadini, devono pagare aerei, stadio, treno. Questo non è un dibattito né di destra, né di sinistra”. Se tutto andrà bene, la raccolta firme non potrà iniziare prima di gennaio. Anche se ci sono dei costi da affrontare.

“Il problema è anche economico – conclude Savari –. Infatti soltanto per i moduli della raccolta firme la spesa è di 20mila euro. Non voglio che chi partecipa si trovi anche a finanziare l’iniziativa di tasca sua, per cui stiamo chiedendo aiuto a imprenditori e sponsor”. E anche sui rimborsi elettorali il gruppo vuole scardinare quanto è successo finora: “Secondo l’articolo 4 della legge 157 del 03/06/99, in caso di raggiungimento del quorum, quando richiesto, si prevede un rimborso di mille vecchie lire per ogni firma valida. Ecco perché dietro ai referendum si nascondono spesso i partiti politici. Noi, però faremo diversamente”. Perché in questo caso, se i quesiti avranno successo, i rimborsi andranno in beneficenza.

fonte:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/28/su-facebook-la-raccolta-firme-per-la-consultazione-anti-casta/166959/

vediamo se si riesce a far partire la raccola firme! io ci sono per firmare!!!!!

Ciccio17
28-10-2011, 11:22
una raccolta firme....SU FACEBOOK!?!? :dottò:

magnet_80
28-10-2011, 11:50
leggi bene:
"Se tutto andrà bene, la raccolta firme non potrà iniziare prima di gennaio. Anche se ci sono dei costi da affrontare. Il problema è anche economico – conclude Savari –. Infatti soltanto per i moduli della raccolta firme la spesa è di 20mila euro"
l'idea è di partire con la racoolta firme vera e propria per gennaio

vin diesel
28-10-2011, 11:54
Non ho facebook, non metterei mai una firma su facebook.
Come mi dovrei firmare? Vin Diesel? :D
Varrebbe come firma? :confused:

magnet_80
28-10-2011, 11:57
neanch'io sono iscritto a facebook, ma spero che la raccolta firme passi dal virtuale al reale.
mi sa che nel primo post non si era capito il mio pensiero.

albgen
28-10-2011, 12:04
ma che rompi XXXX che siete :jam:
anche noi paghiamo eh!!!

http://a7.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash4/321144_259390794107408_101744376538718_776951_1710 262189_n.jpg

hfish
28-10-2011, 12:07
me lo hanno inoltrato ieri su fb.... non erano stati annunciati in pompa magna adeguamenti dei prezzi?

albgen
28-10-2011, 12:09
Originariamente inviato da hfish
me lo hanno inoltrato ieri su fb....

infatti quello è un link diretto su facebook :)
....fbcdn.net...(facebook content delivery network)

Lars
28-10-2011, 15:41
sta menata dei prezzi... mai mangiato la pizza in una caserma dotata di forno?
mai andati in mensa ufficiali (ora mensa unificata)?
mai stati in una mensa aziendale?

quanto alla legge biagi farebbero prima a ritirarla del tutto: approvata in fretta e furia, fatta col culo, solo sull'onda emotiva dell'omicidio.

senza i senatori a vita la vedo dura la fase "ostruzionistica" dell'attuale opposizione, visto che la maggior parte sono schierati "contro il governo"...

quanto ai costi della politica, e i loro stipendi, sarebbe molto facile se solo lo volessero: basta una legge europea, e tutti gli stati sono costretti ad adeguarsi entro un certo tempo.

albgen
28-10-2011, 15:56
Scusate l'ignoranza ma io non capisco come mai in Italia esiste il senato e il parlamento(quindi i doppio di politici) quando in altri paesi esiste solo il parlamento.

:confused:
ps: ovviamente intendo sistema repubblicano.

Loading