PDA

Visualizza la versione completa : Vale la pena di installare un S.O. Linux gratuito?


orwell87
29-12-2011, 16:53
Ciao a tutti, mi chiamo Alessio e vivo a Palermo.. oggi sono al primo post sul forum del sito.. :)

Dunque, attualmente ho un Windows7 sul mio portatile, un hp i3 a 2,13 Ghz.
Un linux potrebbe entrare in contrasto con le funzionalità della macchina che è uscita dalla casa con un S.O. Windows? ..non so, sino a poco tempo fa pensavo che i linux fossero solo per i mac. Quale versione mi consigliate di installare, se ne esistono di migliori rispetto ad altre? A quali problemi legati alla garanzia del computer stesso andrei incontro?

Grazie a tutti, ciao

psykopear
29-12-2011, 17:11
Originariamente inviato da orwell87
Ciao a tutti, mi chiamo Alessio e vivo a Palermo.. oggi sono al primo post sul forum del sito.. :)

Dunque, attualmente ho un Windows7 sul mio portatile, un hp i3 a 2,13 Ghz.
Un linux potrebbe entrare in contrasto con le funzionalità della macchina che è uscita dalla casa con un S.O. Windows? ..non so, sino a poco tempo fa pensavo che i linux fossero solo per i mac. Quale versione mi consigliate di installare, se ne esistono di migliori rispetto ad altre? A quali problemi legati alla garanzia del computer stesso andrei incontro?

Grazie a tutti, ciao

Mediamente linux lo installi e funziona tutto, sicuramente in quel pc lo potrai mettere. Per la garanzia non dovresti perderla installandolo, comunque puoi sempre mettere linux accanto a windows. Di versioni migliori di altre non ce ne sono, sono tutte diverse e ognuna ha le sue caratteristiche, al solito se vuoi iniziare ad usarlo si consiglia ubuntu

www.ubuntu-it.org

ma puoi sempre vederti le più famose e poi scegliere quella che ti piace di più (mint, opensuse, mandriva ecc, cerca su google e vai sui rispettivi siti)

orwell87
29-12-2011, 17:27
Originariamente inviato da psykopear
Mediamente linux lo installi e funziona tutto, sicuramente in quel pc lo potrai mettere. Per la garanzia non dovresti perderla installandolo, comunque puoi sempre mettere linux accanto a windows. Di versioni migliori di altre non ce ne sono, sono tutte diverse e ognuna ha le sue caratteristiche, al solito se vuoi iniziare ad usarlo si consiglia ubuntu

www.ubuntu-it.org

ma puoi sempre vederti le più famose e poi scegliere quella che ti piace di più (mint, opensuse, mandriva ecc, cerca su google e vai sui rispettivi siti)


Ciao psyko, grazie per avermi risposto. Un altro dettaglio utile: qualcuno mi ha detto che non posso più usare la funzione "recovery manager", che tra l'altro per me che sono alle prime armi è stato l'unico modo per non spendere 40 euro dal negoziante.. probabilmente perchè il pc perde la partizione originale..
Non ce nulla da fare per questo? Tutti noi neo-linux saremo costretti in eterno ad entrare nella fatidica Bios del pc per formattare?? :facepalm:

mroghy
29-12-2011, 19:12
Originariamente inviato da orwell87
Ciao psyko, grazie per avermi risposto. Un altro dettaglio utile: qualcuno mi ha detto che non posso più usare la funzione "recovery manager", che tra l'altro per me che sono alle prime armi è stato l'unico modo per non spendere 40 euro dal negoziante.. probabilmente perchè il pc perde la partizione originale..
Dipende. Non perdi la partizione, ma la possibilità di accederci e, soprattutto, nel caso fosse ancora possibile, quest'ultima probabilmente spazzerebbe via il Boot Loader di Linux. Niente di irrecuperabile, comunque.

Non ce nulla da fare per questo? Tutti noi neo-linux saremo costretti in eterno ad entrare nella fatidica Bios del pc per formattare?? :facepalm:
:facepalm: Che c'entra il "fatidico" (de che?) BIOS? Dal BIOS non si formatta un tubo. Le formattazioni della partizione "attiva" la fa l'installer del S.O., delle altre il S.O. stesso. Ah, e Linux formatta nativamente le partizioni Windows, ma non viceversa.

mykol
29-12-2011, 23:02
non c'è il pericolo, linux non cancella windows (se non gli dici di farlo) ma windows (se devi reinstallarlo) cancella il BootLoader (il programma di di avvio) di linux per cui dopo aver reinstallato windows, per avviare linux devi reinstallare il suo bootloader.

Linux non è windows, fa esclusivamente ciò che gli si dice di fare !

In conclusione, puoi facilmente far convivere sullo stesso pc linux e windows senza alcun problema e scegliere ogni volta quale avviare, ovvio che devi documentarti sulla procedura da seguire.

In sostanza, se sul pc c'è già windows, devi ridurre lo spazio da lui occupato, nello spazio liberato installare linux il quale (se gli dai il permesso) installerà il suo BootLoader (il programma che gestisce l'avvio) al posto di quello di windows, ma gli aggiungerà una voce relativa a windows.
In sostanza, avviando il pc, comparirà un menu che ti permetterà di avviare linux o windows.

orwell87
29-12-2011, 23:20
Originariamente inviato da mroghy
:facepalm: Che c'entra il "fatidico" (de che?) BIOS? Dal BIOS non si formatta un tubo. Le formattazioni della partizione "attiva" la fa l'installer del S.O., delle altre il S.O. stesso. Ah, e Linux formatta nativamente le partizioni Windows, ma non viceversa.

Stiamo calmini..
Mi riferivo semplicemente al fatto che si accede al bios ogni volta che si vuole formattare "integralmente" il pc e non si ha una partizione originale del s.o. in uso. Invece col linux dovrei utilizzare un supporto rigido per ripristinare nuovamente il s.o. e "comandare al bios la lettura del cd/dvd al riavvio del pc".
Cavolate per uno esperto, miracoli (recovery manager) per uno che ci capisce poco.


Originariamente inviato da mroghy
Le formattazioni della partizione "attiva" la fa l'installer del S.O., delle altre il S.O. stesso. Ah, e Linux formatta nativamente le partizioni Windows, ma non viceversa.

Spiegato "terra terra" ti seguirei meglio...

bereshit
30-12-2011, 02:07
se hai paura di perdere la partizione di recovery (cosa che cmq non avviene ), puoi fari dei dvd di recovery , windows ha delle utility apposite

cmq

in windows fai backuo dei dati (non si sa mai)
fai deframmentazione e scan disk
assicurati di avere abbastanza spazio libero da ridimensionare
scarica e masterizza ubuntu
l'installer è semplicissimo, al momento della scelta delle partizioni, scegli installa ACCANTO a sistemi operativi già esistenti, fa tutto da se

meglio se mentre installi sei connesso in rete

orwell87
30-12-2011, 13:53
Originariamente inviato da bereshit
meglio se mentre installi sei connesso in rete

Grazie bereshit, spiegazione molto chiara :)
Perchè è meglio se sono connesso alla rete durante l'installazione?

MItaly
30-12-2011, 14:18
Perché in tal caso l'installer di Ubuntu ti consentirà da subito di scaricare buona parte degli aggiornamenti (nonché parte dei "restricted extras", ovvero alcuni pacchetti di software proprietario necessari per far funzionare al meglio il PC).

Loading