PDA

Visualizza la versione completa : ci risiamo


hfish
26-04-2012, 11:52
Un tabaccaio ha esploso un colpo di pistola e ucciso uno dei ladri che stavano tentando un furto nel suo negozio, a Civè di Corezzola, nel padovano. La vittima è un cittadino moldavo di 20 anni. I carabinieri di Piove di Sacco intanto hanno fermato un complice della vittima, ferito, bloccato poco lontano.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il negoziante nelle prime ore di stamattina ha sentito dei rumori provenire dalla tabaccheria ed è sceso di casa armato con una pistola. A quel punto ha visto i ladri che stavano riempiendo una Fiat Punto, rubata la scorsa notte a Padova, di pacchi di sigarette appena sottratti nel negozio. Ha sparato, forse a scopo intimidatorio, ma il colpo ha raggiunto un uomo nel gruppetto e il giovane moldavo è morto poco dopo. Gli altri sono fuggiti a bordo di un'auto risultata rubata. L'auto è stata ritrovata dagli investigatori con le porte aperte e la refurtiva ancora accatastata.

Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Padova ha aperto un fascicolo d'inchiesta; non è escluso che lo stesso tabaccaio venga iscritto dal pm, Benedetto Roberti, nel registro degli indagati, al momento pare come atto dovuto. Al commerciante è stata sequestrata l'arma che aveva con sè, una pistola regolarmente detenuta.

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/04/26/news/padova_tabaccaio_spara_e_uccide_un_rapinatore-33963095/

per quanto non mi piaccia che ci sia gente che spara allegramente per la città rischiando di ferire persone che non c'entrano nulla, trovo sacrosanta la difesa dei propri beni, e mi dispiace per il povero tabaccaio che 99 su 100 sarà incriminato per omicidio colposo o peggio ancora preterintenzionale/volontario

Brown
26-04-2012, 11:55
Originariamente inviato da hfish

Un tabaccaio ha esploso un colpo di pistola e ucciso uno dei ladri che stavano tentando un furto nel suo negozio, a Civè di Corezzola, nel padovano. La vittima è un cittadino moldavo di 20 anni. I carabinieri di Piove di Sacco intanto hanno fermato un complice della vittima, ferito, bloccato poco lontano.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il negoziante nelle prime ore di stamattina ha sentito dei rumori provenire dalla tabaccheria ed è sceso di casa armato con una pistola. A quel punto ha visto i ladri che stavano riempiendo una Fiat Punto, rubata la scorsa notte a Padova, di pacchi di sigarette appena sottratti nel negozio. Ha sparato, forse a scopo intimidatorio, ma il colpo ha raggiunto un uomo nel gruppetto e il giovane moldavo è morto poco dopo. Gli altri sono fuggiti a bordo di un'auto risultata rubata. L'auto è stata ritrovata dagli investigatori con le porte aperte e la refurtiva ancora accatastata.

Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Padova ha aperto un fascicolo d'inchiesta; non è escluso che lo stesso tabaccaio venga iscritto dal pm, Benedetto Roberti, nel registro degli indagati, al momento pare come atto dovuto. Al commerciante è stata sequestrata l'arma che aveva con sè, una pistola regolarmente detenuta.

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/04/26/news/padova_tabaccaio_spara_e_uccide_un_rapinatore-33963095/

per quanto non mi piaccia che ci sia gente che spara allegramente per la città rischiando di ferire persone che non c'entrano nulla, trovo sacrosanta la difesa dei propri beni, e mi dispiace per il povero tabaccaio che 99 su 100 sarà incriminato per omicidio colposo o peggio ancora preterintenzionale/volontario

... ma passera non passerà mai in un tabacchi?? :D

SuperMariano81
26-04-2012, 12:03
Originariamente inviato da hfish

Un tabaccaio ha esploso un colpo di pistola e ucciso uno dei ladri che stavano tentando un furto nel suo negozio, a Civè di Corezzola, nel padovano. La vittima è un cittadino moldavo di 20 anni. I carabinieri di Piove di Sacco intanto hanno fermato un complice della vittima, ferito, bloccato poco lontano.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il negoziante nelle prime ore di stamattina ha sentito dei rumori provenire dalla tabaccheria ed è sceso di casa armato con una pistola. A quel punto ha visto i ladri che stavano riempiendo una Fiat Punto, rubata la scorsa notte a Padova, di pacchi di sigarette appena sottratti nel negozio. Ha sparato, forse a scopo intimidatorio, ma il colpo ha raggiunto un uomo nel gruppetto e il giovane moldavo è morto poco dopo. Gli altri sono fuggiti a bordo di un'auto risultata rubata. L'auto è stata ritrovata dagli investigatori con le porte aperte e la refurtiva ancora accatastata.

Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Padova ha aperto un fascicolo d'inchiesta; non è escluso che lo stesso tabaccaio venga iscritto dal pm, Benedetto Roberti, nel registro degli indagati, al momento pare come atto dovuto. Al commerciante è stata sequestrata l'arma che aveva con sè, una pistola regolarmente detenuta.

http://www.repubblica.it/cronaca/2012/04/26/news/padova_tabaccaio_spara_e_uccide_un_rapinatore-33963095/

per quanto non mi piaccia che ci sia gente che spara allegramente per la città rischiando di ferire persone che non c'entrano nulla, trovo sacrosanta la difesa dei propri beni, e mi dispiace per il povero tabaccaio che 99 su 100 sarà incriminato per omicidio colposo o peggio ancora preterintenzionale/volontario

Ovviamente trovo giustissima la difesa dei propri beni e dei propri cari ma non a tutti i costi.
Trovo meno giusto il fatto che uno per farlo sia "costretto" a ricorrere ad altra violenza.

hfish
26-04-2012, 12:08
in questo particolare caso trovi che il comportamento del tabaccaio sia da punire?
o un pochino più in generale, pensi che una persona sia da punire se nella difesa dei propri beni da rapina uccide un ladro, anche se questo sia disarmato e/o in fuga, con o senza malloppo?

secondo me il solo fatto che qualcuno sia entrato in casa mia o nel mio negozio mi deve dare a prescindere il diritto di sparargli, anche se non ha in mano un'arma. nulla vieta che infatti che ce l'abbia, e sicuramente lui avrà meno scrupoli di me a sparare.

ovviamente il tizio che spara per strada e involontariamente uccide un passante che non c'entra nulla si deve assumere le sue responsabilità per omicidio colposo

SuperMariano81
26-04-2012, 12:24
Originariamente inviato da hfish
in questo particolare caso trovi che il comportamento del tabaccaio sia da punire?
o un pochino più in generale, pensi che una persona sia da punire se nella difesa dei propri beni da rapina uccide un ladro, anche se questo sia disarmato e/o in fuga, con o senza malloppo?

secondo me il solo fatto che qualcuno sia entrato in casa mia o nel mio negozio mi deve dare a prescindere il diritto di sparargli, anche se non ha in mano un'arma. nulla vieta che infatti che ce l'abbia, e sicuramente lui avrà meno scrupoli di me a sparare.

ovviamente il tizio che spara per strada e involontariamente uccide un passante che non c'entra nulla si deve assumere le sue responsabilità per omicidio colposo
E' un argomento molto spinoso, il "diritto di sparare" non dovrebbe esistere in ogni caso, anche se mi rendo conto che rode tantissimo se qualcuno invada la propria privacy domestica (o lavorativa) o ancor peggio si porti via qualcosa.
Non e' detto che lui abbia una pistola, non è detto che se ce l'ha sia vera, o funzionante e non è detto che abbia più o meno scrupoli di sparare il colpo.
E' difficile quindi "giustificare" la difesa con un attacco (del tipo ti sparo prima che tu spari a me) anche perchè spesso si tratta di persone spinte dalle difficoltà a rubare....

Insomma, non è facile, almeno per me, avere un idea chiara sulla questione, faccio molta fatica a dire che "ha fatto bene" a sparare, specie in strada quando potrebbe colpire un innocente.

Angioletto
26-04-2012, 12:25
sono più che d'accordo con hfish.

se un ladro entra in casa e detengo regolarmente il porto d'armi, devo avere io la possibilità di difendere i miei cari e i miei beni.

galz
26-04-2012, 12:36
Originariamente inviato da Angioletto
sono più che d'accordo con hfish.

se un ladro entra in casa e detengo regolarmente il porto d'armi, devo avere io la possibilità di difendere i miei cari e i miei beni.
Sparare per difendere i miei cari e sparare per difendere i miei beni sono due cose ben diverse :stordita:

hfish
26-04-2012, 12:38
Originariamente inviato da SuperMariano81
E' un argomento molto spinoso, il "diritto di sparare" non dovrebbe esistere in ogni caso, anche se mi rendo conto che rode tantissimo se qualcuno invada la propria privacy domestica (o lavorativa) o ancor peggio si porti via qualcosa.
Non e' detto che lui abbia una pistola, non è detto che se ce l'ha sia vera, o funzionante e non è detto che abbia più o meno scrupoli di sparare il colpo.
E' difficile quindi "giustificare" la difesa con un attacco (del tipo ti sparo prima che tu spari a me) anche perchè spesso si tratta di persone spinte dalle difficoltà a rubare....

Insomma, non è facile, almeno per me, avere un idea chiara sulla questione, faccio molta fatica a dire che "ha fatto bene" a sparare, specie in strada quando potrebbe colpire un innocente.

perfettamente d'accordo che l'argomento sia spinoso, e non nascondo di aver cambiato idea negli ultimi tempi, diciamo nell'ultimo paio di anni...

se con fatica, sangue e sudore porti avanti la tua aziendina, il tuo negozio, la tua casa, la tua vita, e qualcuno la viola palesemente, ti riempie di botte, minaccia te, la tua famiglia, i tuoi figli, non ha giustificazione.
se tizio entra in casa e punta una pistola al pancione di mia moglie minacciando di sparare se non gli do quello che voglio, so una sega io se la pistola è vera o finta... o la minaccia può avvenire tramite coltello, o mazza da baseball, decisamente adatte a fare male da vicino ma non a distanza... una volta che il tizio sta andando via, a mani piene o mani vuote, non ho il diritto di fermarlo con ogni mezzo? capisco che la giustizia fatta in casa o la vendetta non vadano incentivate, ma un colpo alle gampe, o anche 5, posso esploderlo? e se ho paura di mancarlo alle gambe e che questo possa girarsi e rispondere al fuoco, posso sparargli al dorso? io penso di averne tutto il sacrosanto diritto

il povero tabaccaio se non avesse sparato si sarebbe trovato cornuto e mazziato, ovvero con il negozio scassinato da riparare, qualche migliaio di euro di merce in meno e nessuna giustizia, in quanto seppur senza certezza al 99% i ladri sarebbero scomparsi nel nulla... penso di poter dire con buona certezza che questo povero tizio ha abbassato drasticamente la probabilità di subire future rapine

LuckySevenRoX
26-04-2012, 12:38
Originariamente inviato da hfish
secondo me il solo fatto che qualcuno sia entrato in casa mia o nel mio negozio mi deve dare a prescindere il diritto di sparargli

sono d'accordo, a mali estremi estremi rimedi.. ci sono punizioni troppo leggere per chi commette reati del genere, soprattutto se non si hanno precedenti.. (si potrebbe dire che lo stato ti incentiva ad effettuare la tua prima rapina :stordita: ) e questo fa inevitabilmente aumentare il numero di persone che tentano il colpaccio..

se ci mettiamo pure il fatto che vado a fare una rapina con la consapevolezza che l'altro non può spararmi.. quasi quasi ci faccio davvero un pensierino anche io..

sono cose assurde purtroppo, sia che si tratti di beni guadagnati col sudore della fronte o l'incolumità delle persone care, io sparo a vista ragazzi..

galz
26-04-2012, 12:44
Originariamente inviato da hfish
se con fatica, sangue e sudore porti avanti la tua aziendina, il tuo negozio, la tua casa, la tua vita, e qualcuno la viola palesemente, ti riempie di botte, minaccia te, la tua famiglia, i tuoi figli, non ha giustificazione.
se tizio entra in casa e punta una pistola al pancione di mia moglie minacciando di sparare se non gli do quello che voglio, so una sega io se la pistola è vera o finta... o la minaccia può avvenire tramite coltello, o mazza da baseball, decisamente adatte a fare male da vicino ma non a distanza...
Questo però è diverso dal "scendo, vedo che sta caricando la merce sulla Punto e lo ammazzo"...

D'accordo se c'è una minaccia, ma DA QUELLO CHE C'E' SCRITTO, sembra quasi un omicidio a sangue freddo

Loading