PDA

Visualizza la versione completa : Monti bis, no si forse...


Nuvolari2
27-09-2012, 15:37
http://www.corriere.it/politica/12_settembre_27/monti-se-serve-saro-disponibile-anche-secondo-mandato_8dfcb2c0-08a7-11e2-b109-0c446f94a4e2.shtml

Monti, dopo averci rassicurato per mesi ripetendo come un mantra che non si sarebbe ricandidato per un secondo mandato (ma se è per questo non si era candidato manco per il primo! Ma ce lo siamo ritrovati lo stesso...), ecco che adesso inizia ovviamente ad aprire qualche spiraglio: "Se le forze politiche lo chiedono sono disponibile a un secondo mandato"

Eccerto... :facepalm:

lnessuno
27-09-2012, 15:50
Ma pensa. :mame:

lnessuno
27-09-2012, 15:57
Chissà se il fatto che Renzi stia al 70% nei sondaggi sulle primarie PD o il fatto che il m5s sia al secondo posto nei sondaggi sulle elezioni nazionali abbia influito in qualche maniera su tale apertura... :mame:

Di certo, se si candidasse Renzi per il PD voterei m5s sperando che sia una forte opposizione ad un governo Renzi (che pure mi piace molto meno rispetto a qualche mese fa, ma reputo ancora paurosamente superiore agli altri).

Tutto questo, naturalmente, se per il bene degli italiani non decideranno di togliere agli elettori la possibilità di esprimere un voto, naturalmente... in tal caso mi limiterei a ringraziare per aver democraticamente deciso per me :zizi:

Nuvolari2
27-09-2012, 16:07
Originariamente inviato da lnessuno
Chissà se il fatto che Renzi stia al 70% nei sondaggi sulle primarie PD o il fatto che il m5s sia al secondo posto nei sondaggi sulle elezioni nazionali abbia influito in qualche maniera su tale apertura... :mame:

Di certo, se si candidasse Renzi per il PD voterei m5s sperando che sia una forte opposizione ad un governo Renzi (che pure mi piace molto meno rispetto a qualche mese fa, ma reputo ancora paurosamente superiore agli altri).

Tutto questo, naturalmente, se per il bene degli italiani non decideranno di togliere agli elettori la possibilità di esprimere un voto, naturalmente... in tal caso mi limiterei a ringraziare per aver democraticamente deciso per me :zizi:

Quoto integralmente.

E aggiungo che secondo me potrebbe realmente verificarsi l'ipotesi di un RINVIO delle elezioni, per motivi di "interesse nazionale". Se non erro c'è un cavillo secondo il quale è possibile rinviare la data delle elezioni se si ritiene che non sia il momento opportuno per farle, da un punto di vista economico, sociale, etc.
(non sono sicuro, ma avevo letto qualcosa a riguardo un annetto fa...).

Del resto con un M5S dato fra il 15 e il 20% si rischierebbe davvero di far saltare tutti i piani di lor signori Spenna Grulli. Quindi ipotizzo che faranno di tutto per NON andare alle urne e rimandare al giorno del mai, la nuova data.

Comunque nel frattempo prepariamoci a campagne mediatiche a base di vetriolo e panzane, sul m5s.

vonkranz
27-09-2012, 16:10
a quando le teorie su un prossimo colpo di stato? :fagiano:

Grambo
27-09-2012, 16:18
se succedessero le cose da voi indicate, la fiducia (se si può chiamare così) nei partiti raschierebbe il fondo del fondo raschiato

e le elezioni non ci sarebbero mai

credo che i politicanti stano facendo quello che hanno sempre fatto..cercare di approfittarne

una delle prove è che in questa situazione in cui servirebbero segnali forti e veri da parte della politica cosa si ha?
-che la legge per l'anticorruzione non è ancora approvata
-che la legge elettorale non è ancora stata decisa, perchè con qualsiasi nuovo metodo nessuno dei due schieramenti si garantirebbe la vittoria
-che i tagli ai costi della politica sono solo nelle parole
e che (come sempre) nessuno dice ciò che avrà intenzione di fare

i vecchi politici hanno capito che ne usciranno completamente distrutti e stanno cercando di tenersi il più possibile tutti i privilegi. Gente che ha solo rubato ha la faccia tosta di dire "mi ripresenterò alle elezioni perchè ormai questo è il mio lavoro"..cioè questi sono nella merd@ più totale e ci prendono in giro dicendocelo in faccia...almeno prima lo facevano senza dire niente a nessuno :incupito:

Electro
27-09-2012, 16:38
Originariamente inviato da Nuvolari2
Quoto integralmente.

E aggiungo che secondo me potrebbe realmente verificarsi l'ipotesi di un RINVIO delle elezioni, per motivi di "interesse nazionale". Se non erro c'è un cavillo secondo il quale è possibile rinviare la data delle elezioni se si ritiene che non sia il momento opportuno per farle, da un punto di vista economico, sociale, etc.
(non sono sicuro, ma avevo letto qualcosa a riguardo un annetto fa...).


Fortunatamente non è così.

Costituzione,Art. 60. La Camera dei deputati e il Senato della Repubblica sono eletti per cinque anni. La durata di ciascuna Camera non può essere prorogata se non per legge e soltanto in caso di guerra.

Quindi, a meno che non creino una guerra appositamente, fortunamente non possono farci niente... :zizi: (In questo momento ringrazio i costituenti che sono stati ben previdenti :zizi: )


Originariamente inviato da vonkranz
a quando le teorie su un prossimo colpo di stato? :fagiano:


Ancora un altro ne devono fare? :zizi:

Comunque, è vero che siamo un popolo di pecoroni, ma in cuor mio, non voglio neppure pensare che gli italiani accettino di eleggere monti. :incupito:

Grambo
27-09-2012, 16:42
Originariamente inviato da Electro
Costituzione,Art. 60. La Camera dei deputati e il Senato della Repubblica sono eletti per cinque anni. La durata di ciascuna Camera non può essere prorogata se non per legge e soltanto in caso di guerra.


è rimandabile anche nel caso in cui fondassero un'assemblea costituente per scrivere una nuova costituzione :mem:

dubito che lo faranno :confused:

Electro
27-09-2012, 16:53
Originariamente inviato da Grambo
è rimandabile anche nel caso in cui fondassero un'assemblea costituente per scrivere una nuova costituzione :mem:

Fonte?
L'articolo 60 è abbastanza chiaro su questo punto.

La costituzione prevede la sua modifica, con un iter lungo, e in ogni caso i cittadini tramite referendum possono abrogare le modifiche, a meno che non si mettano addirittura d'accordo per votare le modifiche con i 2/3 dei voti.
(Art. 138.
Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.

Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali.

La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.

Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti. )

chris
27-09-2012, 17:02
Originariamente inviato da Nuvolari2
ma se è per questo non si era candidato manco per il primo! Ma ce lo siamo ritrovati lo stesso...

Infatti non è richiesto. Il presidente del consiglio dei ministri non viene eletto dal voto popolare, mai. Ma la Costituzione la leggiamo solo quando ci fa comodo.

Loading