PDA

Visualizza la versione completa : Contratto per realizzazione sito. Come tutelarsi ?


queid
02-07-2013, 16:14
Come da titolo, devo affidare ad una web agency il compito di realizzare un sito web.

Come devo comportarmi per tutelarmi un minimo sui risultati ?

Sicuramente dovr˛ firmare un contratto, posso pretendere di aggiungere alcune clausole ?


Esperienze dirette o link sull'argomento sono benvenuti :)

fcaldera
02-07-2013, 16:19
Dovessi essere io il cliente :D mi assicurerei come minimo di

- farmi intestare il dominio
- farmi dare tutte le credenziali di accesso (ftp, ssh, pannello di amministrazione hosting, - mysql...)
- farmi dare un documento tecnico con i requisiti minimi lato server (metti che tra qualche anno cambi webagency e hosting...)
- pagare in tranches a SAL concordati e di far versionare TUTTO il materiale, chiedendo l'accesso al repository di versionamento e/o di avere un regolare export del repository.
- richiedere alla webagency di non compilare alcun file sorgente, e nel caso di rilasciarti anche i sorgenti (es. metti che ti fanno un applicazione e ti rilasciano il .phar, poi come fai a farlo modificare da qualcun'altro ?)

inoltre, a parte gli aspetti legali, se vuoi assicurarti un buon risultato sii tu per primo un buon cliente ovvero

- fornisci dei feedback veloci ogni volta che la webagency ti chiederÓ di darne.
- fornisci tutto il materiale che ti chiedono, non farli aspettare settimane o mesi per avere le fotografie, i testi, la tua partita IVA e quant'altro.
- se ti chiedono un parere su un layout non cambiare idea di continuo. Prenditi il tempo necessario per fare le tue scelte ma poi non stravolgere tutto.
- Scegli una persona, una sola, che gestisca la parte tecnica. Tu se sei in grado di farlo, oppure qualcuno che ne capisca. A prescindere da questo designa un SOLO interlocutore che prenda le decisioni.
- Concorda con la webagency uno strumento per la condivisione dei materiali (mail, cloud storage, wetransfer... ecc), per la segnalazione di bug e per i task (es. Jira, Trello)

queid
02-07-2013, 16:42
Grazie della risposta.

Su tutto quello che hai elencato mi sono giÓ tutelato:

nel senso che il dominio e l'hosting saranno giÓ di mia proprietÓ.

Codici sorgenti da compilare non ce ne sono, ma file .psd di Photoshop si...

Posso fare qualcosa sull'aspetto grafico del sito ? Sicuramente non posso descrivere l'estetica, ma fare dei riferimenti a siti nel portfolio della suddetta societÓ forse si.

fcaldera
02-07-2013, 17:12
Originariamente inviato da queid
Posso fare qualcosa sull'aspetto grafico del sito ? Sicuramente non posso descrivere l'estetica, ma fare dei riferimenti a siti nel portfolio della suddetta societÓ forse si.

Un riferimento ad altri siti che ti piacciono dovrebbe andare pi¨ che bene (magari evita di prendere come esempio i siti dei tuoi competitors, se stiamo parlando di un sito aziendale)


Puoi anche dare delle direttive generali o specifici vincoli ma con il rischio che poi la grafica risulti troppo vincolata. Di solito le webagencies fanno almeno due proposte grafiche.

Fatti guidare da loro comunque e ascolta i loro consigli. Si presume che come grafici conoscano il loro lavoro e sappiano dare la giusta importanza a colori, spazi ed ingombri. A meno che tu ovviamente non dia suggerimenti anche a dentista, idraulico e meccanico quando devi curare una carie, riparare un rubinetto o fare il tagliando all'auto. :zizi:

queid
02-07-2013, 17:18
Originariamente inviato da fcaldera
Si presume che come grafici conoscano il loro lavoro e sappiano dare la giusta importanza a colori, spazi ed ingombri. A meno che tu ovviamente non dia suggerimenti anche a dentista, idraulico e meccanico quando devi curare una carie, riparare un rubinetto o fare il tagliando all'auto. :zizi:

Esatto Ŕ impossibile dare un consiglio a chi ne sa pi¨ di te, ma un livello qualitativo estetico che ci si pu˛ aspettare almeno si...

Chieder˛ di aggiungere questi riferimenti a contratto.

Myaku
02-07-2013, 19:01
Originariamente inviato da fcaldera
- richiedere alla webagency di non compilare alcun file sorgente, e nel caso di rilasciarti anche i sorgenti (es. metti che ti fanno un applicazione e ti rilasciano il .phar, poi come fai a farlo modificare da qualcun'altro ?)


mh, su questo punto ci farei per˛ una precisazione



I file sorgente contengono gran parte del know-how e del modo di lavorare del professionista. Know-how che pu˛ essere facilmente assimilato e replicato da altri senza il consenso dell'autore e senza il giusto ritorno economico che dovrebbe derivarne. Quando un cliente commissiona un lavoro, il materiale richiesto corrisponde al risultato finale (per esempio, un esecutivo di stampa pdf) e non al sorgente.

(da qui (http://graficaedeliri.blogspot.it/2011/01/sorgenti-di-polemiche.html))

la cessione dei files sorgenti, a meno che siano strettamente necessari (es. se prepari un layout che poi il cliente si monterÓ in codice da solo), non Ŕ una cosa "dovuta", e se richiesta, comporta dei costi in taluni casi non indifferenti. Tra l'altro non Ŕ neanche detto che il professionista / agenzia accetti di sottostare a questa clausola.
Ok che nel caso specifico di un sito web, una volta che hai gli accessi ftp&compagnia ai sorgenti ci arrivi comunque, motivo per cui nel contratto non Ŕ strano trovarci una clausola di non divulgazione dei sorgenti o simile. E se non c'Ŕ, va comunque tenuto presente che quello che il cliente ottiene Ŕ un diritto di sfruttamento economico dell'opera dell'ingegno per le finalitÓ stabilite dallo stesso contratto, ma la paternitÓ intellettuale (con tutti i diritti annessi e connessi) resta a chi l'ha creato (tradotto: non Ŕ scontato che tu possa farci tutto ci˛ che vuoi).

:ciauz:

saucer
03-07-2013, 09:20
1░) Chiedere accessi FTP e quant'altro apre tutto uno scenario :
1.1 ) Solleva la webagency da qualsiasi problema di malfunzionamento del sito ( o comunque Ŕ difficile poi provare che la causa di un accesso non autorizzato sia da imputare alla webagency o al cliente )
1.2 ) La web agency potrebbe non essere disposta a cedere il proprio programma a terzi, ma solo l'utilizzo
2░) I sorgenti ( punto 1.2 ) spesso non sono di proprietÓ del cliente, ma della webagency ( o se questa si appoggia a collaboratori esterni, a questi ultimi ). Pertanto la "compilazione" dei sorgenti Ŕ consentita qualora il cliente non acquisti "il codice", ma "il sito".
3░) repository ecc.ecc. ricade nel punto 2░ e 1.2; pertanto a meno di acquisto del codice, dubito che la web agency ti dia la possibilitÓ di leggere anche 1 sola riga di codice.

Capisco i contratti "di ferro" per tutelarsi, ma pretendere di portare l'auto dal meccanico e pretendere di ottenerne tutta la conoscenza sul suo operato, mi sembra leggermente azzardato/assurdo.

Loading