PDA

Visualizza la versione completa : Lavoro o università?


Experiment8
10-03-2014, 11:33
Ciao a tutti,

è da un pò di tempo che ho questa cosa dentro e vorrei cercare di avere alcune opinioni ed esperienze personali riguardo appunto se sia il caso o meno di frequentare un'università, vi spiego la mia situazione:

Sono lead developer in un agenzia milanese da circa due anni, e per quanto mi piaccia il mio vero sogno è sempre stato quello di entrare nell'industria videoludica, ma attualmente non ho le competenze e l'esperienza ovviamente per buttarmi in quel settore (ci ho provato e ci sto provando, ma senza fortuna purtroppo).
Vedo comunque che in qualsiasi campo io mi butti, che sia il web development o quello videoludico, ovviamente le grosse realtà danno una laurea per scontato, e anche se io (con diploma elettronico ora mi ritrovo a fare siti per grossi clienti internazionali, quindi non sono esattamente uno che non si applica o che si adagia sugli allori).

Questo mi lascia un pò amareggiato sia perché comunque non ho il tempo materiale per studiare a casa (dovuto anche alla stanchezza di 4 ore al giorno di mezzi pubblici), e molte cose che cerco di fare le porto avanti lentamente sia perché sono nuove sia per le cause succitate.

Sento sempre più il bisogno dentro di me di "alzare l'astina", e vorrei sapere da chi ha esperienza in merito, se una laurea può veramente darmi quella spinta necessaria, o se a vostro parere non è essenziale e basta che mi applichi nello studio "casalingo" e cerchi magari un'esperienza di stage per inserirmi in questo mondo.

Grazie per essere arrivati fino a qui, buona giornata

kalosjo
10-03-2014, 12:03
Gli studi universitari, se ben fatti, danno una forte e solida base e uno spunto per approfondire. ma soprattutto forniscono un metodo per affrontare determinati problemi. Il resto lo acquisisci da te.

Se ti serve solo come titolo è un conto. Io ne starei fuori. Se vuoi invece veramente affrontare lo studio con responsabilità e impegno allora fallo, anche se sarà sicuramente molto impegnativo.

In bocca al lupo, capisco che non sia una scelta facile, soprattutto dopo tempo che non studi...

kalosjo
10-03-2014, 12:06
P.S.
Informazione di servizio.

Io sono decaduto il mese scorso.......... mi mancavano solo due materie per la laurea in ingegneria informatica. 30 esami sostenuti a partire dal 1987.
Ho dovuto fare una scelta un po' di tempo fa, e di conseguenza non ho potuto stare più dietro allo studio.
Se tornassi indietro farei molto di più per laurearmi in breve tempo.

Experiment8
10-03-2014, 12:18
Ciao Kalosjo,

grazie per le preziose info, no in realtà non sarebbe per avere il titolo, ma proprio per una volontà mia di migliorarmi. In più vorrei poter crearmi delle basi che attualmente non ho, su linguaggi come Java e C++, di cui ora so poco nulla, ma mettersi li da solo a studiarli è veramente difficoltoso, cose che magari uno con un minimo di esperienza risolve in due minuti mi porta via giorni perché, appunto, non ho le basi per affrontarle.

Che vorrrei capire è se il gioco vale la candela, perché significherebbe rinunciare a lavorare (economicamente posso farlo per carità, ma è comunque un sacrificio non da poco di questi tempi), e vorrei capire se comunque i tre anni di non-lavoro varranno la laurea che mi guadagnerei (io sono propenso a credere di si, perché avrei comunque molte più possibilità e molte più conoscenze per mettermi in gioco, anche per conto mio).

Grazie mille ancora

kalosjo
10-03-2014, 12:22
Ciao Kalosjo,

grazie per le preziose info, no in realtà non sarebbe per avere il titolo, ma proprio per una volontà mia di migliorarmi. In più vorrei poter crearmi delle basi che attualmente non ho, su linguaggi come Java e C++, di cui ora so poco nulla, ma mettersi li da solo a studiarli è veramente difficoltoso, cose che magari uno con un minimo di esperienza risolve in due minuti mi porta via giorni perché, appunto, non ho le basi per affrontarle.

Che vorrrei capire è se il gioco vale la candela, perché significherebbe rinunciare a lavorare (economicamente posso farlo per carità, ma è comunque un sacrificio non da poco di questi tempi), e vorrei capire se comunque i tre anni di non-lavoro varranno la laurea che mi guadagnerei (io sono propenso a credere di si, perché avrei comunque molte più possibilità e molte più conoscenze per mettermi in gioco, anche per conto mio).

Grazie mille ancora

Se rientra nelle tue possibilità, se il lavoro può attendere, se credi di poterti impegnare seriamente, allora fallo. io te lo consiglio vivamente.

Devo aggiungere un se: se l'università che sceglierai è in grado di darti quello che chiedi, anche qui la scelta non è banale.

Experiment8
10-03-2014, 12:33
Certo anche questo è un punto molto importante, grazie mille comunque per i chiarimenti, ci penserò su, se intanto qualcun'altro vuole darmi il suo parere è ben accetto :)

Ciao e grazie

Kahm
10-03-2014, 12:37
vorrei raccontarti la storia di Emilio,
Emilio era un mio vecchio compagno di classe delle medie, faccio notare che 20 anni fa
non c'era la scuola dell'obbligo fino alla quinta superiore, bensì si poteva scegliere di uscire
e andare alavorare a 14 anni, ebbene lui cosi fece.
ovviamente inizialmente era un apprendista, lavorò in un cantiere navale, della mia città
piano piano fece esperienza, e imparò bene il mestiere tanto che quando noi tutti ex compagni
id classe eravano in università e senza un soldo in tasca, lui aveva:
-moto
-auto
-1/3 mutuo casa pagato
-10 anni di contributi alle spalle

ora...tenendo conto che chi si laurea lo fa ad una media di 25 anni, possiamo dire che dorà darsi
moooolto da fare ,se vuole raggiungere i 35 anni di contributi minimi previsti,
-quanto costa studiare?
-quanto costa stare tutto il giorno fuori casa/mangiare etc?
-quanto costano 10 anni (superiori+uni) di libri/tempo/ricerche varie, corsi extra?


ora...io non voglio dirti se andare in uni o meno, fatto sta che attualmente io vedo sempre piu
laureati disoccupati, cmq...se fai come Emilio, secondo me, fai bene, se ti laurei pure

Experiment8
10-03-2014, 13:03
Ciao Kahm,

sono assolutamente d'accordo con te, infatti mi sono attivato in tal senso per chiedere anche solo per uno stage in aziende del settore videoludico, ma ovviamente senza successo, perché ho l'impressione che il non avere la laurea ti pregiudichi in qualche modo in alcune realtà come queste, se poi ci metti che mi piacerebbe lavorare all'estero, la laurea diventa essenziale (continuo a sperare in uno stage ma la realtà mi sembra questa).

Con questo comunque rimango del parere che o la laurea la faccio perché voglio farla, o non la faccio solo per il titolo altrimenti è solo spreco di soldi e tempo (come appunto mi suggeriva Kalosjo). Detto questo l'esperienza di Emilio è iniziata 20 anni fa, e a mio avviso il clima era differente, e il mio problema ora non è tanto di sistemarmi (certo con un lavoro da 3000 euro al mese vivrei sicuramente meglio che ora), ma crearmi un futuro in cui possa fare quello che mi piace fare, e non vorrei arrivare tra 10 anni a pentirmi di non aver fatto una laurea che avrebbe potuto aprirmi la mente e aprirmi nuove porte e nuove opportunità.

Grazie

javatore
10-03-2014, 15:31
Ciao Kahm,

sono assolutamente d'accordo con te, infatti mi sono attivato in tal senso per chiedere anche solo per uno stage in aziende del settore videoludico, ma ovviamente senza successo, perché ho l'impressione che il non avere la laurea ti pregiudichi in qualche modo in alcune realtà come queste, se poi ci metti che mi piacerebbe lavorare all'estero, la laurea diventa essenziale (continuo a sperare in uno stage ma la realtà mi sembra questa).

Con questo comunque rimango del parere che o la laurea la faccio perché voglio farla, o non la faccio solo per il titolo altrimenti è solo spreco di soldi e tempo (come appunto mi suggeriva Kalosjo). Detto questo l'esperienza di Emilio è iniziata 20 anni fa, e a mio avviso il clima era differente, e il mio problema ora non è tanto di sistemarmi (certo con un lavoro da 3000 euro al mese vivrei sicuramente meglio che ora), ma crearmi un futuro in cui possa fare quello che mi piace fare, e non vorrei arrivare tra 10 anni a pentirmi di non aver fatto una laurea che avrebbe potuto aprirmi la mente e aprirmi nuove porte e nuove opportunità.

Grazie
La tua è la classica domanda da un milione di dollari a cui nessuno potrà darti una risposta esaustiva... Troverai sempre chi dice che è meglio laurearsi e chi dice che è un inutile spreco di tempo e soldi perché l'amico o il cugino ha fatto carriera anche solo col diploma... Inoltre, fatta una scelta, non saprai mai l'altra a cosa ti avrebbe portato... La vita è imprevedibile...

Oggi la società è molto competitiva, non è più come 20 anni fa... Di lavoro ce n'è poco, quindi se i laureati fanno fatica penso che i diplomati non possano che faticare il doppio... Al netto di raccomandazioni ovviamente...

Io la laurea l'ho presa e lo rifarei perché ho capito che l'università non è solo una questione di contenuti... Devo dire anche che sono stato fortunato perché i miei genitori un pasto e un letto me l'hanno sempre dato e le tasse le hanno pagate loro senza finire sotto ai ponti... Se avessi avuto la necessità di portare soldi a casa magari sarebbe stato diverso...

Kahm
10-03-2014, 15:33
attenzione, la storia di Emilio ha un piccolo particolare:
l'epoca in cui ha avviato la carriera lavorativa è stata piu o mneo 20 anni fa
cioè l'italia stava bene
oggi anche un fo**uto genio che esce con 111 e lode farebbe fatica a lavorare al McDonald's

ora i miei 2 cents:
vuoi fare soldi? va a pulire vetri al semaforo

Loading