PDA

Visualizza la versione completa : Intanto, nel paese dell'italicum...


lnessuno
16-04-2015, 19:25
Shish a tutti!

Pare che nel paese in cui le leggi elettorali si fanno per calcolo, sbattendosene i maglioni dei profili di incostituzionalità che hanno cassato la precedente legge elettorale, i calcoli per la nuova legge elettorale vengano fatti aritmeticamente male.

Secondo gli sbagliati calcoli governativi infatti, con questo sistema avremmo i soliti 630 gaglioffi... peccato che si siano dimenticati i 10 deputati delle regioni a collegi uninominali. Che farebbero salire il numero a 640. Dovranno portarsi degli sgabelli da casa?

http://www.newspedia.it/clamoroso-errore-rende-italicum-matematicamente-incostituzionale/

“Nella legge elettorale in corso di esame alla Camera, il cosiddetto Italicum, il M5S ha scoperto un errore di calcolo da prima elementare. L’Italicum infatti prevede più seggi di quelli della Costituzione. Oltre ad essere una legge schifosa, l’Italicum è stato anche scritto con i piedi.

Oggi analizzando il testo che ci è arrivato dal Senato, abbiamo scoperto un errore madornale. La Costituzione prevede che la Camera dei Deputati sia composta da 630 membri. Ebbene. con l’Italicum scritto dal Pd e da Berlusconi si arriva addirittura fino a 640. Sapete perché?


Chi vince il premio di maggioranza prende 340 seggi, i restanti seggi 290 vengono distribuiti tra gli altri partiti. Ma si sono dimenticati del Trentino Alto Adige e della Valle D’Aosta (dove ci sono i collegi uninominali). Quei 10 seggi vanno sommati ai 630 previsti dalla Costituzione. In totale fanno 640. Non sono stati neppure in grado di scrivere una legge elettorale questi signori.”


O magari vogliono semplicemente non farli più partecipare: si tratterebbe di un'evidente diminuzione, in un certo senso :ecco:

Vincent.Zeno
16-04-2015, 19:55
e la fonte dove sta? il documento reale intendo. non l'articolo che cita l'articolo senza fonti

ci vuole niente che, anche sta volta, si sia di fronte ad una non notizia :mame:

lnessuno
16-04-2015, 20:08
https://www.facebook.com/danilotoninelli.m5s/videos/542017102603058/

Se cerchi il testo dell'italicum... penso che una ricerca su google potrà soddisfare le tue richieste, se sei in grado di fare da solo quel tipo di controlli (beato te se ci capisci qualcosa di leggi elettorali :))

Vincent.Zeno
16-04-2015, 20:15
riportare un faccia-libro-non-documento al posto di una fonte reale (ufficiale) mi sembra inopportuno, e pure fazioso :madai!?:

Vincent.Zeno
16-04-2015, 20:25
Se cerchi il testo dell'italicum...

penso che una ricerca su google potrà soddisfare le tue richieste, se sei in grado di fare da solo quel tipo di controlli (beato te se ci capisci qualcosa di leggi elettorali :))

io devo cercare? sei tu che ne parli. :bhò:

le mie richieste dovrebbero essere implicitamente soddisfatte da quello che tu dici e riporti:
non sei nemmeno sicuro di ciò che hai scritto e citato :bhò:

lnessuno
16-04-2015, 20:32
Toninelli è il tizio che, nel m5s, si occupa di legge elettorale. Da li la proposta che Renzi ribattezzò "toninellum".

Fin qui ci siamo?

Toninelli, dicevo, ha fatto due conti e sono spiegati bene sul faccia-libro che citi. Se ti va ascoltalo e cercati il testo della legge. Se pensi sia una minchiata aspettati una risposta divertita da parte del PD, dubito si facciano scappare quest'occasione.

Ma se vuoi informarti al di la di quello che ti fornisco io hai la mia benedizione, ma non venire a dirmi che io devo fornirti tutta la documentazione a riguardo. Sono mica un avvocato al cospetto del giudice :D

Vincent.Zeno
16-04-2015, 20:41
non serve "tutta", basta il documento di legge e/o le regole attuative (di cui non si fa mai menzione precisa, ma solo generica) :bhò:
così ne so di più anch'io!

se, come è probabile, tra poco si scopre che questa informazione è una castronata,
quelli che l'hanno promossa... si cospargeranno il capo di cenere con la stessa enfasi?

edit: nel faccia-libro non è spiegato nulla, sono solo affermazioni

lnessuno
16-04-2015, 21:12
Cito dal suo post:



L'Italicum assegna 340 seggi al partito "vincente" e 278 ai partiti "perdenti".
12 sono i seggi assegnati agli eletti all'estero.
Ebbene, accade che il Governo si dimentica che 10 dei 12 seggi del Trentino - Alto Adige e della Valle d'Aosta vengono assegnati con un sistema elettorale diverso da quello nazionale. Qui, infatti, i collegi sono uninominali, cioè tanti collegi e tante votazioni quanti sono i seggi a disposizione.
Ma veniamo al punto: di questi 12 seggi, uno spetta di diritto ad un partito "perdente" a livello nazionale.
Ed è proprio qui che casca l'asino, cioè il Governo.
Infatti la proposta di legge prevede che i 12 seggi in questione possano essere ricompresi nei 340 assegnati al partito "vincente", ma NON dice nulla nel caso in cui fossero assegnati a partiti "perdenti".
Cosa significa questo? Che i seggi vinti dai partiti "perdenti" a livello nazionale non potranno essere ricompresi nella quota di 278, ma dovranno essere sommati a questi.
Quindi avremo da un minimo di 631 deputati eletti, ad un massimo di 640, nel caso i seggi in eccesso siano vinti tutti dai partiti "perdenti".

Vincent.Zeno
16-04-2015, 21:29
Cito dal suo post:

si l'avevo letto, ma non ho capito il discorso sul partito perdente che vince i seggi del trentino, non so come funzioni (o come dovrebbe funzionare in origine)

aspetto di saperne di più :ciauz:

lnessuno
16-04-2015, 22:39
Altre info:

http://www.huffingtonpost.it/2015/04/16/italicum-troppi-deputati_n_7076690.html


"È stato coniugato male il rapporto tra i seggi eletti in Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige e quelli nel resto d'Italia. Tanto che, a seconda del numero dei voti, da quelle due ragioni a statuto speciale potrebbero essere eletti da due a dieci parlamentari in più rispetto a quelli previsti dalla Costituzione", spiega Lorenzo Spadacini, ordinario di diritto costituzionale all'Università di Brescia, di fronte agli attoniti deputati.

Ma questo non è l'unico rischio messo in luce ieri pomeriggio dagli esperti convocati alla Camera. "L'Italicum svuota i principi democratici del nostro ordinamento", afferma l'avvocata Anna Falcone (...) Giuseppe Guzzetta, per esempio, sottolinea come "avere due sistemi completamente diversi per la Camera e per il Senato (che secondo la riforma costituzionale non sarà più elettivo, ndr) potrebbe far incorrere nel rischio di incostituzionalità".

Loading